Menu
NEWS DALL'ITALIA E DAL MONDO

NEWS DALL'ITALIA E DAL MONDO

Continua l'operazione trasparenza CCNL, Ebisep, Fondo. Prossima tappa a Roma il 20 novembre. Presenti i vertici dello Sna

MILANO - Prosegue l'operazione informativa in corso dalla scorsa primavera che, attraverso numerosi incontri sul territorio nazionale, si propone di esporre tutte le principali caratteristiche del Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti agenziali Sna/Confsal, il più applicato in Italia, sottoscritto dalle sigle maggiormente rappresentative del settore, nonché l'organizzazione ed il funzionamento dell'Ente Bilaterale Ebisep.
Nel corso delle giornate formative viene spiegato anche il funzionamento del fondo interprofessionale di riferimento del CCNL del settore Fonarcom.
La prossima tappa si svolgerà a Roma, presso il Bettoja Hotel Mediterraneo, a pochi passi dalla stazione Termini, il prossimo 20 novembre 2019.
Tra i relatori, il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, il Presidente del Fonage Francesco Libutti, l'avv. Gianluigi Malandrino, la Vicepresidente vicario Elena Dragoni e il Presidente della sezione Provinciale Sna organizzatrice dell'evento Sergio Sterbini.
La Redazione


Leggi tutto...

Regolamento Ivass in tema di governo e controllo dei prodotti assicurativi, prorogato al 15 novembre il termine per le osservazioni

MILANO - L'Istituto di vigilanza, su richiesta di Sna e tutte le altre sigle degli intermediari, ha accolto il 31 ottobre scorso la richiesta di proroga per l'invio delle osservazioni ai documenti 1/19 e 2/19 in pubblica consultazione, relativi al Regolamento in tema di "Governo e controllo dei prodotti assicurativi e al regolamento recante modifiche ed integrazioni ai regolamenti 23/08, 24/08, 38/18, 40/18 e 41/18".
Il nuovo termine è stato prorogato al 15 novembre.
La Redazione

Leggi tutto...

Prova di idoneità per l’iscrizione al Rui, emanato il provvedimento Ivass. Le novità. SnaForm al lavoro per i corsi formativi 2020

MILANO - L'Ivass ha emanato in queste ore il nuovo provvedimento n. 89/2019 concernente i termini della prova di idoneità per l’iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi.
Quest’anno ci sono due importanti novità:
1) l’apertura della fase di iscrizione è anticipata: i candidati potranno presentare la domanda in via telematica dalle ore 12.00 del 30 ottobre 2019 alle ore 12.00 del 5 dicembre 2019; questa novità è stata introdotta per conoscere con maggiore anticipo l’effettivo numero dei partecipanti e consentire all'Ivass di pianificare con maggiore efficienza l’organizzazione logistica;
2) per essere ammessi alla prova occorre versare un contributo di 70 euro mediante accesso al sistema Pago PA. Il versamento potrà essere effettuato dalle ore 8.00 del 21 dicembre 2019 alle ore 24.00 del 24 gennaio 2020.
Inoltre, la data della prova non subirà sostanziali modifiche rispetto agli anni passati (approssimativamente nel mese di luglio) e sarà comunicata successivamente. A pena d’esclusione, la domanda di ammissione alla prova di idoneità - ricorda l'Istituto di vigilanza - dovrà essere presentata in via telematica utilizzando l’applicazione informatica accessibile dal sito www.ivass.it. Non sono ammesse altre forme di presentazione delle domande.
La segreteria SnaForm sta già preparando il modulo per le iscrizioni al nuovo corso RUI 2020.
La Redazione

Leggi tutto...

Imminente l'arrivo in Parlamento di una proposta di Legge sull'obbligo del plurimandato per tutti gli agenti di assicurazione

MILANO - Al rientro da una serie di incontri istituzionali, il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi riferisce di una nuova proposta di Legge che introdurrebbe in Italia l’obbligo di plurimandato per tutti gli agenti.
La disposizione, non ancora inserita formalmente in alcun provvedimento in discussione, sarebbe così formulata: “Chiunque distribuisca servizi e prodotti assicurativi dei rami danni o vita, indipendentemente dalla tipologia contrattuale utilizzata, deve offrire i servizi e prodotti di almeno due diverse compagnie assicurative. Gli agenti ed ogni altro soggetto che distribuisca servizi e prodotti assicurativi si adeguano all’obbligo di cui al comma precedente nel termine di un anno dall’entrata in vigore del presente decreto”.
Secondo il residente Demozzi “si tratta di una disposizione della quale ho fatto presente tutti i limiti, a partire dalla oggettiva difficoltà per alcuni intermediari, soprattutto in certe zone geografiche, ad adeguarsi in breve tempo acquisendo il secondo mandato agenziale. Tuttavia, - prosegue Demozzi - dobbiamo riflettere sulla direzione nella quale il mercato sta andando, che in tutto il mondo parla di pluralità di offerta, di consulenza al cliente basata sulla comparazione di più prodotti di compagnie diverse per soddisfare al meglio le esigenze di ciascun assicurato. Non possiamo certo andare avanti con lo sguardo sullo specchio retrovisore, rimpiangendo situazioni del passato che sono ormai superate per sempre come il legame di stretta esclusiva che ci legava alle mandanti e che oggi viene spesso letto come una debolezza strutturale della nostra figura professionale. Dobbiamo guardare avanti - conclude il Presidente nazionale Sna - attrezzarci al meglio per rimanere centrali nella distribuzione assicurativa” .
La quota di mercato degli agenti, in Italia, rimane molto elevata, intorno all’80% nei rami danni, di poco superiore all’85% nel ramo Rcauto, secondo i dati Ania al 31 dicembre 2018. E’ quindi naturale che il Legislatore osservi con occhio di riguardo l’efficienza del principale canale distributivo nel comparto, a salvaguardia degli interessi dei consumatori.
La Redazione

Leggi tutto...

Rcauto, continuano le truffe online. Demozzi (Sna): Chiediamo alla politica di vietare la vendita di contratti complessi via internet

MILANO - Non si placa il fenomeno delle truffe online delle polizze Rcauto. Ancora siti internet accusati di distribuire coperture false a danno degli ignari clienti. Questi ultimi, come sembra oramai appurato, nel tentativo di risparmiare sul costo dell’assicurazione Rcauto, incappano quasi quotidianamente in veri e propri raggiri via internet.
Per il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi “la politica dovrebbe intervenire vietando la vendita di contratti complessi online; nel migliore dei casi - aggiunge Demozzi - l’acquisto online di un contratto complesso viene effettuato superficialmente, quasi mai vengono lette e comprese le clausole contrattuali; nel peggiore dei casi, come per le polizze Rcauto dei siti oscurati e denunciati, il cliente sottoscrive e paga polizze fasulle cioè prive di copertura e validità legale”.
In questi giorni vengono segnalati i siti irregolari www.assicuratisicuri.com, www.polizzainrete.com.
L’Ivass, intanto, raccomanda ancora una volta i cittadini di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (anche via WhatsApp), soprattutto se di durata temporanea.
La Redazione

Leggi tutto...

Eni Gas e Luce si iscrive al Rui e riceve il mandato da Zurich Insurance Company Ltd. Pronto intervento del Gaz di Enrico Ulivieri

MILANO - Dopo le iniziative spagnole che hanno fatto parlare di Zurich e dei suoi tentativi di disintermediare la rete tradizionale agenziale, un’altra notizia è destinata a scuotere il mondo degli agenti della compagnia elvetica. Si è iscritta al Rui, come agente, all’inizio dello scorso mese di agosto la società Eni Gas e Luce, che ha prontamente ricevuto il mandato Zurich Insurance Company Ltd. La sede della nuova agenzia si trova a San Donato Milanese e il numero di iscrizione è A000635427.
Alessandro Castellano, country ceo del gruppo elvetico ha affermato che "con la realizzazione di sinergie tra gruppi complementari nel business si può perseguire il comune interesse di servire al meglio il target delle famiglie e, al contempo, rafforzare le nostre reciproche reti distributive sul territorio con un’offerta più completa".
Secondo il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi come questo accordo possa rafforzare la rete distributiva Zurich "rimane un mistero".
Eni Gas e Luce è la prima tra le aziende fornitrici di energia ad essere iscritta al Registro unico degli intermediari come agente assicurativo. Il numero degli abbonati sarebbe di oltre 8 milioni, in Italia. Un potenziale di tutto rilievo, dunque, che potrà interferire sui portafogli degli agenti Zurich visto che molti clienti degli intermediari tradizionali potrebbero essere al tempo stesso abbonati di Eni Gas e Luce per i servizi domestici ed aziendali.
Il rapporto tra Zurich ed Eni Gas e Luce avrà una durata, almeno nelle intenzioni delle parti, di 7 anni e prevede tra l’altro lo sviluppo di un nuovo catalogo prodotti, servizi complementari, ed un piano di formazione dei punti vendita sull’intero territorio nazionale.
"L’accordo tra Zurich Italia e Eni Gas e Luce - ha commentato Alessandro Castellano - è una tappa molto importante nel nostro percorso di crescita. Attraverso la realizzazione di sinergie tra gruppi complementari nel business possiamo infatti perseguire il comune interesse di servire al meglio il target delle famiglie e, al contempo, rafforzare le nostre reciproche reti distributive sul territorio con un’offerta più completa".
Il Presidente del Gruppo Aziendale Agenti Zurich Enrico Ulivieri è subito intervenuto con una lettera ai vertici della compagnia, allertando il Sindacato nazionale agenti. Nei prossimi giorni ci sarà un nuovo confronto tra i vertici del GAZ e quelli del Sindacato per analizzare ed approfondire la questione. Situazione che si presenta come una nuova criticità per gli agenti Zurich in Italia.
La Redazione

Leggi tutto...

Operazioni sospette in contanti, negli ultimi 12 mesi oltre 30 milioni le segnalazioni al Fisco da parte di intermediari finanziari e banche

MILANO - Nuova stretta in arrivo sulle movimentazioni ed i pagamenti in contanti. Il Fisco spera di ostacolare le attività in "nero", limitando prelievi cash, fino a giungere all'extrema ratio di tassare le operazioni in denaro liquido. All'Unità di Informazione Finanziaria sono arrivate negli ultimi 12 mesi milioni di segnalazioni per uso del denaro contante al di sopra del limite consentito. Numeri impressionanti che la dicono lunga sulla reale volontà dei cittadini italiani di adeguarsi alla moneta elettronica. Intanto, dal primo settembre scorso è entrato in vigore l’obbligo per gli istituti di credito di inviare una comunicazione ove riscontrino prelievi o versamenti di importo cash eccedente i 10.000 euro al mese.
Il direttore dell’UIF, Claudio Clemente, durante la recente audizione sulla prevenzione dell’uso del sistema finanziario a fini di riciclaggio o finanziamento del terrorismo, ha fornito dati sconcertanti: più di 30 milioni le segnalazioni di operazioni anomale trasmesse alla Guardia di Finanza. Legittimo chiedersi come sarà possibile procedere ad un effettivo controllo di tutte le posizioni, vista l'estensione del fenomeno.
Molte le segnalazioni giunge da parte di Poste, banche ma anche di notai e commercialisti. Sono, tuttavia, gli intermediari finanziari a garantire al Fisco il maggiore numero di imput (circa il 70% del totale). Nel mirino delle operazioni sospette anche le operazioni in criptovalute.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Legge 24/2017 in materia di polizze assicurative e sicurezza delle cure mediche, pronto il decreto attuativo. Ma c'è chi chiede un rinvio

MILANO - Potrebbe essere finalmente in dirittura d'arrivo (dopo oltre due anni di attesa, ndr) il decreto attuativo della Legge 24/2017 in materia di polizze assicurative e sicurezza delle cure mediche. La Legge Gelli avrebbe avuto il placet in queste ore del ministro dello Sviluppo economico, di concerto con quello della Salute, oltre che con quello dell'Economia.
Circolano, tuttavia, molte voci ed alcune bozze di testo che hanno messo in allarme ad esempio la Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri secondo la quale esistono vari punti non condivisibili. Viene chiesto da più parti un confronto con il neo ministro Roberto Speranza: l'attenzione viene puntata sui requisiti minimi delle polizze per le strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private e per gli esercenti le professioni sanitarie ed in particolare sulle classi di rischio.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Rinnovo A.N.A.2003, nota ufficiale del Sindacato nazionale agenti all'Ania. Demozzi (Sna): siano chiari i termini della trattativa

MILANO - Con una nota ufficiale a firma del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, trasmessa all'Ania nella persona della Presidente Bianca Maria Farina e alla responsabile della Distribuzione Stella Aiello, si torna a trattare la spinosa questione del rinnovo dell'A.N.A.2003. "Il Sindacato - si legge nella missiva - ha trasmesso alla Vostra Associazione, tra l’altro, la piattaforma di rinnovo dell'Accordo Nazionale Agenti Imprese “ANA2003”, in ordine alla quale lo Sna ha ricevuto l'adesione di ben 28 Gruppi Aziendali Agenti (rappresentanti la quasi totalità del mercato assicurativo “tradizionale” italiano) nel recente Comitato dei Gruppi Agenti del 25 giugno 2019. Avevamo già ricevuto una Vostra convocazione per aprire un tavolo di trattativa che, tuttavia, secondo la Vostra definizione, sembrava limitato ad una non meglio individuata 'definizione di un quadro normativo di riferimento'.
Con Vostra successiva comunicazione - prosegue la comunicazione del Sindacato - avete ribadito l'intenzione di discutere di una cornice normativa, fissando per il 30 settembre p.v. la data di inizio della trattativa. Ci sembra doveroso a questo punto un chiarimento in ordine ai termini della questione. Quale Associazione sindacale di gran lunga maggiormente rappresentativa degli Agenti Assicurativi Italiani, abbiamo per oltre ottant'anni negoziato e concluso Accordi Nazionali con l’Associazione delle Imprese Assicuratrici ed anche stavolta è nostra ferma intenzione pervenire ad un Accordo Nazionale che disciplini in modo uniforme sul territorio nazionale e tra le varie imprese i principi, gli istituti, i diritti e i doveri nell'ambito dei rapporti tra imprese e Agenti assicurativi, tenendo anche conto del quadro normativo di riferimento vigente alla stregua delle disposizioni di legge comunitarie e nazionali.
Non riusciamo invero a comprendere quali siano invece gli obiettivi del tavolo di trattativa che proponete, posto che avete dichiarato di voler limitare le dette negoziazioni soltanto ad un 'quadro normativo'.
Siamo perciò costretti ad invitarVi, prima di esprimere una nostra eventuale adesione all'apertura di una trattativa nei termini di cui alla Vostra ultima comunicazione, a precisarci cosa esattamente intendete per 'quadro normativo' e se ciò significhi un diniego da parte della Vostra Associazione al rinnovo dell'Accordo Nazionale Agenti del 23 dicembre 2003 (A.N.A.2003). Attendiamo con urgenza un Vostro riscontro prima di esprimere ogni ulteriore valutazione e prima di adottare le conseguenti iniziative".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Marco Guglielmi nuovo Direttore Generale del Fondo Pensione Agenti. Dopo 43 anni di servizio Sandro Bianchini si congeda

MILANO - Passaggio di consegne alla Direzione generale del Fondo Pensione Agenti. Dopo 43 anni di servizio Sandro Bianchini si congeda da Fonage. Al suo posto Marco Guglielmi, già responsabile dell'area finanza del Fondo: laureato in Scienze Statistiche ed Attuariali presso la Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, è stato a capo del team di gestione del patrimonio mobiliare del Fondo Pensione Agenti di Assicurazione (800 milioni di euro, ndr), definendo la politica d'investimento e la gestione diretta del portafoglio azionario ed obbligazionario (sia governativo che corporate). 
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700