Menu

Ricorso Sna al TAR contro il Provvedimento Ivass n. 97 sull'obbligo di comunicare alle mandanti i rapporti di collaborazione, l'Istituto di vigilanza si costituisce e deposita la propria memoria In evidenza

Ricorso Sna al TAR contro il Provvedimento Ivass n. 97 sull'obbligo di comunicare alle mandanti i rapporti di collaborazione, l'Istituto di vigilanza si costituisce e deposita la propria memoria

MILANO - Con una nota ufficiale a firma del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, il Sindacato ha trasmesso ai Presidenti Provinciali, ai Coordinatori Regionali, ai componenti l'Esecutivo Nazionale, ai Gruppo aziendali agenti e a tutta la categoria agenziale copia dell'atto di costituzione e memoria depositato presso il Tribunale Amministrativo Regionale nell'interesse dell'Ivass, in opposizione alle argomentazioni depositate dal Sindacato nel ricorso contro il Provvedimento Ivass n. 97 che introduce, tra gli altri, il nuovo obbligo di comunicare alle mandanti tutti i rapporti di collaborazione orizzontale.
"Tali rapporti, per volere dell'Ivass,  - scrive il Presidente Demozzi - andrebbero altresì elencati in un documento esposto nei locali agenziali. Come potrete leggere, l'Ivass ammette di aver emanato talune disposizioni in quanto 'tale necessità... è stata peraltro rappresentata dalle imprese e dall'Ania...'. Aggiunge inoltre che 'la compagnia UnipolSai Assicurazioni SpA in particolare aveva rappresentato in sede di pubblica consultazione la necessità di poter disporre di un'informazione compiuta sugli accordi di collaborazione stipulati dalla propria rete distributiva...'. (pag. 30).
Nella propria memoria l'Istituto di Vigilanza ricorda come "l'obiettivo dell'Autorità in tale contesto è stato anche in questo caso quello di ricercare un equo bilanciamento tra tutti gli interessi pubblici e privati connessi alla introduzione della nuova regolamentazione".
Alcuni dei passaggi - prosegue Demozzi - ci hanno lasciati particolarmente perplessi:
1.- 'in sostanza, non si vede come la mera comunicazione possa costituire un limite all'esercizio dell'attività (dell'agente)';
2.- 'sembra piuttosto che quella rappresentata dai ricorrenti (Sna) sia una pretesa esigenza di segretezza e stretta riservatezza che -questa si- può incoraggiare condotte non corrette nei confronti dei contraenti';
3.- 'l'opacità degli accordi impedisce il corretto atteggiarsi dei rapporti tra le imprese e la loro rete, ostacolando -di fatto- l'attività di vigilanza'.
Come sapete - conclude il Presidente nazionale Sna - le nuove disposizioni sulle quali Sna ha comunicato la propria contrarietà sono piuttosto numerose e la vertenza al TAR non è che una delle iniziative messe in atto a tutela degli interessi degli agenti professionisti italiani".
La Redazione

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700