Logo
Stampa questa pagina

Collaborazioni, il GA Zurich stringe un patto con il broker Mag Jlt. Demozzi (SNA): anche Enrico Ulivieri (Anapa) sposa le tesi SNA In evidenza

ENRICO ULIVIERI, PRESIDENTE GRUPPO AZIENDALE ZURICH ENRICO ULIVIERI, PRESIDENTE GRUPPO AZIENDALE ZURICH

MILANO - Accordo strategico quello annunciato da Enrico Ulivieri, Presidente del Gruppo Aziendale Zurich (e vicePresidente di Anapa, ndr). Coinvolto uno dei maggiori broker assicurativi al mondo, la Mag Jlt, con un giro di affari di circa 25 mld di dollari e presenza capillare in tutti i continenti. Si tratta - secondo gli osservatori - della più importante convenzione nel mercato dell'intermediazione assicurativa in Italia. Un successo che indica un implicito riconoscimento del valore delle "Collaborazioni fra Intermediari", così come molti anni orsono immaginato dal Sindacato Nazionale Agenti e recentemente concretizzatosi nell'approvazione della Legge 221/2012.
Dunque, uno dei soci fondatori di Anapa crede (e lo dimostra nei fatti, ndr) nella bontà di dare sempre maggiori opportunità alla rete agenziale, oltre a quelle garantite dalla propria Mandante di riferimento. Non a caso lo stesso Ulivieri ha ribadito anche in queste ore il pensiero secondo il quale occorre lavorare affinché gli agenti "non siano più costretti a mettere in discussione le proprie relazioni con i clienti a causa di iniziative unilaterali della Compagnia".
Soddisfazione è stata espressa in tal senso dal Presidente Nazionale SNA, Claudio Demozzi per il quale evidentemente la linea intransigente promossa a più riprese dal Presidente di Anapa, nei confronti delle collaborazioni fra intermediari, sta iniziando a vacillare. "Cirasola - afferma Demozzi - ha dichiarato più volte la sua contrarietà alla collaborazione tra intermediari in grado a suo dire di minare l’equilibrio di sistema e di creare una giungla senza regole. Poi, però, - aggiunge Demozzi - nella pratica quotidiana tutti (anche taluni Presidente di GAA) ricorrono all’utilizzo degli strumenti operativi fortemente voluti da SNA. E questo per dare ossigeno alla categoria agenziale, altrimenti ristretta entro ambiti estremamente ridotti, specie nelle reti monomandatarie".
Luigi Giorgetti