Menu

Presentato il Codice Unico dei Contratti collettivi nazionali di lavoro. Al CCNL di riferimento del settore assicurativo Sna-Confsal attribuito il "J154" In evidenza

TIZIANO TREU, PRESIDENTE CNEL TIZIANO TREU, PRESIDENTE CNEL

MILANO - È stato presentato a Roma, presso il Cnel, il Codice alfanumerico Unico dei Contratti collettivi nazionali di lavoro. Il codice è previsto dalla Legge n. 120/2020 (Decreto Semplificazioni) che attribuisce al Cnel la gestione dell’Archivio nazionale dei contratti di lavoro pubblici e privati. Scorrendo il database, accessibile attraverso il sito istituzionale del Cnel, al codice "J154" si trova il Ccnl dei lavoratori dipendenti delle agenzie di assicurazione in gestione libera, sottoscritto da Sna e da Confsal. Come noto, il Ccnl Sna-Confsal è quello di riferimento del settore assicurativo agenziale in Italia, per numero di lavoratori ai quali viene applicato e per numero di datori di lavoro che lo adottano.
Alla conferenza stampa di presentazione del Codice sono intervenuti: il Presidente Cnel Tiziano Treu, il Presidente Inps Pasquale Tridico, il Capo di gabinetto del Ministero del Lavoro Elisabetta Cesqui e, in videocollegamento, il Direttore dell’Ispettorato nazionale del lavoro Bruno Giordano. Durante i lavori è stato ricordato come nelle comunicazioni obbligatorie al Ministero del Lavoro e nelle denunce retributive mensili inviate all’Inps, il dato relativo al contratto collettivo nazionale applicato al lavoratore debba essere indicato tramite il codice alfanumerico unico attribuito dal Cnel. La circolare Inps n. 170 del 12 novembre 2021 fornisce le indicazioni sulle comunicazioni mensili dei datori di lavoro con matricola DM (posizione contributiva) che applicano Ccnl del settore privato.
E’ previsto, inoltre, il passaggio sul flusso Uniemens al codice alfanumerico unico del Cnel, fornendo le relative indicazioni operative per la sua valorizzazione. Questo passaggio prevede un periodo di transizione, di durata bimestrale (competenze di dicembre 2021 e gennaio 2022), in cui sarà permesso utilizzare anche il codice Inps, per dare modo ai datori di lavoro, ai consulenti/intermediari e ai loro applicativi di adeguarsi al nuovo codice. Dalla competenza di febbraio 2022, la trasmissione del dato relativo al Ccnl avverrà esclusivamente mediante il codice alfanumerico unico attribuito dal Cnel.
Il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi ha ricordato come "negli ultimi anni il numero dei Ccnl, nei vari settori produttivi, sia aumentato notevolmente grazie alla notevole dinamica contrattuale delle sigle sindacali diverse da Cgil-Cisl-Uil. Ciò ha provocato che in molti ambiti coesistono più Contratti collettivi, con la conseguente necessità di valutare quali siano i Contratti di riferimento, quelli maggiormente rappresentativi, più applicati. Anche nel settore assicurativo agenziale - ha aggiunto il Presidente Demozzi - coesistono due Ccnl: quello di riferimento, largamente più diffuso, è notoriamente quello sottoscritto da Sna e Confsal".
La Redazione

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700