Logo
Stampa questa pagina

Preventivatore Rcauto Ivass di nuovo in pubblica consultazione. Demozzi (Sna): Ennesimo attacco al plurimandato In evidenza

CLAUDIO DEMOZZI CLAUDIO DEMOZZI

MILANO - Per la seconda volta il Regolamento Ivass sul Preventivatore Rcauto è oggetto di pubblica consultazione. Nella prima fase, lo scorso anno, sono emerse tante e tali criticità da indurre l’Istituto di Vigilanza a sospenderne l’entrata in vigore, ad apportare modifiche ed a riproporlo in pubblica consultazione.
"Apprezziamo il parziale ripensamento dell’Ivass - commenta il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi - ma non basta. Persistono forti criticità, che vanno ad incidere negativamente sul lavoro degli intermediari. Ravvisiamo un vero e proprio ostacolo al plurimandato e nuovi pesanti oneri burocratici sugli agenti, senza alcun vantaggio per i consumatori". La posizione del Sindacato nazionale agenti è chiara: il Preventivatore potrebbe essere uno strumento in più, a disposizione del pubblico e degli operatori del settore, ma dovrà essere di libero utilizzo, una facoltà non un obbligo. "Lo stesso art. 132/bis dal quale trae origine il Regolamento dell’Ivass è oggetto di numerose osservazioni e secondo alcuni esperti violerebbe addirittura la normativa europea”, continua il Presidente Demozzi, “urge un intervento correttivo per evitare che anche questa si trasformi in una disposizione inapplicata ed inapplicabile per la maggioranza degli intermediari”.
Il Sindacato è al lavoro per ultimare il documento di osservazioni che sarà depositato in questi giorni e che fa seguito a quello depositato lo scorso anno. La Commissione norme e regolamenti Sna è guidata da Fabio Luca Occhiuto, componente dell’Esecutivo Nazionale e si avvale della collaborazione di esperti e legali tra i quali Domenico Fumagalli ed il direttore del Sindacato Andrea Bonfanti.
La Redazione