Logo
Stampa questa pagina

Le aspettative degli agenti non sono andate deluse, il convegno Sna di Rieti è stato un successo In evidenza

FRANCESCO AGUZZI FRANCESCO AGUZZI

MILANO - Oltre settanta partecipanti, agenti e collaboratori, da tutto il Lazio si sono ritrovati ieri (mercoledì 26 giugno, ndr.) nella sede della Camera di Commercio di Rieti per una giornata di confronto e didattica su tematiche importanti per tutta la categoria degli agenti di assicurazione.
Nell’anno in cui il Sindacato Nazionale Agenti festeggia i cento anni dalla sua fondazione, la delegazione provinciale di Rieti ha voluto riunire gli agenti laziali per una giornata ricchissima di spunti e di ospiti di alto profilo. A fare gli onori di casa il presidente della Camera di Commercio Vincenzo Regnini: “Ogni cambiamento è una sfida, questa è una giornata importante per tutti voi, nella mia lunga esperienza ho anche trascorsi assicurativi e questo mi aiuta a comprendere l’importanza delle tematiche che saranno oggetto del confronto odierno”.
Si è aperta così, intorno alle 9 del mattino, una giornata proseguita poi con il saluto del Presidente Provinciale Sna Francesco Aguzzi, al quale si deve l’ottima organizzazione dell’evento, il quale ha voluto ringraziare tutti i presenti per la partecipazione, rimarcando l’importanza dello Sna nella contrattazione collettiva generalista e sottolineando che “solo uniti si possono ottenere traguardi importanti e i cento anni di storia dello Sna stanno a dimostrarlo con assoluta chiarezza”.
Confronto politico, ma anche didattica, come detto, sui temi di IDD e Pog, a cura del Consulente Sna Domenico Fumagalli, personaggio molto apprezzato nell’ambiente sindacale e portatore di memoria storica del Sindacato. Uno dei temi di giornata, oggetto di domande e dibattito in sala, anche il Fondo Pensione Agenti rappresentato dal suo Presidente Francesco Libutti, che ha tracciato un bilancio dei risultati conseguiti negli ultimi anni, spegnendo definitivamente quelle voci che parlavano di un Fondo destinato al default e che invece gode di ottima salute finanziaria, al punto che il Cda ha sottoposto all’autorità di vigilanza una proposta di redistribuzione di una parte degli utili di bilancio agli iscritti sotto forma di riduzione dei tagli nelle prestazioni pensionistiche messi in atto dal Commissario straordinario.
Anche nel pomeriggio si sono alternati relatori di primissima fascia, tra i quali il Coordinatore Regionale Sna del Lazio Giuseppe Di Mauro il quale, con grande partecipazione emotiva, ha affrontato il tema della figura dell’Agente assicurativo e dei rapporti con le Compagnie. A dare la sua testimonianza anche il Presidente della Sezione provinciale di Viterbo Mario Allegritti, che ha voluto offrire la sua presenza in una giornata dai grandi contenuti. Per continuare e chiudere la giornata, seconda parte didattica, sempre a cura di Domenico Fumagalli, ancora sui temi di IDD e Pog, argomenti che hanno accompagnato tutti i presenti fino alla chiusura delle attività. Lo Sna, attraverso iniziative come questa, dimostra la sua vicinanza alla “periferia” degli iscritti e il suo impegno nella difesa delle prerogative collegate con la figura dell’agente professionista, con particolare riferimento alle tematiche che impattano sul lavoro quotidiano in quanto centrali nel presente e nel futuro della vita dell’agente assicurativo.
Mattia Esposito e Roberto Bianchi


UN MOMENTO DEI LAVORI