Logo
Stampa questa pagina

First-Cisl, il Sindacato che vende polizze di assicurazione e fa concorrenza agli agenti è firmatario del CCNL Anapa In evidenza

First-Cisl, il Sindacato che vende polizze di assicurazione e fa concorrenza agli agenti è firmatario del CCNL Anapa

MILANO - Stando a quanto pubblicato dal quotidiano "La Verità", nell’articolo intitolato “Gli affari del sindacato: vende polizze agli iscritti”, la First-Cisl (firmataria tra l’altro del CCNL Anapa, ndr) sarebbe entrato nel mondo dell’intermediazione assicurativa attraverso la società assicurativa iscritta al RUI al numero E000500458 Aletheia Assicurazioni Srl e la società di brokeraggio  Aletheia Broker Srl iscritta al RUI al numero B000098469. Le due società risultano effettivamente operative, regolarmente iscritte al Registro Unico degli Intermediari.
La sigla sindacale fa sapere, attraverso un proprio comunicato, che “"come tutti i sindacati del settore finanziario, anche First-Cisl mette dunque a disposizione dei propri iscritti una serie di tutele assicurative, con l’unica differenza che First-Cisl provvede ad offrirle tramite proprie società specializzate, senza quindi fare ricorso a fornitori esterni, allo scopo di massimizzare i vantaggi per gli iscritti. Non nascondiamo pertanto il nostro stupore nel leggere che 'nel mondo sindacale bancario sta crescendo un certo malumore per le manovre della First-Cisl nel terreno delle polizze assicurative'. Non ci risulta, trattandosi oltretutto di servizi erogati, con diversa modalità, da ogni altra organizzazione sindacale, né possiamo pensare che altri sindacati vadano affermando una nostra presunta “superiorità” nella capacità di offerta: è francamente improbabile che possa accadere".
Già nel 2019 la cosa aveva insospettito alcune forze politiche, tanto che che al Ministro dello Sviluppo Economico era stata rivolta la seguente interrogazione del senatore Andrea De Bertoldi (FdI):
“Atto n. 4-01232 - Pubblicato il 12 febbraio 2019, nella seduta n. 90 – sen. De Bertoldi - Al Ministro dello sviluppo economico.
Premesso che:
secondo quanto risulta da un articolo pubblicato lo scorso 21 novembre 2018 dal quotidiano “La Verità”, la First-Cisl (sindacato guidato da Giulio Romani già criticato dal medesimo giornale per essere stato beneficiario di un mutuo ad un tasso molto conveniente) controlla attualmente la holding "Aletheia", che si occupa di vendere polizze agli iscritti dell’associazione di rappresentanza che in realtà dovrebbe tutelare gli interessi dei lavoratori del settore bancario e assicurativo;
al riguardo, nell’ambiente sindacale bancario (in particolare nel ramo assicurativo), evidenzia il medesimo articolo, si manifesta una netta insofferenza per le attività della First Cisl, considerato che, a loro giudizio, non vi è alcuna correlazione tra il settore assicurativo e la sigla del credito, in quanto gli ambiti d’intervento dei contratti di assicurazione stipulati risultano essere molteplici: dalle polizze professionali, a quelle per la sanità, fino agli investimenti per i fondi pensione;
il giro di denaro derivante dalla stipula dei prodotti assicurativi, sostiene ancora “La Verità”, risulta inoltre (per quanto teoricamente) davvero elevato e la First a tal fine (che ha decine di migliaia di iscritti) sembra aver ben compreso l’affare economico, grazie all’attività di intermediazione e di brokeraggio (con le relative commissioni) considerato, fra l’altro, che al lavoratore che decide di iscriversi al sindacato vengono parallelamente proposti contratti di assicurazione, presentati come convenzioni interessanti;
oltre alla holding, l’articolo riporta che sono state costituite altre tre società a responsabilità limitata e una società per azioni e nei consigli di amministrazione figurano professionisti ed esponenti sindacali, tutti collegati direttamente o indirettamente alla First; pertanto a giudizio dell’interrogante quanto riferito appare in evidente contrasto con il codice etico della Cisl (che si applica a tutte le sigle collegate), secondo il quale è vietato a tutti i dirigenti sindacali ricoprire posizioni di lavoro autonomo o imprenditoriale, nonché rappresentare sotto qualsiasi forma interessi delle controparti;
tali osservazioni a parere dell’interrogante destano con riferimento all’attività della First Cisl sconcerto e preoccupazione, se si valuta come tale attività da parte del sindacato sia in netto ed evidente contrasto con la natura e le finalità della stessa confederazione, la quale anziché concentrarsi (come peraltro riportato sul sito web) sul difendere l'avanzamento del lavoro, come leva di promozione umana e civile, rivolge la propria attenzione ad attività finanziarie evidentemente estranee ai propri principi basilari, determinando fra l’altro anche danni economici e finanziari per il settore direttamente interessato,
si chiede di sapere:
1) quali valutazioni il Ministro in indirizzo intenda esprimere con riferimento a quanto esposto;
2) se non convenga sul fatto che l’attività assicurativa e finanziaria da parte della Cisl, oltre ad essere in netto contrasto con le finalità di un sindacato, leda anche il settore assicurativo e di intermediazione finanziaria, evidentemente penalizzato da tale condotta scorretta;
3) in caso affermativo, quale iniziativa di competenza intenda intraprendere, al fine di pervenire ad una regolamentazione che vieti l’attività di promozione e di vendita da parte della First Cisl di prodotti assicurativi e finanziari che nulla hanno effettivamente in comune con la funzione storica e tradizionale del sindacato.
“Fermo restando la piena libertà d’azione di un Sindacato su ogni fronte lecito, il fatto che la sigla sindacale firmataria del CCNL Anapa, che dovrebbe riguardare una parte seppure modesta dei dipendenti delle agenzie assicurative, abbia intrapreso un’attività di fatto in concorrenza con gli agenti professionisti, lascia per lo meno perplessi, così come lascia perplessi il silenzio in proposito da parte di Anapa e degli iscritti ad essa”, questo il pensiero del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi.
La Redazione