Menu
NEWS DALL'ITALIA E DAL MONDO

NEWS DALL'ITALIA E DAL MONDO

Modifica unilaterale delle provvigioni riconosciute all'agente su singoli prodotti, lo Sna richiama la Direzione commerciale di Allianz

MILANO - E' di queste ore la trasmissione ad Allianz di una comunicazione ufficiale del Sindacato nazionale agenti a firma del Presidente Claudio Demozzi. La missiva è stata inviata per conoscenza ai Gruppi aziendali di riferimento.
Oggetto della segnalazione la quotazione rischi/affari provenienti da agenzie con la modifica unilaterale dell'aliquota provvigionale riconosciuta a queste ultime. Un fenomeno non nuovo, in verità, che sembra esteso un po' a tutto il mercato assicurativo.
"Poiché la circostanza è stata confermata dai Gruppi Aziendali Agenti Allianz, da noi preventivamente e doverosamente interpellati, - scrive Demozzi - vi invitiamo ad interrompere detta prassi al fine di non arrecare ulteriore pregiudizio agli agenti. Rammentiamo tra l’altro che di norma l’aliquota provvigionale dovrebbe essere stabilita per ramo, non per singolo prodotto od affare e ciò anche al fine di rendere sufficientemente stabili le previsioni economiche dell’Agente libero professionista, imprenditore che a proprio rischio e spese mette a disposizione del pubblico la propria competenza tecnica e svolge stabilmente l’incarico di gestire e sviluppare gli affari di un’agenzia. Aggiungiamo - conclude il Presidente nazionale Sna - che, come noto, le condizioni provvigionali previste dal mandato possono certamente essere derogate, in presenza di un accordo tra le parti (agente e compagnia), ma ciò deve avere carattere di eccezionalità".
Tale accordo - come più in generale il contratto di agenzia- deve infatti essere provato per iscritto (art. 1742 comma 2 c.c. - art. 2 ANA).
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Rinnovo dei vertici del Fonage, appello a tutti gli agenti Generali per un sostegno compatto in favore della "Lista Sna"

MILANO - Il costituito "Gruppo di Lavoro e di Studi", di cui fanno parte Emiliano Ortelli (agente Generali Italia, candidato “Lista Sna per il Fondo Pensione Agenti), Francesco Pavanello (agente Generali Italia SpA, già Presidente del Fonage), Roberto Pecoraro (agente Generali Italia SpA), Franco Domenico Staglianò (agente Generali Italia SpA), Renato Vitelli (agente Generali Italia SpA), Sergio Collodoro (agente Generali Italia SpA), Antonio Agliata (agente Generali Italia SpA, pensionato), ha trasmesso a tutti gli agenti Generali una circolare nella quale si raccomanda di sostenere compatti la "Lista Sna per il Fondo Pensione Agenti". Lista che si contrappone ad "Anapa per rinnovare Fonage".
"A proposito della lista Anapa - si legge nella missiva - chiediamoci: cosa vuol dire “Rinnovare il Fonage”? Superare i 100 milioni di euro di utili? Avere i numeri per chiedere alla Covip di aumentare le rendite/pensioni? Questi sono risultati già ottenuti dall’impeccabile gestione dell’attuale Consiglio di amministrazione del Fonage, la cui componente agenti è totalmente composta dagli uomini Sna".
"I risultati - prosegue la circolare - sono sotto gli occhi di tutti: quelli economici, certamente, e quelli numerici che dimostrano il vero fallimento della strategia di coloro che hanno convinto alcuni colleghi (peraltro solo il 3%) ad abbandonare il Fonage per trasferire la propria posizione previdenziale al “PIP” della mandante. Dobbiamo ringraziare il nostro collega Francesco Libutti, presidente del Fondo al suo secondo mandato e la sua squadra che, sulla scia dei suoi predecessori, ha affrontato questo compito gravoso dimostrando indubbie capacità amministrative, consolidando un patrimonio la cui floridezza era già stata riconosciuta dalla stessa Covip sotto le amministrazioni precedenti e addirittura premiata con l’IPE Awards. Come 5 anni fa, siamo tutti chiamati ad un confronto elettorale che deciderà le sorti del nostro futuro di agenti e di pensionati. Dobbiamo scegliere tra chi ha diretto il Fondo tirandolo fuori dalla palude e portandolo a raggiungere una soglia di utile di oltre 250 milioni di euro in tre anni e chi voleva trasformare il nostro Fondo pensione in un 'pippone gigantesco' senza garanzie, ad esempio, per invalidità e superstiti. Dobbiamo scegliere tra chi ha voluto fermamente conservare il Fondo a prestazione definita, certa e stabilita fin dall’inizio della contribuzione, e chi avrebbe preferito snaturarlo passando alla semplice contribuzione definita, al pari di un qualsiasi “PIP” di compagnia. Dobbiamo scegliere, ancora, tra chi ha combattuto (vincendola) una guerra senza tregua, per difendere l'istituzione che da 45 anni rappresenta la libertà previdenziale degli agenti, che in prima persona la amministrano, e chi ha cercato di indebolire il Fonage invitando i colleghi ad uscire dal Fondo, indicandolo addirittura come votato al fallimento".
Il "Gruppo di Lavoro e di Studi" lancia dunque un appello a quanti si stanno esprimendo con il voto: "E’ molto importante votare per confermare gli incarichi ai nostri rappresentanti Sna, basta apporre una croce sulla "Lista Sna per il Fondo Pensione Agenti" e spedire la scheda elettorale utilizzando la busta già affrancata".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Reale Mutua: innovazione sì, ma senza gli agenti? La nuova polizza online che si rivolge ai gruppi d'acquisto

MILANO - Il mercato si arricchisce in questi giorni di una polizza proveniente dalla fabbrica prodotti Reale Mutua che, rivolgendosi ai gruppi di acquisto, i cosiddetti affinity group come direbbero quelli bravi, intende fornire copertura a una serie di rischi tradizionalmente indigesti alle compagnie italiane. Si tratta, secondo quanto riportato nella comunicazione pervenuta in redazione dall’Ufficio Stampa della compagnia, di “una modalità assicurativa unica nel suo genere sia perché fornisce copertura per tutti i rischi catastrofali (terremoto, alluvione, eruzioni vulcaniche, maremoti, tsunami, valanghe e slavine), sia perché l'assistenza non si limita al solo rimborso dei danni, ma viene fornita durante tutte le fasi successive al sinistro. AMICI+CASA – prosegue la nota - è anche prevenzione e assistenza grazie ai servizi offerti in caso di necessità da GruppoPer, azienda specializzata in interventi di salvataggio e risanamento post sinistro, anch’essa partner del progetto”. 
Va sottolineato inoltre che “l’iniziativa ha un forte valenza sociale in quanto una parte dei premi raccolti viene devoluta alla Croce Rossa Italiana che garantisce un’efficace e tempestiva risposta durante le emergenze nazionali e internazionali e fa parte del sistema nazionale di Protezione Civile”.
Tutto bene quindi? Non proprio a dire il vero, dal momento che la polizza viene “gestita totalmente online tramite la piattaforma www.amicipiucasa.it” della quale i colleghi interpellati sarebbero del tutto all’oscuro. È lecito quindi immaginare che anche stavolta si tratti di una modalità indirizzata a scavalcare gli agenti nel (mai sopito) tentativo dei manager di fare a meno dell’intermediazione professionale, stavolta più che mai indispensabile trattandosi di una materia particolarmente complessa rispetto alla quale la clientela troverà grande difficoltà a rapportarsi senza la necessaria consulenza prevendita offerta gratuitamente dagli agenti.
Per attirare gli utenti “la piattaforma fornisce ai partecipanti un’indicazione sul grado di rischio idraulico, geologico e sismico utilizzando dati e algoritmi difficilmente a disposizione dei singoli utenti” e inoltre apprendiamo sempre dal documento dell’impresa, l’assicurato può “scegliere un livello di spesa mensile personalizzato e la piattaforma rilascia l’indicazione di quale somma, in caso di sinistro, viene rimborsata da Reale Mutua tramite il prodotto “Realmente Vicini”.
Insomma uno strumento informatico sarà in grado di generare più solidarietà, maggiori informazioni, nonché migliori opportunità di quelle messe a disposizione da un’agenzia e questo alla faccia della storica fidelizzazione della rete agenziale alla mandante che un tempo era vista dagli agenti come il salotto buono delle relazioni industriali.
Roberto Bianchi

Leggi tutto...

Formazione dei Quadri sindacali Sna, conclusa la tappa a Catania si guarda al prossimo appuntamento di Verona (6-7 febbraio 2020)

MILANO - La formazione sindacale è approdata a Catania - per la terza tappa del tour in Italia - il 30 ed il 31 gennaio u.s. presso l'Hotel Mercure. Un appuntamento organizzato da Sna per le regioni Sicilia e Calabria.
Nel riconfermato cordiale clima, i Quadri territoriali delle sezioni Provinciali Sna intervenuti hanno condiviso il percorso formativo, partecipando con attenzione alle lezioni del Presidente nazionale Claudio Demozzi, della Vicepresidente vicaria Elena Dragoni, del consulente Sna Domenico Fumagalli, di Stefano Salvi dell'Ufficio legale del Sindacato e di Marcello Bazzano Componente dell'Esecutivo Nazionale Sna con delega alla formazione. Apprezzati anche i contributi di Angela Occhipinti dell'EN oltre che di Roberta Patruno ed Emiliano Ortelli Componenti del Gruppo di Lavoro Formazione.
"Viene riconfermata - ha affermato il Presidente Demozzi - la validità della proposta formativa grazie al gradimento e alla qualità dei contributi espressa dai colleghi". "Riteniamo che il percorso formativo - ha aggiunto Marcello Bazzano - offra l'opportunità di riflettere sul ruolo dei Quadri territoriali, accrescendo le esperienze e le competenze".
Prossimo appuntamento a Verona dal 6 al 7 febbraio 2020.
La Redazione


DA SX, Claudio Demozzi, Roberta Patruno, Domenico Fumagalli, Emiliano Ortelli e Marcello Bazzano

Leggi tutto...

Fondo Pensione Agenti, Anapa continua a pestare l'acqua nel mortaio. Si avvicinano le elezioni per il rinnovo del delegati al Fonage

MILANO - Credevamo di aver visto tutto, ma evidentemente ci sbagliavamo perché, quando si parla di Fondo Pensioni Agenti, la fantasia di Anapa è seconda solo alla sua sfacciataggine. Dopo aver appoggiato la proposta dell'Ania di trasformare il Fondo Pensione Agenti in un PIP, impedendo l'adozione di soluzioni ben più conservative proposte da Sna e rendendo di fatto impossibile evitare il commissariamento del Fondo, Anapa oggi si candida ad amministrarlo, avanzando proposte improbabili e populiste nel tentativo di una captatio benevolentiae fondata sulla presunzione che gli agenti iscritti al Fondo abbiano la memoria corta.
La minoritaria associazione presieduta da Vincenzo Cirasola, presenta un programma che accompagna la lista depositata per le elezioni del Delegati all'Assemblea del Fondo. È  un programma pieno di demagogia spicciola, che parla di "casa di vetro", di riduzione dei compensi degli amministratori, di trasparenza totale sulle vicende pregresse, di integrazione delle quote, di introduzione di nuove garanzie ed altri arzigogoli populisti e faziosi.
Il “Programma” si conclude con la ripetizione delle ormai tediose domande al CdA del Fondo alle quali Anapa continua a sostenere di non aver avuto risposta, “dimenticando” che in realtà le risposte sono giunte più volte, nelle sedi istituzionali del Fondo, rivolte ai rappresentanti della stessa Anapa, probabilmente distratti o sbadati.
Ma i colleghi agenti non sono così smemorati e ricordano molto bene le tonnellate di fango che Anapa ha gettato sul Fondo e sui suoi amministratori dopo il termine del commissariamento, mentre i risultati eccellenti della gestione dimostravano – e ancor più dimostrano oggi – l’ottima salute e le ottime prospettive dello strumento di previdenza degli agenti.
E nessuno ha dimenticato la campagna di comunicazione di Anapa, che sussurrava ai colleghi l’opportunità di sospendere il versamento dei contributi, o di trasferire la propria posizione ad altri strumenti di previdenza complementare, né le riunioni sul territorio nelle quali, secondo alcune voci, sarebbero state impartite le relative istruzioni operative.
Molti malcapitati, che avevano ascoltato il canto delle sirene, hanno scoperto solo successivamente che la riattivazione della contribuzione comportava l’obbligo di dover versare anche la quota che, in una situazione di continuità contributiva, sarebbe stata invece di competenza della compagnia. E molti altri hanno dovuto prendere atto solo successivamente che qualsiasi forma di previdenza complementare, oggi, non ha i presupposti per eguagliare le prestazioni del Fondo Pensione Agenti a prestazione definita ed i suoi contenuti solidaristici.
I colleghi sanno benissimo che la sopravvivenza del Fondo e la sua solidità sono risultati ottenuti esclusivamente grazie alla lungimiranza del Sindacato Nazionale Agenti e alle sue lotte, condotte in solitudine, mentre Anapa condivideva le proposte dell'Ania, che non erano certo concepite per salvaguardare la peculiarità e l'integrità del Fondo. Ma questo tentativo di prendere in giro ancora una volta i colleghi sarà certamente punito dal risultato delle votazioni per il rinnovo dell'Assemblea dei Delegati e neppure l’espediente di diffondere questo programma confuso e inconsistente potrà cambiare un destino già segnato.
La Redazione

Leggi tutto...

Modifica del Regolamento Ivass n. 40, interrogazione dell'On. Bignami (FdI) al Ministro dello sviluppo economico. Sna: Occorre superare le tante criticità

MILANO - L'On. Galeazzo Bignami (Fratelli d'Italia) ha presentato al Ministro dello sviluppo economico una interrogazione per conoscere le iniziative che il titolare del Dicastero intende adottare al fine di superare alcune criticità manifestate da Sna e derivanti dalla proposta di modifica dell'articolo 56 (comma 2, lettera b) del regolamento n. 40 in pubblica consultazione Ivass. La disciplina - se approvata - imporrebbe fra l'altro agli agenti di rendere disponibile, presso i propri locali, l'elenco dei rapporti di collaborazione stipulati in base all'articolo 22, comma 10, della legge n. 221 del 2012. 
Come si ricorderà, con una recente nota ufficiale, il Sindacato Nazionale Agenti aveva comunicato all'Istituto di vigilanza le risultanze della riunione tenutasi il 17 dicembre 2019 a Milano con il Comitato dei presidenti dei Gruppi aziendali agenti. All'unanimità erano state espresse contrarietà.
"Sono stati inoltre rilevati - scrive l'On. Bignami - la ingiustificabile complessità nella compilazione e il peso dell'aggravio burocratico che conseguirebbe alla proposta modifica di cui all'articolo 56, punto 15, e all'articolo 58, che imporrebbe la compilazione e la sottoscrizione di un modello di coerenza dei prodotti assicurativi proposti, da parte dell'intermediario e del cliente".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Nuove fantomatiche coperture assicurative Rcauto vendute sul web. Demozzi (Sna): vietare subito la distribuzione online delle polizze

MILANO - Ennesima segnalazione dell'Istituto di vigilanza. Ed ennesima sequela di siti internet irregolari. Sarebbe meglio definirli truffaldini. Tutti organizzati per la distribuzione online di fantomatiche coperture assicurative Rcauto. L'Ivass ricorda che "le polizze ricevute dai clienti sono false e i relativi veicoli non sono assicurati". I portali in questione sono: www.wordassurance.it, www.planetassicura.net, www.facileassicura.it, www.speedassicurazioni.it, www.liguoriassicurazioni.com.
L’Istituto raccomanda ai consumatori di adottare le opportune cautele nella valutazione di offerte assicurative via internet o telefono (sempre più spesso anche via WhatsApp, ndr), soprattutto se di durata temporanea. Importante rammentare che i pagamenti dei premi effettuati a favore di carte di credito ricaricabili o prepagate sono irregolari e che sono irregolari anche i pagamenti effettuati a favore di persone o di società non iscritte al Rui.
Il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi torna sulla spinosa ed irrisolta questione: "C'era qualcuno che voleva vietare agli agenti l'incasso dei premi. Non sarebbe meglio impedire la distribuzione online dei contratti assicurativi?".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Continua l'operazione trasparenza CCNL, Ebisep, Fondo. Tappa a Roma. Presenti i vertici dello Sna

MILANO - Prosegue l'operazione informativa in corso dalla scorsa primavera che, attraverso numerosi incontri sul territorio nazionale, si propone di esporre tutte le principali caratteristiche del Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti agenziali Sna/Confsal, il più applicato in Italia, sottoscritto dalle sigle maggiormente rappresentative del settore, nonché l'organizzazione ed il funzionamento dell'Ente Bilaterale Ebisep.
Nel corso delle giornate formative viene spiegato anche il funzionamento del fondo interprofessionale di riferimento del CCNL del settore Fonarcom.
Ultima tappa a Roma, presso il Bettoja Hotel Mediterraneo, a pochi passi dalla stazione Termini, lo scorso 20 novembre 2019.
Tra i relatori, erano presenti il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, il Presidente del Fonage Francesco Libutti, l'avv. Gianluigi Malandrino, la Vicepresidente vicario Elena Dragoni e il Presidente della sezione Provinciale Sna organizzatrice dell'evento Sergio Sterbini.
La Redazione


Leggi tutto...

Regolamento Ivass in tema di governo e controllo dei prodotti assicurativi, prorogato al 15 novembre il termine per le osservazioni

MILANO - L'Istituto di vigilanza, su richiesta di Sna e tutte le altre sigle degli intermediari, ha accolto il 31 ottobre scorso la richiesta di proroga per l'invio delle osservazioni ai documenti 1/19 e 2/19 in pubblica consultazione, relativi al Regolamento in tema di "Governo e controllo dei prodotti assicurativi e al regolamento recante modifiche ed integrazioni ai regolamenti 23/08, 24/08, 38/18, 40/18 e 41/18".
Il nuovo termine è stato prorogato al 15 novembre.
La Redazione

Leggi tutto...

Prova di idoneità per l’iscrizione al Rui, emanato il provvedimento Ivass. Le novità. SnaForm al lavoro per i corsi formativi 2020

MILANO - L'Ivass ha emanato in queste ore il nuovo provvedimento n. 89/2019 concernente i termini della prova di idoneità per l’iscrizione nel Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi.
Quest’anno ci sono due importanti novità:
1) l’apertura della fase di iscrizione è anticipata: i candidati potranno presentare la domanda in via telematica dalle ore 12.00 del 30 ottobre 2019 alle ore 12.00 del 5 dicembre 2019; questa novità è stata introdotta per conoscere con maggiore anticipo l’effettivo numero dei partecipanti e consentire all'Ivass di pianificare con maggiore efficienza l’organizzazione logistica;
2) per essere ammessi alla prova occorre versare un contributo di 70 euro mediante accesso al sistema Pago PA. Il versamento potrà essere effettuato dalle ore 8.00 del 21 dicembre 2019 alle ore 24.00 del 24 gennaio 2020.
Inoltre, la data della prova non subirà sostanziali modifiche rispetto agli anni passati (approssimativamente nel mese di luglio) e sarà comunicata successivamente. A pena d’esclusione, la domanda di ammissione alla prova di idoneità - ricorda l'Istituto di vigilanza - dovrà essere presentata in via telematica utilizzando l’applicazione informatica accessibile dal sito www.ivass.it. Non sono ammesse altre forme di presentazione delle domande.
La segreteria SnaForm sta già preparando il modulo per le iscrizioni al nuovo corso RUI 2020.
La Redazione

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700