Menu

La morte della donna investita da un’auto a guida autonoma decreta la fine dei test Uber e Toyota in Arizona e in California In evidenza

La morte della donna investita da un’auto a guida autonoma decreta la fine dei test Uber e Toyota in Arizona e in California

MILANO - Accade di tanto in tanto che le fantasticherie tecnologiche, spacciate per conquiste tangibili, si schiantino sulla dura realtà quotidiana, lasciando i millantatori in braghe di tela alle prese con tortuose smentite e correzioni di rotta. Già nel n. 119 della nostra rivista L’Agente di Assicurazione avevamo riportato i dati reali della mobilità autonoma e assistita, per evidenziare come, su questo versante, i grandi produttori di software e con essi le case automobilistiche e persino l’industria assicurativa si sono fatti prendere la mano dalla fantasia o, come dice lo stesso Sergio Marchionne, dalla fantascienza, dando per fatto ciò che nella penna dei progettisti è poco più di uno schizzo.
Ecco quindi che dopo il recente incidente mortale avvenuto a Tempe, in Arizona, il governatore Doug Ducey ha deciso di mettere fine agli esperimenti di guida autonoma negando la licenza di effettuare prove su strada ai veicoli autopilotati di Uber che per evitare danni reputazionali si è ritirato anche dalla California. “Nel miglior interesse delle persone del mio stato, ho dato mandato al Dipartimento dei Trasporti di sospendere la licenza di Uber per i test e le operazioni con i veicoli autonomi sulle strade pubbliche dell’Arizona”, ha dichiarato il governatore, aggiungendo che tale sperimentazione si è dimostrata “un fallimento”. Un fallimento tale che Toyota si è allineata al colosso di San Francisco decidendo di sospendere anch’essa i collaudi sulle strade della California dei mezzi muniti di “chaffeur mode”, in considerazione dei limiti evidenziati durante i test e per evitare, ha detto il portavoce della casa costruttrice giapponese Brian Lyons, che i collaudatori possano “essere influenzati negativamente da questo incidente” e cioè dall’investimento della quarantanovenne Elaine Herzberg uccisa a Temple lo scorso 18 marzo dall’auto a guida autonoma di Uber.
Va inoltre rilevato che nel corso di quest’anno Waymo - collegata a Google attraverso Alphabet e protagonista di numerose partnership con automaker del calibro di BMW e Fiat-Chrysler, ha ridotto del 65% le vetture autonome circolanti in California, nonostante i risultati positivi registrati nella sia pure limitata esperienza sviluppata a Phoenix. Attenzione quindi agli effetti speciali di cui si dotano i chiacchieroni tecnologici quando mostrano filmati di self driving fatti in laboratorio e quando affermano che essi rappresentano non tanto l’oggi, quanto piuttosto lo ieri perché le conquiste fatte sono ancora più sofisticate.
La realtà non corrisponde alle favole e noi viviamo di realtà.
Roberto Bianchi

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700