Menu
NOTIZIARIO SNA

NOTIZIARIO SNA

Kit Digital Agency, il tour di Angela Occhipinti (Sna) fa scalo in Sardegna. Più forte la cultura tecnologica e digitale delle agenzie

MILANO - Continuando nella capillare opera di formazione e informazione direttamente presso tutte le regioni d’Italia, Angela Occhipinti (componente dello EN Sna) ha raccolto l’invito del coordinamento Sna della Sardegna e supportata dall’ing. Angelo Ottaviani, esperto della normativa legata al regolamento sulla privacy, ed il dott. Franco Pittori esperto nella organizzazione e gestione tecnico-digitale, hanno intrattenuto una sessantina di agenti provenienti da tutta l’isola, ai quali è stato loro illustrato il progetto targato Sindacato nazionale agenti e denominato "Kit Digital Agency".
Il progetto "KDA" prende le mosse dalle attuali disposizioni in materia di privacy, con particolare attenzione alla “titolarità” dei dati sensibili dei clienti che, se non gestiti come previsto dal regolamento europeo, pur essendo gestite direttamente dall’intermediario, potrebbero non essere poi nella loro disponibilità. Come appreso dagli agenti che hanno partecipato al convegno, KDA rappresenta anche diffusione della cultura tecnologica ad uso e consumo degli agenti, con relativa piattaforma digitale agenziale. KDA è la soluzione per coloro che desiderano avere un proprio data base; un proprio sito; una app per avvicinare i propri clienti; una comunicazione social strutturata e una posta elettronica personalizzata, disgiunta da quella della compagnia.
Giacomo Anedda

Leggi tutto...

Lo Sna convoca a Napoli l'Esecutivo nazionale per una intensa due giorni di lavori (15-16 novembre 2018). I punti all'odg

MILANO - Lo Sna rende noto che l’Esecutivo nazionale è convocato a Napoli, presso l’Hotel Royal Continental in Via Partenope 38/44 per le ore 9.30 di giovedì 15 novembre p.v. I lavori proseguiranno anche nella giornata di venerdì 16 novembre. All'ordine del giorno la Relazione del Presidente, Privacy - trattamento dati personali, Consulenza remunerata, Tavoli Ania, A.N.A., Situazione nuovi iscritti, Autorizzazione incasso diretto Sezioni Provinciali, Mancata approvazione nuova iscrizione Sna Savona, Varie ed eventuali. Ai lavori parteciperà il Consulente Sna, Domenico Fumagalli.
La Redazione

Leggi tutto...

Accordo Integrativo, incontro al vertice fra Sna e i Gaa Italiana e Uniqa. Raggiunta la quadra grazie alla buona fede di tutte le parti

MILANO - La stretta sinergia tra Sna ed i Gaa alla fine porta i frutti sperati. "Abbiamo dimostrato - ha sottolinea il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi - che è possibile, pur partendo da posizioni distanti su alcuni specifici punti, raggiungere un'intesa che premia l'impegno e la buona fede di tutte le parti coinvolte".
Così, nel corso dell’incontro tenutosi presso la sede Sna a Milano lo scorso 9 novembre 2018, si è giunti alla quadra. Hanno partecipato alla riunione il Presidente e il Vicepresidente Gaa Italiana Assicurazioni Massimo Uncini e Giuseppe Sutera; il Presidente e il Vicepresidente Gaa Uniqa Claudio Tomiato e Roberto Morbinati; il Presidente Nazionale Sna Claudio Demozzi; il Presidente e il Vicepresidente del Comitato dei presidenti di Gaa Sna Dario Piana e Salvatore Palma; i Componenti dell'Esecutivo nazionale Sna incaricati Giuseppe Rapa e Andrea Lucarelli; il consulente Sna Domenico Fumagalli.
Oggetto dell'incontro l’Accordo Integrativo Italiana e Uniqa. Quanto ai principali punti di discussione, Sna conferma quanto segue:
1) Art. 7 “agevolazione rivalsa”: la contrarietà alla norma che introduce un sistema di fidelizzazione, ancorché mitigato - secondo quanto dichiarato dai Gaa - dal fatto che tale agevolazione è un’opportunità a disposizione dei singoli agenti e non un obbligo;
2) Art. 9 “attività di riconsegna”: il punto di vista espresso, secondo il quale tale articolo configura un’ipotesi di “patto di subentro”. In proposito Sna considera positivamente i chiarimenti della compagnia, la quale ha manifestato la disponibilità a formalizzare a tutti gli agenti che non è intenzione dell’impresa reintrodurre in alcun modo il “diritto di subentro” nei locali agenziali;
3) Art. 10 “inadempimenti degli agenti”: la contrarietà ad introdurre sia il “richiamo formale scritto” (non previsto da alcuna norma collettiva), sia il generico riferimento ad “inadempienze”, in quanto non definite nella loro sostanza giuridica. Sicuramente la circostanza dell’esistenza di una Commissione paritetica compagnia/agenti che dia modo ai Rappresentanti dei Gaa di poter vigilare adeguatamente sulla corretta applicazione ed interpretazione dell’intero Accordo, attenua questa criticità;
4) Art. 6 “previdenza agenti”: la preoccupazione espressa in generale per tutti i casi in cui le Imprese agiscono adottando sistemi di clusterizzazione, nei rapporti con gli agenti, ma contestualmente si ritiene credibile la precisazione fornita dai Gaa Italiana e Uniqa in merito, i quali chiariscono che il contributo costituisce un atto di liberalità e quindi la soglia di accesso non può essere considerata una forma di clusterizzazione.
E' stato considerato favorevolmente quanto asserito dai Gaa Italiana e Uniqa, che non hanno sottoscritto in nome e per conto di tutti gli agenti associati il suddetto Accordo, dando in questo modo la libertà a ciascun singolo agente di sottoscriverlo o meno. Lo Sna ha raccomandato poi ai due Gruppi Agenti di rinegoziare con l’impresa alla prima occasione utile l’Accordo sottoscritto. A tal fine il Sindacato si è detto pronto a garantire sin d’ora la massima collaborazione e tutela per il raggiungimento di nuovi traguardi negoziali migliorativi.
Infine, si è preso atto che la mancanza di un preventivo confronto può generare uno stato di incertezza nei confronti dei colleghi: per ovviare a ciò, Sna e i Gaa Italiana e Uniqa si sono impegnati in futuro a promuovere un più intenso confronto preventivo, anche al fine di evitare scambi epistolari che potrebbero provocare incomprensioni od essere strumentalizzati per scopi diversi dalla miglior tutela degli agenti. 
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Kit Digital Agency, parte da Roma la stagione autunnale di formazione del Sindacato nazionale agenti per la digitalizzazione

MILANO - E' iniziata la stagione autunnale del Kda (Kit Digital Agency), con una tappa importante, organizzata dalla sezione provinciale di Sna di Roma. Grande soddisfazione è stata espressa dal Presidente provinciale Sergio Sterbini e del suo esecutivo per la partecipazione e l'interesse manifestato dai colleghi romani intervenuti. Un ringraziamento particolare è arrivato ad Angela Occhipinti (componente EN Sna) per il lavoro svolto, realizzato in collaborazione con i consulenti del Sindacato Angelo Ottaviani (privacy) e Franco Pittori (strumenti tecnologici).
La Redazione

Leggi tutto...

Quarta puntata del ciclo Tv prodotto da Sna. E' la volta delle polizze auto. Per il Sindacato in studio Claudio Demozzi ed Elena Dragoni

MILANO - Prosegue il ciclo di Trasmissioni Tv prodotte da Sna. La quarta puntata messa in onda su Trentino Tv è dedicata alle polizze auto, un mercato nel quale gli agenti continuano a occupare una posizione di leader con circa il 90% della raccolta premi ed un ruolo chiave, a vantaggio dei consumatori, che nessun canale alternativo è riuscito a replicare. Claudio Demozzi (Presidente Sna), Elena Dragoni (responsabile della Commissione auto di Sna), Silvano Daelli (dirigente di Altroconsumo), Lorenzo Barberio (National Account di Glass Drive) e il sen. Andrea De Bertoldi (FdI) sono gli ospiti della trasmissione. Dal loro contributo emerge ancora una volta la centralità della figura dell’agente professionista quale guida del cliente in un settore quanto mai insidioso.
Il quadro generale del mercato e l’incidenza del lavoro degli agenti, i rischi del fai da te, il tema della qualità del servizio nel settore della garanzia cristalli, i consigli delle associazioni consumeristiche ai cittadini perché consultino un esperto non fidandosi del fai-da-te, il ruolo della buona politica nella difesa della figura dell’agente contro il decreto ammazza-agenti, sono i temi sviluppati negli interventi degli ospiti. Una puntata da non perdere.
La Redazione

LINK ALLA TRASMISSIONE

Leggi tutto...

Nuovo Regolamento sulla distribuzione assicurativa, è scontro aperto fra l'Ivass e lo Sna. Il Sindacato ricorre al Tar

MILANO - E' scontro con tanto di carte bollate quello fra lo Sna e l'Ivass. Oggetto del contendere i termini dell'applicazione del nuovo Regolamento europeo in materia di assicurazioni. Secondo il Sindacato, l'Istituto di vigilanza avrebbe introdotto - in buona sostanza - forti limitazioni agli intermediari indipendenti favorendo al contempo i grandi gruppi. La normativa - per lo Sna - restringerebbe la libertà imprenditoriale degli agenti, riducendoli a meri esecutori. Il rischio è quello di trasformare dei consulenti in semplici rivenditori di prodotti assicurativi (per giunta standardizzati). Il tutto con grave pregiudizio per la libera concorrenza e per i consumatori finali. 
Ed è proprio la standardizzazione dei prodotti assicurativi il vero problema, perché se attuato consentirebbe a chiunque (ad iniziare dalle banche per finire ai call center o ai siti web) di collocare polizze senza troppe formalità. Con buona pace per le decine di migliaia di agenti professionisti che hanno dovuto superare un duro esame per svolgere la propria attività e che sono ogni anno chiamati a corsi di aggiornamento obbligatori.
Preoccupa lo Sna anche l'introduzione dell'obbligo per gli agenti di essere titolari di almeno un mandato. Pena la cancellazione dal Registro Unico degli Intermediari: una sorta di radiazione de facto per coloro che vogliono operare in regime di collaborazioni. Verrebbe così spazzata via la norma sul plurimandato risalente al 2012, che mai è stata accettata pienamente dalla più parte delle compagnie. Soprattutto quelle di maggiori dimensioni. Lo Sna rileva che nel Codice delle Assicurazioni private non è contemplato nessuno dei principi che si vorrebbero introdurre attraverso un Regolamento. Ecco, dunque, il ricorso al Tar. Un'iniziativa coraggiosa e senza precedenti, giudicata imprescindibile e non procrastinabile dal Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Rcauto, Poste Italiane pronta a rinunciare alla partita. Demozzi (Sna): solo noi ci siamo spesi per fronteggiare questo rischio

MILANO - Secondo quanto riportato da "Milano Finanza", Poste Italiane sarebbe sul punto di rivedere alcuni piani strategici che l'avrebbero vista entrare, fra l'altro, nella distribuzione di polizze Rcauto in Italia. Come si ricorderà, si era aperta da qualche mese una vera e propria gara fra le maggiori compagnie di assicurazioni per aggiudicarsi l'accordo con il Gruppo guidato da Matteo Del Fante. Un'ipotesi che aveva suscitato però i malumori degli agenti di assicurazione dei quali si era fatto portavoce lo Sna. Ne erano seguiti incontri al Ministero dell'Economia da parte del Presidente nazionale Claudio Demozzi, pressioni politico-istituzionali, azioni mediatiche.
Ora arriva la notizia che Poste Italiane rimanderebbe l'operazione Rcauto a data da destinare, per concentrarsi su altri rami Danni. Secondo le indiscrezioni di stampa (al momento non smentite, ndr) sarebbe stata inviata una lettera ufficiale alle compagnie assicurative interessate nella quale si annuncerebbe lo stop alla gara. 
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Accordo integrativo proposto dalla mandante, missiva dello Sna agli agenti Italiana Assicurazioni, Uniqa e Uniqa Previdenza. Le raccomandazioni

MILANO - Con una nota ufficiale a firma dei due componenti l'Esecutivo nazionale Sna, Giuseppe Rapa e Andrea Lucarelli, il Sindacato interviene in ordine a quanto predisposto dalla mandante per gli agenti della Italiana Assicurazioni Spa, Uniqa Assicurazione Spa e Uniqa Previdenza Spa. "Nella parte economica - scrive il Sindacato - abbiamo riscontrato spunti positivi a favore degli Agenti (sovraprovvigioni, diritti fissi, provvigione “variabile” accettabile sulla RCA), anche se resta da chiarire se il diritto fisso debba essere ritenuto incluso nelle provvigioni e quindi utile ai fini del conteggio delle indennità. Risulta invece inaccettabile e pregiudizievole, sotto un profilo normativo, la presenza di clausole (articoli n.7, 9 e 10) che limitano o escludono i trattamenti minimi garantiti dall’Accordo Nazionale Agenti 2003".
"Evidenziamo - prosegue la nota - che nell’articolo 2 lett. E ) viene inserito il principio in base al quale, in caso di contrasto tra la Lettera di Nomina e l’Allegato A, prevarrà l’applicazione dello stesso Allegato A. Principio da cassare ed invalidare perché viola la giusta divisione che deve esistere tra i diritti acquisiti dalla Lettera di Nomina da quelli contrattati dall’Accordo Integrativo. Sottolineiamo, inoltre, l’inutilità di inserire il periodo di validità dello stesso Accordo (art.11 - Durata) se poi nelle dichiarazioni iniziali (art. n. 9) ci si impegna, nel caso si verificassero effetti negativi significativi, a discrezione della Compagnia ed in buona fede, a rinegoziare entro sei mesi dalla richiesta della stessa Compagnia, i termini di un nuovo accordo in sua sostituzione. Attenzione, poi, a limitare solo alle Agenzie che hanno un ammontare di premi incassati sopra a 500.000,00 euro il versamento del contributo previsto dall’art.6 - Previdenza Agenti - perché così facendo si crea una disparità ed una clusterizzazione tra le Agenzie beneficiarie".
"Nell’interesse vostro e della Categoria agenziale vi invitiamo a pretendere l’inserimento nell’Accordo 2019 di una Clausola di salvaguardia, che preveda la prevalenza dell’ANA 2003, laddove le clausole di detto Accordo risultino peggiorative".
Sna - scrivono ancora Rapa e Lucarelli - si riserva di intraprendere ogni più idonea azione, in tutte le sedi, nei confronti delle compagnie che, facendo leva sulla sproporzione del potere negoziale, vogliano imporre alle proprie reti il superamento degli accordi a livello nazionale , che costituiscono il fondamentale presidio per la tutela dei diritti degli agenti.
Luigi Giorgetti

 

Leggi tutto...

Accordo integrativo Cattolica, Demozzi (Sna): I Gruppi Aziendali Agenti stanno lavorando bene ma attenti alla contitolarità

MILANO - Da alcune settimane l’attenzione del Sindacato è concentrata sulla complessa, lunga trattativa riguardante l’Accordo Integrativo aziendale Cattolica, che vede impegnati in prima fila il GAA Cattolica ex Duomo di Danilo Battaglia, il GAA Cattolica ex Fata di Roberto Zambelli, il GAA Cattolica di Fabrizio Fabris, il GAA Cattolica ex UnioOne di Renato Sparti e il GAA Assocap a Segreteria di Diego Milani. Stando alle notizie trapelate durante la recente riunione Sna che ha visto coinvolto il vertice del Sindacato e l’ufficio legale di Via Lanzone, sembra che le gravi criticità sollevate durante la prima analisi del testo di Accordo siano state parzialmente superate soprattutto grazie alla determinazione di quei Gruppi Aziendali Agenti Cattolica che per primi hanno coinvolto il Sindacato e che non si sono fatti travolgere dalla consueta fretta imposta dalle mandanti.
Per il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi “i GAA Cattolica che hanno coinvolto il Sindacato determinati ad evitare qualsiasi scivolone specie sui diritti acquisiti dell’Accordo Nazionale Agenti-Imprese; siamo invece preoccupati per i rischi connessi all’eventuale patto di contitolarità che come noto contiene, e non potrebbe essere altrimenti, significativi vincoli, limiti operativi ed ostacoli alla libertà professionale degli agenti, per i quali è sempre preferibile la piena titolarità dei dati dei clienti”.
La Redazione

Leggi tutto...

I vertici Sna in televisione, nuova puntata de "Il Punto" su Trentino TV. Fra gli ospiti Claudio Demozzi ed Elena Dragoni (video)

MILANO - Nuovo appuntamento televisivo per il Sindacato nazionale agenti, ospite della serie di trasmissioni in onda su Trentino TV dedicata al segmento assicurativo. "Il Punto" condotto dalla giornalista Angela Guerriero ha visto protagonisti il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi e la Vicepresidente Vicaria Elena Dragoni, oltre a Ivano Daelli (Altroconsumo) e Roberto Conforti (Presidente UEA).
Molti gli argomenti trattati: una particolare attenzione è stata riservata ai rischi sanitari, alla non-autosufficienza, alle coperture assicurative retail e corporate. Per rivedere la puntata, basta cliccare il link in basso.
La Redazione

CLICCA PER VEDERE LA TRASMISSIONE

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700