Menu

I Gaa aderenti allo Sna animano un dibattito di grande respiro sui temi di maggiore interesse per la categoria. Intervista a Dario Piana In evidenza

DARIO PIANA DARIO PIANA

MILANO - Martedì prossimo 5 marzo alle ore 10,30 si riunirà a Milano presso l’Hotel Uptown Palace il Comitato dei Presidenti e Rappresentanti di Gruppo Aziendale per dibattere un ordine del giorno piuttosto impegnativo che va dalle revoche agli accordi aziendali, alla proposta Sna di rinnovo dell’Ana, al disegno di legge proposto in Parlamento dal Senatore Andrea de Bertoldi e infine alle Casse di Previdenza agenti. Dopo la relazione introduttiva di Dario Piana, Presidente del Comitato dei Gaa che abbiamo intervistato per conoscere le motivazioni che lo hanno ispirato nella scelta degli argomenti posti in discussione, si avvicenderanno sul palco il Presidente Nazionale Sna Claudio Demozzi, l’avvocato Gianluigi Malandrino e il Consulente Sna Domenico Fumagalli.
Presidente Piana, la riunione del Comitato dei Gaa Sna si annuncia piuttosto ricca di contenuti, quale sarà a suo modo di vedere il riscontro in termini di partecipazione?
Per essere sincero, nel formulare l’ordine del giorno ho cercato di indicare i temi che maggiormente stanno a cuore alla categoria e quindi ai rappresentati aziendali. E dalle comunicazioni ricevute fino a questo momento mi sento di prevedere una partecipazione superiore alle mie stesse aspettative. D’altro canto la rinnovata sintonia ideale tra i Gaa che si riconoscono nello Sna ha fatto sì che gli incontri del Comitato siano sempre molto partecipati e di grande spessore politico.
Al terzo punto all’ordine del giorno gli accordi integrativi, quali sono le criticità riscontrate?
La criticità è una soltanto e cioè che la sigla di un accordo integrativo aziendale non sufficientemente discusso in sede sindacale possa spostare la contrattazione di secondo livello su un piano più favorevole alla mandante e creare le condizioni ottimali alla costituzione di un precedente pericoloso per tutto il mercato. Ritengo quindi che l’analisi congiunta Gaa-Sna dei temi costituenti le piattaforme aziendali sia di fondamentale importanza per tutti.
La vexata quaestio delle revoche è di nuovo al centro delle azioni di tutela del Sindacato e dei Gaa, ritiene che vi sia una vera e propria strategia messa in atto dalle imprese?
Non mi è dato di sapere se si tratti di una strategia, sta di fatto che il fenomeno delle revoche ad nutum riesplode periodicamente mettendo in allarme la categoria. Personalmente considero questo istituto non soltanto spiacevole perché si abbatte come una mannaia sui colleghi che lo subiscono, ma anche pericoloso in quanto possibile congegno ad orologeria utilizzabile per condizionare la categoria nei momenti topici della trattativa aziendale e generalista. A Milano cercheremo di analizzare la questione con la necessaria serenità, senza farci prendere da facili esaltazioni, ma con la fermezza di chi ha sulle proprie spalle il peso della responsabilità di tutelare la parte debole del contratto di agenzia.
A proposito di negoziati istituzionale, pensa che la proposta di rinnovo dell’Ana inoltrata dallo Sna all’Associazione delle imprese vada nella direzione di determinare la cornice entro la quale devono muoversi le relazioni industriali future?
Direi di sì, l’Ana 2003 tecnicamente valido e in vigore, contiene alcune tutele fondamentali per la categoria che non vanno messe in discussione. Risente però del tempo trascorso durante il quale sono state introdotte leggi e norme di settore che hanno modificato lo scenario entro il quale esso viene applicato. Mettervi mano per renderlo più coerente con i tempi è un’esigenza per gli agenti, ma ritengo lo sia anche per le compagnie, nonostante i maldestri tentativi messi in atto da talune di esse di non tenerne conto nei nuovi mandati agenziali. Considerare decaduto l’Ana 2003, oltreché giuridicamente impossibile, non sarebbe però un affare per le imprese, in quanto al suo posto subentrerebbe l’Ana 1951 recepito con D.P.R. n. 387 del 18 marzo 1961 che è tutt’ora munito di efficacia erga omnes. E l’Ana 1951 conteneva l’esclusiva reciproca!
Si riconosce nella proposta di legge del Senatore Andrea de Bertoldi sulla figura dell’agente di assicurazione?
Le rispondo con una domanda: in qualità di agente prima, di Presidente di Gruppo e del Comitato dei Gaa poi, come potrei non riconoscermi in una legge che eliminerebbe completamente il regime di esclusiva, renderebbe monoannuali tutti i contratti assicurativi, fornirebbe ope legis all’accordo imprese agenti automatica applicazione con riferimento a tutti i rapporti di agenzia assicurativa, introdurrebbe il preavviso obbligatorio di 6 mesi nei casi di interruzione unilaterale del mandato da parte delle mandanti?
Infine le Casse Previdenza, quali sono gli aspetti che meritano una riflessione comune?
Il rilancio del Fondo Pensione Agenti ha riportato alla luce il tema irrisolto del futuro pensionistico degli agenti, i quali sono ottimi intermediari previdenziali della clientela, ma pessimi consulenti della propria previdenza complementare. Un dibattito aperto sulle criticità e sulle opportunità finalizzato a individuare il fattori comuni ritengo sia fondamentale per non cadere nell’errore di considerare ciascuna Cassa come un microcosmo finanziario separato da tutti gli altri. Parlarne è invece propedeutico a condividere le soluzioni comuni capaci di rispondere in modo strutturato alle esigenze complessive della categoria.
Roberto Bianchi

1 commento

  • Andrea
    Andrea Mercoledì, 27 Febbraio 2019 18:25 Link al commento

    finalmente un sindacato forte unito e determinato! bisogna togliere il limite ai mandati per il presidente Demozzi che ha compiuto un vero miracolo!

Lascia un commento

ATTENZIONE :
L'IMMEDIATEZZA DELLA PUBBLICAZIONE DEI VOSTRI COMMENTI NON PERMETTE FILTRI PREVENTIVI.
UTILIZZATE QUESTO MODULO ANCHE PER SEGNALARE EVENTUALI COMMENTI INAPPROPRIATI, OFFENSIVI O GIUDICATI DIFFAMATORI IN MODO DA POTERLI INDIVIDUARE ED ELIMINARE TEMPESTIVAMENTE.
GRAZIE DELLA COLLABORAZIONE.

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700