Menu

Lo Stato ripensa il sistema contributivo, ai giovani con pochi contributi viene garantito un assegno minimo per la pensione. In stile Fonage In evidenza

GIULIANO POLETTI GIULIANO POLETTI

MILANO - Il sistema contributivo puro, adottato dall’Inps per il calcolo delle pensioni pubbliche di chi ha iniziato a versare i propri contributi dopo il 1996, continua a mostrare i propri limiti, la propria inadeguatezza per buona parte della popolazione italiana. E così il Governo cerca di correre ai ripari. Per bocca del Ministro del Welfare, Giuliano Poletti, fa sapere che è allo studio l’introduzione di un assegno pensionistico minimo, che potrebbe arrivare a 650-680 euro, per quei giovani che non riusciranno a costituire il montante contributivo minimo necessario all’erogazione della pensione.
I giovani che sono interamente nel sistema contributivo e hanno avuto carriere discontinue, in futuro, potrebbero dunque andare in pensione prima dei 70 anni e con 20 anni di contributi avendo maturato un trattamento pari a 1,2 volte l'assegno sociale (448 euro). È l’indicazione arrivata dal Governo al tavolo con i sindacati, ieri. In sostanza, la soglia verrebbe ridotta da 1,5 a 1,2 e quei giovani uscirebbero con un assegno minimo di circa 650-680 euro, perché verrebbe aumentata anche la cumulabilità tra assegno sociale e pensione contributiva. Nella somma andrebbero comprese anche le maggiorazioni sociali. Il meccanismo è rivolto ai giovani che hanno iniziato a versare i contributi dal primo gennaio 1996 e che avranno dunque pensioni calcolate interamente mediante il sistema contributivo.
“I Governi dei decenni precedenti  - commenta il Presidente Nazionale SNA, Claudio Demozzi - hanno trasformato il sistema pensionistico nazionale adottando quello contributivo forse più per necessità di bilancio che per convinzione ed  oggi cominciamo a vederne i limiti, le criticità. Il sistema contributivo puro infatti non è in grado di garantire a tutti una pensione minima dignitosa, non prevede sistemi di salvaguardia per le categorie deboli né per i giovani che, tra disoccupazione e lavori saltuari, difficilmente potranno contare su un montante contributivo sufficiente. Ormai è evidente a tutti - aggiunge Demozzi - che lo Stato deve intervenire per appianare le ingiustizie diffuse insite nel sistema contributivo puro così come è chiaro che le categorie deboli sono anche quelle che non saranno mai in grado di compensare le lacune del sistema pensionistico pubblico attraverso la previdenza complementare privata. Solo due anni fa qualche pseudo esponente sindacale degli Agenti andava dicendo che l’unica vera soluzione ai nostri problemi pensionistici poteva essere la trasformazione del Fondo Pensione Agenti in un insieme di piani individuali con il sistema contributivo puro; spero che oggi, anche alla luce delle questioni aperte dal Governo, ci siamo tutti resi conto di quanto tali affermazioni fossero superficiali e forse strumentali a vantaggio dei poteri forti e delle grandi compagini assicurativo-finanziarie, che hanno ben altri interessi in gioco”.
La Redazione

3 commenti

  • Felice
    Felice Venerdì, 01 Settembre 2017 09:29 Link al commento

    ma quelli di Aniapa ne avessero azzeccata una di previsioni che fosse una?? evviva la lungimiranza dei presidenti di gruppo che hanno fondato Aniapa e che tutt'ora la sostengono...

  • Aldo
    Aldo Giovedì, 31 Agosto 2017 16:24 Link al commento

    il sistema contributivo funziona eccome solo quando l'economia è florida e i singoli cittadini dispongono delle necessarie risorse, altrimenti in epoca di crisi, disoccupazione ecc. risulta lacunoso e insufficiente a garantire un minimo trattamento pensionistico a tutti come è ben chiaro al nostro presidente ed a chiunque abbia studiato la materia

  • Giorgia
    Giorgia Giovedì, 31 Agosto 2017 16:22 Link al commento

    esssssiiii mò adeso vanno tutti a scola da Demozzi anche Poletti e Gentiloni ma non anno niente demejo da far?

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700