Menu

In Italia un lavoratore su cinque è autonomo e senza adeguate garanzie assistenziali e previdenziali. Demozzi (SNA): situazione drammatica In evidenza

In Italia un lavoratore su cinque è autonomo e senza adeguate garanzie assistenziali e previdenziali. Demozzi (SNA): situazione drammatica

MILANO - L'Italia è il Paese nel quale si registra il secondo più alto numero percentuale di lavoratori autonomi in Europa. Più di un lavoratore su cinque (il 21%) infatti è privo di un contratto di lavoro subordinato ed opera con partita Iva o comunque in autonomia. In questo primato siamo secondi solo alla Grecia, con quasi un lavoratore su tre (il 29%) che opera in autonomia. La media europea si ferma al 14% cioè a circa un lavoratore autonomo su sette.
Il quadro emerge con chiarezza dai dati diffusi da Eurostat. All'estremo opposto di Grecia e Italia si trovano Germania, Estonia, Lussemburgo, Svezia (9%) e Danimarca (8%), con meno di un lavoratore autonomo ogni dieci lavoratori occupati stabilmente con regolare contratto di lavoro subordinato. Se a questi dati aggiungiamo il record non invidiabile dell’Italia in tema di disoccupazione (11%), otteniamo un quadro piuttosto preoccupante della situazione occupazionale nel nostro Paese. Inoltre, le garanzie assistenziali e previdenziali di cui beneficiano i lavoratori autonomi, in Italia, non sono certo un valido paracadute per la serenità di individui e famiglie.
Per il Presidente Nazionale SNA, Claudio Demozzi, “abbiamo di fronte una situazione drammatica, che dovrebbe costituire per le assicurazioni un terreno fertile su cui seminare trattamenti assistenziali e previdenziali di alta gamma, che possano garantire a tutti i lavoratori autonomi un minimo di serenità in caso di malattia, infortunio o situazione di crisi lavorativa. Purtroppo gli strumenti che le grandi compagnie forniscono agli Agenti per soddisfare questa diffusa domanda di sicurezza sono praticamente gli stessi di venti anni fa e questo dimostra ancora una volta l’arretratezza del settore e l’incapacità di molti dirigenti di compagnia di affrontare nel modo giusto i temi più attuali. Senza trascurare il fatto - conclude Demozzi - che si tratta, ancora una volta, di un’occasione mancata per un business enorme, tutto da scoprire, per compagnie e agenti”.
La Redazione

2 commenti

  • Aldo
    Aldo Sabato, 09 Settembre 2017 10:29 Link al commento

    leggi meglio quelle polizze a cui alludi caro collega. Scoprirari come le coperture per chi non gode delle sicurezze del lavoro dipendente siano esigue, lacunose. Sarebbe ora che le nostre compagnie offrissero coperture serie e complete. Siamo noi a metterci la faccia.

  • agenteGenerali
    agenteGenerali Venerdì, 08 Settembre 2017 10:42 Link al commento

    Noi di Generali le polizze per i autonomi cele abbiamo eccome. Come scrive Cirasola chi non ha avuto successo come agente non può dare consigli ai altri

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700