Menu

Rcauto, le compagnie dirette sono al palo. Generalizzata contrazione degli incassi per i principali player. Demozzi (Sna): Gli agenti non si facciano lusingare da costoro In evidenza

Rcauto, le compagnie dirette sono al palo. Generalizzata contrazione degli incassi per i principali player. Demozzi (Sna): Gli agenti non si facciano lusingare da costoro

MILANO - Si chiude con un decremento complessivo che, nel 2021, registra un -3,6%. Stiamo parlando del ramo Rcauto in Italia, secondo i primi dati ufficiali disponibili. Dato di chiusura ampiamente previsto, per l’anno di uscita dal periodo pandemico che ha visto ridursi drasticamente la circolazione sulle strade e dunque l’impiego degli autoveicoli nel nostro Paese, come in tutta Europa. Ciò che invece non era previsto, ma al contrario era immaginato in crescita, è il dato di chiusura degli incassi Rcauto in capo alle compagnie assicurative dirette, cioè le imprese che offrono le polizze Rcauto online e via telefono, senza una rete agenziale sul territorio. Per questa modalità di vendita, molti esperti avevano preventivato una crescita esponenziale in conseguenza della ridotta mobilità e dunque dell’aumento degli acquisti online da parte dei cittadini “intrappolati” a casa.
Le compagnie dirette dei grandi gruppi assicurativi hanno invece registrato pesanti perdite di incassi, che vanno dal -9,7% di Quixa (la telefonica di Axa) al -11,4% di Verti (già Direct Line), dal -2,3% di Genertel (la diretta di Generali) al -9,9% di Allianz Direct (la compagnia telefonica di Allianz). Anche la compagnia diretta di Unipol, Linear, chiude l’anno 2021 in terreno negativo (-3,2%), come succede anche per le principali compagnie di bancassicurazione attive nella Rcauto: Intesa Sanpaolo Assicura (-7,9%), Axa Mps Assicurazioni (-10,5%), Unicredit Allianz Assicurazioni (-16,9%) e Credit Agricole Assicurazioni (-8,4%).
“Anche durante la pandemia, contrariamente alle previsioni dei soliti super-esperti prezzolati di alcune grandi compagnie, gli agenti hanno mantenuto la loro quota di mercato ed anzi l’hanno incrementata. Gli italiani, i nostri clienti, hanno dimostrato ancora una volta che il legame di fiducia tra assicurati ed agenti assicurativi è più forte di qualsiasi tentazione digitale e di qualsiasi rumorosa campagna mediatica. La centralità distributiva di noi agenti non è in discussione e le compagnie farebbero meglio a smetterla di investire ingentissime risorse in continui tentativi sul campo della disintermediazione, tornando ad investire sulle reti agenziali che poi sono il vero motore delle assicurazioni in Italia ed in gran parte del mondo”, questo il commento a caldo del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, che aggiunge: “gli agenti non devono lasciarsi lusingare da accordi capestro offerti da comparatori online e da compagnie dirette, che in cambio di tariffe competitive e forti agevolazioni burocratiche che a volte violano addirittura le norme regolamentari del settore, si accaparrano la collaborazione degli assicuratori professionisti mandando all’aria un secolo di conquiste sindacali sul piano dei diritti collettivi ed individuali”.
La Redazione

Torna in alto

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700