Menu

Il punto sul mandato della Compagnia Bene Assicurazioni. Intervista esclusiva al Presidente Nazionale SNA, Claudio Demozzi In evidenza

CLAUDIO DEMOZZI, PRESIDENTE NAZIONALE SNA CLAUDIO DEMOZZI, PRESIDENTE NAZIONALE SNA

MILANO - Dopo l'intervista resa a Snachannel dall'a.d. di Bene Assicurazioni, Andrea Stabìa, ecco arrivare puntuale la replica del Presidente Nazionale SNA, Claudio Demozzi.
Presidente Demozzi, secondo Lei il mercato sentiva il bisogno di Bene Assicurazioni?
Secondo me il mercato italiano sentiva e sente il bisogno di nuove iniziative imprenditoriali nel settore dell industria assicurativa. Siamo un mercato tra i più concentrati del mondo, con pochissime Compagnie che occupano quote di mercato impensabili in altri Paesi. In questo senso la nascita di una nuova Compagnia è sempre da accogliere con entusiasmo, purché si rivolga agli Agenti e rispetti i diritti che gli Intermediari professionisti hanno ottenuto in decenni di battaglie negoziali e sindacali.
In che senso ritiene che Bene possa differenziarsi rispetto ai competitori nazionali e internazionali?
Mi auguro che questa nuova Compagnia possa differenziarsi positivamente riservando agli Agenti una qualità relazionale ed un trattamento contrattuale ed economico degno di una Categoria che ha scritto la storia dell assicurazione in Italia e nel mondo.
Che importanza rivestono gli Agenti nella strategia industriale di Bene Assicurazioni? 
Stando a quanto enunciato dai promotori sembrerebbe un importanza centrale. Stando alle prime valutazioni fondate sui documenti in nostro possesso, sorge più di qualche perplessità sul ruolo che la Compagnia intende riservare agli Agenti e sui diritti fondamentali che intende riconoscere.
In che senso il mandato offerto agli Agenti sarebbe innovativo?
Sotto alcuni aspetti il Mandato che abbiamo analizzato, sottoscritto da un Agente con Bene Assicurazioni, è senza dubbio innovativo, ma lo è anche in senso sfavorevole all'Agente. In particolare proprio nell'ambito dei diritti fondamentali tra i quali certamente le indennità di fine Mandato che sono di fatto azzerate salvo eccezioni elencate specificamente, in cambio della paternità del portafoglio, non prevista come opzione ma come automatismo. Si legge infatti all'art 26 del Mandato che all'Agente è riconosciuta la facoltà di trasferire ad altre Imprese i contratti e che tale riconoscimento "sostituisce il diritto dell Agente di percepire le indennità di fine rapporto". Inoltre, in Mandato, sempre all'art 26, segue la dicitura "l'Agente riconosce che tale rinuncia a suo esclusivo vantaggio costituisce condizione di miglior favore per salvaguardare e valorizzare l avviamento commerciale caratteristico dell impresa agenzia". C è da chiedersi, se si tratti di un vantaggio per l'Agente... ed inoltre, se realmente fosse un vantaggio per l'Agente, perché sarebbe inserita la specifica dichiarazione che giustifica la rinuncia alle indennità, come vuole la Legge per le clausole in pejus?!
Ci giunge notizia da colleghi che hanno partecipato all’evento di presentazione sul territorio, il cd. Bene Talent, che il Mandato di agenzia si porrebbe fuori dell'ANA, è vero?
È vero che l'art 1 del Mandato recita testualmente "il rapporto tra Compagnia e Agente è disciplinato...dalla carta dei valori della Compagnia, dall'Accordo Nazionale Agenti edizione 2003 che seppur cessato al momento del conferimento del presente incarico troverà applicazione convenzionale nel rapporto tra Compagnia e Agente per la regolazione di talune materie e istituti giuridici fintanto che non intervenga un nuovo successivo accordo o eventuale normativa generale o accordo aziendale che sostituisca totalmente o parzialmente od integri oppure disciplini ex novo detto Accordo e le materie e istituti giuridici in esso previsti".
Leggere in un Mandato che una normativa aziendale potrà integrare o addirittura sostituire ex novo l'ANA a dir poco fa rabbrividire. Inoltre, l'ANA è in regime di prorogatio, è tutt'altro che cessato, ed in caso di sua eventuale cessazione sarebbe sostituito dall'ANA del 1961 avente valore erga omnes, cioè di Legge e questo chi ha scritto il Mandato lo sa bene... mi auguro che gli Agenti si rendano conto di cosa significhi sottoscrivere una clausola come quella appena riportata, che ripeto costituisce l'art 1 del Mandato Bene Assicurazioni che ci è stato trasmesso.
Corrisponde a verità il fatto che il mandato di agenzia non preveda la liquidazione di fine rapporto, ma in alternativa la libera gestione del portafoglio agenziale?
Corrisponde a verità che all'Agente non è offerta la libera scelta di optare per le indennità o la liberalizzazione del portafoglio, ma la Compagnia stabilisce già nel Mandato che il portafoglio seguirà l'Agente e che questa titolarità sostituisce, cioè azzera, qualsiasi indennità prevista dall'ANA a fine rapporto. Salvo alcuni specifici casi, cioè eccezioni, specificatamente elencati e normati come il decesso, l'invalidità permanente totale,... cambio di professione con cancellazione dal RUI e stipula di un patto di non concorrenza. Solo in questi casi all'Agente potrà essere liquidata l'indennità di fine mandato prevista dall'Accordo Nazionale Agenti. Attenzione, anche in questo caso la Compagnia si riserva comunque la facoltà di apprezzare il portafoglio dell agenzia con la miglior valutazione di mercato e tenendo come base minima quale clausola di salvaguardia quella prevista dalla accordo ANA. Davvero questo può essere interpretato come una conquista degli Agenti?!
Aggiungerei che il Mandato da noi visionato in SNA contiene altri passaggi critici, come ad esempio la differenziazione delle provvigioni per cluster di Agenti, con la specifica che il cluster viene disciplinato dalla Compagnia secondo un analisi attuariale di redditività industriale attuale prospettica e comunicato all'Agente con apposite lettere circolari e che di volta in volta saranno emanate.
Ma c è di più. Il Mandato prevede che la Compagnia sia Titolare dei dati personali dei clienti e che l'Agente sia nominato quale Responsabile del trattamento di tali dati. Su questo, il Mandato Bene Assicurazioni appare indietro di qualche anno... è risaputo infatti che alcune Compagnie hanno già riconosciuto agli Agenti la Titolarità autonoma dei dati. Ha poco senso riconoscere all'Agente la paternità del portafoglio e poi limitarne il trattamento dei dati al ruolo di Responsabile anziché di Titolare.
Penso che su numerosi passaggi del Mandato Bene Assicurazioni sarebbe utile a tutti un confronto e magari l'adozione da parte della Compagnia di correttivi a salvaguardia dei diritti degli Agenti. Se l'Impresa considera davvero centrali gli Agenti, non avrà difficoltà ad accogliere questo invito ed a ripristinare l'applicazione completa dell ANA e la tutela dei diritti contrattuali ed economici degli stessi.
La Redazione

3 commenti

  • Ottimista
    Ottimista Venerdì, 21 Luglio 2017 20:01 Link al commento

    Dal momento che si tratta di una nuova compagnia, ritengo sia cosa utile che lo Sna prenda contatti con il vertice aziendale per verificare se vi siano i margini per condividere un percorso virtuoso che porti alla piena soddisfazione delle esigenze (e dei diritti) degli agenti e contemporaneamente al successo dell'impresa. Che ne dite, è una buona idea?

  • Sandokan
    Sandokan Venerdì, 21 Luglio 2017 12:31 Link al commento

    Le ottime persone che guidano questa compagnia sapranno porre rimedio a quanto ha segnalato il presidente Demozzi ne sono certa

  • luca
    luca Venerdì, 21 Luglio 2017 10:59 Link al commento

    In sostanza una solenne fregatura, altro che innovativi e dalla parte della rete : questo è, per definizione, impossibile

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700