Menu

Rc Intermediari, obbligo di comunicazione all’Ivass: Sna scrive all’Istituto di vigilanza: “L'adempimento sia a carico delle Compagnie che emettono la polizza” In evidenza

CLAUDIO DEMOZZI, PRESIDENTE NAZIONALE SNA CLAUDIO DEMOZZI, PRESIDENTE NAZIONALE SNA

MILANO - Nel pomeriggio di ieri (5 febbraio ndr), giorno in cui scadeva il termine definito dall’Ivass per la comunicazione di rinnovo della polizza di responsabilità civile da parte degli Intermediari iscritti in sez. A del RUI, il Sindacato Nazionale Agenti di assicurazione ha inviato una nota all’Istituto di Vigilanza con il duplice scopo sia di esprimere forte preoccupazione per le numerose segnalazioni da parte di iscritti che non sono riusciti a completare in tempo la trasmissione dei file esclusivamente a causa d’impedimenti di natura tecnico-informatica sia, soprattutto, per ribadire le proprie perplessità circa il ripristino di un onere, a suo tempo soppresso.
Ha scritto infatti Sna che l’adempimento “da mera formalità rischia di assumere oggi una valenza addirittura maggiore dell’effettiva vigenza della polizza. Paradossalmente, se la polizza venisse rinnovata e la comunicazione non pervenisse in tempo, l’agente verrebbe messo in seria difficoltà da un’annotazione di inoperatività che diventerebbe di fatto ingiustificata. Al contrario, una comunicazione effettuata nei tempi, potrebbe comunque non essere di per sé significativa”.
Il Sindacato Nazionale chiede, dunque, che l’onere a carico degli agenti venga definitivamente abolito e, nel breve termine, sostituito dall’informazione acquisita direttamente dalle Compagnie emittenti tramite tracciato elettronico. “Questa costituirebbe certamente una soluzione più semplice e di minore impatto per il sistema”, dichiara il Presidente nazionale, Claudio Demozzi.
Alessandra Schofield

13 commenti

  • Mirko
    Mirko Domenica, 11 Febbraio 2018 11:53 Link al commento

    Cirasolia e i (pochi) solidali rimasti in Aniapa invece d'accordo con l'isvap? nessun reclamo, impegnati in altre faccende affaccendati?

  • Giuseppe Testa
    Giuseppe Testa Venerdì, 09 Febbraio 2018 15:28 Link al commento

    Beh, meglio tardi che mai, con la speranza che il prossimo anno l'Ivass tenga conto della nostra giusta nota.

  • Giuseppe Testa
    Giuseppe Testa Venerdì, 09 Febbraio 2018 15:26 Link al commento

    Beh, meglio tardi che mai, con la speranza che il prossimo anno l'Ivass tenga conto della nostra giusta nota.

  • Giuseppe Testa
    Giuseppe Testa Venerdì, 09 Febbraio 2018 15:26 Link al commento

    Beh, meglio tardi che mai, con la speranza che il prossimo anno l'Ivass tenga conto della nostra giusta nota.

  • Giuseppe Testa
    Giuseppe Testa Venerdì, 09 Febbraio 2018 15:25 Link al commento

    Beh, meglio tardi che mai, con la speranza che il prossimo anno l'Ivass tenga conto della nostra giusta nota.

  • Giuseppe Testa
    Giuseppe Testa Venerdì, 09 Febbraio 2018 15:25 Link al commento

    Beh, meglio tardi che mai, con la speranza che il prossimo anno l'Ivass tenga conto della nostra giusta nota.

  • Visir
    Visir Giovedì, 08 Febbraio 2018 20:39 Link al commento

    ......dimenticavo il mega regalo fatto per legge alle società che si occupano dei servizi per la firma digitale . Quanto ci è costato come categoria l'obbligo imposto dall'alto di dotarci di firma digitale ? Quanto hanno guadagnato queste società di servizi ? Era così necessaria e irrinunciabile la firma digitale per le comunicazioni di rito ad Ivass ?

  • Visir
    Visir Giovedì, 08 Febbraio 2018 20:30 Link al commento

    Mi permetto di fare una osservazione ai colleghi che hanno scritto che questo intervento di SNA andava fatto prima : se fosse stato fatto prima secondo voi sarebbe stato ascoltato ? Dopo che sono stati spesi da Ivass centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici (nostri !!!) per la gestione informatica del le istanze al RUI in formato digitale, probabilmente incassate da qualche società informatica gradita a Banca d'Italia o al dirigente di turno che su suggerimento di qualche mega studio di consulenza (???) ha ricevuto l'incarico di elaborare il software necessario - pensate davvero che prima di avere un riscontro concreto e tangibile sulla inutilità e la difficoltà di una tale procedura i signori burocrati avrebbero prestato ascolto a chi lavora, ha senso pratico e non butta via i soldi perchè li guadagna con fatica e non sono frutto della fatica di altri ????? Illusi e ingenui : guardate bene questa nostra disgraziata Nazione, osservate a fondo e leggete con attenzione le leggi che scrivono questi eccelsi burocrati e cercate di comprendere che il problema non è solo di SNA . Qui si cozza contro un muro, un muro insormontabile. E solo quando il danno è fatto, di fronte all' evidenza delle conseguenze prodotte ormai incontestabili e sotto gli occhi di tutti, allora, solo allora si corre ai ripari . Ascoltare i suggerimenti e i consigli per tempo è cosa usuale nelle persone intelligenti ....qui stiamo parlando di altre teste .........e altri interessi .............

  • Luciano Fasce
    Luciano Fasce Giovedì, 08 Febbraio 2018 18:27 Link al commento

    Caro Presidente non riesco a condividere pa positività della tua nota e, ovviamente, nemmeno il commento dei colleghi. L'adempimento così come imposto da Ivass andava contestato all'origine non alla fine del percoso, e la nota dello Sna sembra la classica chiusura delle porte quando i buoi sono usviti. In netto anticipo, diciamo dicembre andava chiesto in moddo inequivicabile ( Ivass rimane un pubblico servizio) un numero di assistenza, una procedura di invio che prevedesse comunque un sistema altervativo e una conferma di ricezione automatica. Richieste minime e stupisce che, chi li da te se ne occupa, non le abbia richieste. Spero che invece non sia dovuto ad altri motivi quali la mancanza di ruolo che noi Agenti stiamo subendo da tempo da patte Ivass (vedi il ripristino di questa insensata obbligatorietà). Un saluto.

  • Eli
    Eli Mercoledì, 07 Febbraio 2018 12:03 Link al commento

    Bravo Presidente, grazie ! Il contenuto della nota denota molta intelligenza, logica e praticità. Noi agenti tutti speriamo nelle stesse doti in chi la dovrà leggere e trarne spunto per una modifica del provvedimento Ivass n. 58/2017 istanze e comunicazioni al RUI in formato digitale.
    Io nella mia semplicità e soprattutto rassegnazione...... dopo aver tribulato per mandare la comunicazione mi ero limitata a pensare che dovrebbe esserci un limite alla stupidità/ottusità umana, ma evidentemente certi burocrati italiani riescono a superare anche le più pessimistiche previsioni .......

  • Aldo
    Aldo Martedì, 06 Febbraio 2018 19:22 Link al commento

    gli unici a prendere posizioni... come sempre

  • Felice
    Felice Martedì, 06 Febbraio 2018 18:00 Link al commento

    bravissimi! giusta iniziativa!

  • letizia
    letizia Martedì, 06 Febbraio 2018 17:21 Link al commento

    sono pienamente d'accordo, invece di snellire e rendere più fluida l'attività dell'intermediario, andiamo ad appesantire con faraginose formalità prive di senso nei suoi confronti ma con l'intenzione di trasferire responsabilità e rischi troppo onerosi. Forse era il caso di inviarla ancora prima la nota?

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700