Menu
     IL 27 APRILE CONVOCATO L'86 COMITATO CENTRALE SNA     SLP ASSICURAZIONI SPA, ALLA PROPRIA RETE AGENZIALE PROVVIGIONI PARI AL 60% DEL PREMIO IMPONIBILE FINO AL 30 GIUGNO 2021     ISTAT, CRESCE ANCORA LA PROPENSIONE AL RISPARMIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE     DECRETO SOSTEGNI, IL GOVERNO PREPARA IL BIS CON NUOVI CONTRIBUTI ALLE PARTITE IVA     E' LEGGE L'ASSEGNO UNICO PER I FIGLI DI ETA' INFERIORE AI 21 ANNI     ISTAT, CROLLO VERTICALE DEI CONSUMI NEL IV TRIMESTRE DEL 2020     PROGETTO 51 DI ALLIANZ, FORTE PREOCCUPAZIONE ANCHE DA PARTE DELLE ASSOCIAZIONI CONSUMERISTICHE

Sna tira dritto. Inoltrate a Ivass e Antitrust due segnalazioni, una a carico di Prima.it e Facile.it e l’altra di Facile.it Broker e di Facile.it Spa In evidenza

Sna tira dritto. Inoltrate a Ivass e Antitrust due segnalazioni, una a carico di Prima.it e Facile.it e l’altra di Facile.it Broker e di Facile.it Spa

MILANO - Da anni lo Sna sta combattendo la sua solitaria battaglia per tutelare gli agenti dalla strategia multicanale messa in atto dalle compagnie allo scopo di marginalizzare l’intermediazione professionale. L’isolamento sociale imposto a più riprese dal Governo nel corso dell’anno appena trascorso nel tentativo di rallentare la diffusione dell’epidemia e il conseguente confinamento domiciliare, hanno sicuramente favorito l’utilizzo delle tecnologie digitali e orientato molti consumatori, che in condizioni normali non avrebbero mai rinunciato alla consulenza prestata loro dall’agente di fiducia, verso l’utilizzo di comparazioni tariffarie e l’acquisto di polizze on line.
Un processo favorito dalla disponibilità dimostrata da un numero crescente di imprese di riservare alle dirette e agli intermediari non professionali che operano sul web una scontistica non paragonabile con quella concessa agli agenti. Con l’effetto di realizzare una sorta di dumping interno sui portafogli agenziali, perché non c’è dubbio che il più interessato acquirente potenziale di una telefonica sarà sempre il cliente attuale delle collegate compagnie tradizionali: Genertel-Generali, Linear Unipol, Genialloyd-Allianz, Quiza-Axa, Zuritel-Zurich. E inoltre con la conseguenza che una parte ormai considerevole di consumatori italiani sembrano ormai orientati a scegliere la propria polizza assicurativa esclusivamente sulla base del prezzo.
Un epifenomeno sempre più preoccupante collegato all’acquisto on line delle polizze, soprattutto Rcauto, è inoltre il rischio che qualsiasi spregiudicato avventuriero possa carpire la buona fede degli assicurati, attratti per ignoranza dalla sirena irresistibile del prezzo scontato, per truffarli. Ricordo in proposito che in Parlamento giace un disegno di legge, fortemente appoggiato da Sna e indirizzato a tutelare i consumatori dalle conseguenze derivanti dall’acquisto di polizze false, proprio vietando la collocazione di contratti assicurativi auto sul web.
Nel quadro delle iniziative volte a contrastare in ogni sede le insidie che si nascondono dietro le scorciatoie digitali, si inserisce l’inoltro in data 28 dicembre a Ivass e Antitrust di una segnalazione-esposto sulle attività di Prima Assicurazioni, agente iscritto in Sez. A del Rui e Facile.it, broker iscritto a sua volta in Sez. B, nel tentativo di ottenere che venga fatta chiarezza sui rapporti intercorrenti tra questi sue intermediari assicurativi. Le “partecipazioni incrociate nelle due società, sia a livello di proprietà che di governance” potrebbero infatti configurare, a parere di Sna, “conflitti di interesse e stretti “legami” tali da integrare attività illegittime”.
A completamento della propria azione, il Sindacato ha poi inviato agli stessi Organismi di Vigilanza, Antitrust e Ivass, in pari data, una seconda “segnalazione di pratica commerciale scorretta” a carico di Facile.it Broker di Assicurazione Spa e di Facile.it Spa, ma anche di “inottemperanza degli impegni assunti e resi vincolanti con provvedimento AGCOM n. 25420” adottato nel lontano 8 aprile 2015. Questo secondo atto riguarda l’indimostrabilità del claim pubblicitario utilizzato durante gli spot televisivi e pubblicato nel sito, nei media tradizionali e nei social, secondo cui l’acquisto di polizze Rcauto attraverso il portale di Facile.it consentirebbe un “risparmio fino a 500 €”. Innanzitutto perché i dati utilizzati per la determinazione delle medie tariffarie rispetto alle quali calcolare il differenziale risalgono al giugno 2017 e inoltre perché sono riferiti alle sole compagnie con le quali collabora il comparatore che rappresentano il 17-18% dell’intero mercato.
Di conseguenza il refren promozionale, ripetuto come una formula divinatoria dal sapore vagamente ossessivo di un mantra tantrico, servirebbe a orientare il consumatore verso l’acquisto di contratti non tanto convenienti quanto come viene comunicato.
Appare inoltre improbabile che, qualunque siano le unità di misura adottate, il risparmio ottenuto acquistando sul comparatore di Facile.it possa supera di quasi 100 euro il costo medio delle polizze reperibili sul mercato italiano.
Tutto ciò premesso, risultando che la promessa rivolta ai cittadini, peraltro mediante pratiche considerate aggressive allo scopo di limitarne considerevolmente la libertà di scelta, consistente nell’opportunità di risparmiare fino a 500 euro, risulterebbe “decettiva” ovvero, per dirla in modo meno giuridico, ingannevole, illusoria e quindi falsa.
Roberto Bianchi

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700