Logo
Stampa questa pagina

Anche la Cattolica Assicurazioni potrebbe incoraggiare le collaborazioni fra Agenti. Grande soddisfazione del Sindacato Nazionale In evidenza

Anche la Cattolica Assicurazioni potrebbe incoraggiare le collaborazioni fra Agenti. Grande soddisfazione del Sindacato Nazionale

MILANO - Dopo la Coface, che ha recentemente siglato un accordo a tre con SNA e il Gruppo Aziendale Agenti Una-Vis per lo sviluppo delle collaborazioni, anche la Società Cattolica di Assicurazioni sembra incoraggiare il ricorso alle opportunità previste dalla Legge 221/2012. La Compagnia veronese detiene il 20% di All Risk Solution srl, società di servizi, la cui costituzione è attribuita agli agenti Cattolica, che opera nei settori dei rischi non coperti dalla mandante. Secondo notizie riportate dalla stampa, l'AD di Cattolica Giovanni Battista Mazzucchelli non esclude di acquisire quote più rilevanti nella società, fino ad assumerne il controllo: "Non si tratta certo di un investimento rilevante per il gruppo", avrebbe dichiarato.
Prudente la posizione di Claudio Demozzi, Presidente del Sindacato Nazionale Agenti: "In linea di principio apprezzo che le imprese comprendano che non ha senso contrapporsi all'evoluzione in atto nel mercato, decidendo invece di coglierne le opportunità. Tuttavia il Sindacato vigilerà affinché le attività delle società di servizi non diventino strumenti per il controllo delle reti distributive e favoriscano realmente lo sviluppo delle collaborazioni, garantendo sempre la centralità dell'agente".
La Redazione