Menu

Decreto "ammazza-agenti": lettera aperta del Presidente nazionale Sna, Claudio Demozzi, a tutti gli intermediari assicurativi In evidenza

CLAUDIO DEMOZZI, PRESIDENTE NAZIONALE SNA CLAUDIO DEMOZZI, PRESIDENTE NAZIONALE SNA

MILANO - Il Presidente nazionale Sna, Claudio Demozzi, ha inviato in queste ore una nota ufficiale a tutti gli intermediari, iscritti e non iscritti al Sindacato. "Lo scorso 23 aprile - ricorda Demozzi - il Sindacato Nazionale Agenti professionisti di assicurazione è stato audito presso la Commissione Speciale per l’esame degli atti urgenti presentati dal Governo del Senato e presso la Commissione speciale per l'esame di Atti del Governo della Camera dei Deputati, riunite in seduta congiunta. Prima Associazione di rappresentanza intervenuta, Sna ha consegnato altresì il documento visionabile in allegato.
L’azione mediatica ed istituzionale messa in atto da Sna negli ultimi mesi, - prosegue Demozzi - fin dal giorno dell’emanazione da parte del Consiglio dei Ministri dello Schema di Decreto Legislativo di recepimento della Direttiva europea sulla distribuzione assicurativa IDD (8 febbraio 2018), ha contribuito in maniera determinante (lo confermano le dichiarazioni di tutte le forze politiche di maggioranza e quelle dei Relatori del provvedimento, riportate da varie agenzie di stampa) all’urgenza con la quale le Commissioni si sono occupate del Decreto ed alla posizione, quasi unanime, assunta dalla maggioranza dei Componenti delle Commissioni medesime, alcuni dei quali intervenuti personalmente al recente Congresso nazionale Sna di Cervia.
Uno dei passaggi risultati utili ad evidenziare la superficialità con la quale sono stati scritti alcuni articoli del “Decreto ammazza-agenti”, è la proposta di modifica dell’art. 120-ter del Codice delle Assicurazioni, che prevede l’obbligo per l’Agente di dichiarare, nel Mod. 7B: “d) fermo quanto previsto dal decreto legge 31 gennaio 2007 n. 7' convertito, con modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, se distribuisce determinati prodotti sulla base di un obbligo contrattuale che lo vincoli in modo esclusivo con una o più imprese di assicurazione; in tal caso l'intermediario comunica al contraente la denominazione di tali Imprese”. In presenza di una Legge dello Stato che vieta qualsiasi patto di esclusiva tra Compagnia ed Agente, la disposizione sopra riportata risulta in contrasto con l’impianto normativo vigente. Necessita pertanto di essere sostanzialmente modificata od abrogata.
E’ evidente che - continua il Presidente nazionale Sna - mettere in luce questo aspetto del Decreto non significa rendere fuorilegge chi continua ad operare per un’unica Impresa, pur in presenza di una Legge che vieta i patti di esclusiva, ma segnalare –opportunamente- la palese contraddizione normativa. Sna –solo Sna- ha dunque richiesto l’abrogazione di questo ulteriore onere informativo a carico degli Agenti italiani, non giustificato né giustificabile sulla base della legislazione vigente.
Inoltre, per chi non avesse compreso il motivo per il quale Sna ha richiesto il ripristino della disposizione europea (“Gli Stati membri garantiscono che, nello svolgere l’attività di distribuzione assicurativa, i distributori di prodotti assicurativi agiscano sempre in modo onesto, imparziale e professionale per servire al meglio gli interessi dei loro clienti”) che impegna gli Intermediari ad operare anche con imparzialità, ricordiamo che il termine imparziale nella lingua italiana significa: “di persona che nel giudicare e nel trattare si mostra obiettiva e spassionata, seguendo unicamente un criterio di giustizia, senza favorire per interesse o per simpatia più gli uni che gli altri (Vocabolario Treccani)”. Vorremmo che ogni professionista potesse sempre vantarsi di agire in modo imparziale! Ad “altri” questo passaggio dello Schema di Decreto evidentemente è sfuggito, tant’è che in Audizione, Sna è stata l’unica Associazione a richiedere la modifica.
Qualche grande Impresa preferisce che la norma obblighi gli Agenti ad operare “con diligenza, correttezza e trasparenza” (Art.1, punto 21 dello Schema di Decreto Lgs.) e non con imparzialità, forse perché l’imparzialità ci obbligherebbe a rimandare al mittente quei prodotti iper-standardizzati, iper-semplificati, svuotati e ridotti ai minimi termini sotto l’aspetto propriamente assicurativo, che ci vengono affidati per la distribuzione presso i nostri clienti.
Sui motivi per cui Anapa di Vincenzo Cirasola, anche su questo tema, sembri allinearsi alla tesi delle Compagnie, lasciamo a voi ogni valutazione… quello che è certo è che l’obbligo di agire con imparzialità serve alle grandi Agenzie organizzate, ma anche e soprattutto alle piccole e medie Agenzie pluri e mono-mandatarie, che sono proprio quelle che spesso hanno minori mezzi per fronteggiare la pressione commerciale della/e Mandante/i , per i prodotti meno consulenziali e per i piani di riforma in pejus del portafoglio! Ancora una volta qualcuno cerca di confondere le idee agli Agenti, con newsletter e comunicati predisposti ad arte. Forse con lo scopo di  indebolire il fronte Sna.
Ma non ci riusciranno! Abbiamo agito, sebbene da soli, con tempestività, forza e determinazione e grazie al contributo di un elevato numero di militanti, siamo riusciti a fare breccia presso il Ministero competente, l’Ivass, l’Ania e presso tutte le Forze parlamentari. Ce l’abbiamo davvero messa tutta! Siamo ora nelle mani della Politica, i cui esponenti hanno già dimostrato, di persona ed attraverso dichiarazioni alle principali agenzie di stampa, di condividere buona parte delle posizioni Sna.
Il Decreto ammazza-agenti, potenzialmente mortale per un grande numero di Colleghi italiani, per i loro Collaboratori e Dipendenti, deve essere sostanzialmente modificato o ritirato. Se così non sarà, non ci resterà che un ulteriore azione giudiziaria e l’arma della disobbedienza civile! Sna non ha paura di esporsi, non teme l’ira dei poteri forti né le ritorsioni degli Apparati… Per il Sindacato Nazionale Agenti, Prima ci sono gli Agenti!"
Luigi Giorgetti

3 commenti

  • sa
    sa Martedì, 08 Maggio 2018 20:34 Link al commento

    Questo è parlar chiaro non come quei altri che no i capisse un casso

  • Mario
    Mario Sabato, 28 Aprile 2018 19:39 Link al commento

    siamo circondati! abbiamo contro qualche grande compagnia, l'isvap e qualche altro potere forte nonchè quei agenti che stanno sempre dalla parte sbagliata e cioè con le compagnie e l'ania sempre e comunque a prescindere

  • Aldo
    Aldo Sabato, 28 Aprile 2018 19:36 Link al commento

    giuste precisazioni, anche per chiarire le stupidaggini che qualcuno (sempre il solito) ha scritto urbi et orbi

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700