Logo
Stampa questa pagina

Intesa Sanpaolo acquisisce Banca ITB. Persino in tabaccheria si venderanno polizze RcAuto e si concederanno piccoli prestiti In evidenza

Intesa Sanpaolo acquisisce Banca ITB. Persino in tabaccheria si venderanno polizze RcAuto e si concederanno piccoli prestiti

MILANO - Nei giorni scorsi avevamo anticipato le indiscrezioni secondo le quali Intesa Sanpaolo era in competizione per la scalata ed il controllo di Generali. Una battaglia a suon di miliardi di euro. E' di queste ore la definizione dell'acquisizione da parte dell'istituto di credito torinese di Banca Itb, convenzionata con 22.000 tabaccherie in Italia.
Banca Itb è una realtà tutta particolare: fra i servizi offerti sul mercato, ricordiamo i pagamenti di bollette, l'emissione di carte di credito prepagate, piccole polizze assicurative. Intesa Sanpaolo punta a trasformare le tabaccherie in una sorta di mini-agenzie, raggiungendo così una capillarità sul territorio nazionale senza precedenti (33.000 punti vendita), ben superiore a quella delle Poste Italiane (13.000 uffici circa), della grande distribuzione (27.000 supermercati) o delle stazioni di servizio carburanti (25.000 circa).
Ai pagamenti e incasso erogati attraverso il terminale, si affiancheranno corner multimediali e piattaforme digitali a disposizione della clientela per prelevare contanti, acquistare carte prepagate e, soprattutto, sottoscrivere polizze assicurative RcAuto. Intesa Sanpaolo parrebbe dunque andare oltre il concetto della bancassicurazione, scegliendo un connubio senza precedenti con un nuovo canale di vendita. Con buona pace della professionalità. Secondo alcuni analisti, inoltre, la possibile scalata a Generali si inserirebbe in tale contesto strategico.
Luigi Giorgetti