Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700
NOTIZIARIO SNA
Menu
NOTIZIARIO SNA

NOTIZIARIO SNA

Niente polizze vita o sanitarie agli ex malati oncologici, inchiesta di "Mi manda Rai3". Intervengono per lo Sna Claudio Demozzi e Sergio Sterbini

MILANO - Nella puntata del 17 aprile di "Mi manda Rai3", celeberrima trasmissione d'inchiesta condotta dal settembre 2020 da Federico Ruffo, si è parlato - fra gli altri approfondimenti - anche della drammatica situazione degli ex malati oncologici italiani ai quali viene negata la possibilità di adottare un bambino, di accendere un mutuo e di sottoscrivere una polizza vita o sanitaria. Nel servizio sono intervenuti Claudio DemozziSergio Sterbini rispettivamente Presidente e Vicepresidente nazionali Sna. In particolare, Demozzi ha sottolineato come le compagnie di assicurazioni guardino esclusivamente il lato profitti. "Per questo motivo - ha affermato il Presidente nazionale Sna - non vengono concesse alternative a quanti risultano essere stati malati oncologici, quantunque guariti e magari da anni. E' indispensabile - ha aggiunto Demozzi - che il Legislatore disciplini una volta per tutte questa materia, attraverso una normativa più equa e al passo con i tempi".
Per rivedere l'intervento dei rappresentanti Sna, si vada al minuto 50 della trasmissione accedendo a questo link (dopo essersi registrati in RaiPlay) : https://www.raiplay.it/video/2022/04/Mi-manda-Raitre-a121ae7a-cdd5-434f-9c6f-8bb8da19e1ae.html
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Preventivatore Rcauto Ivass di nuovo in pubblica consultazione. Demozzi (Sna): Ennesimo attacco al plurimandato

MILANO - Per la seconda volta il Regolamento Ivass sul Preventivatore Rcauto è oggetto di pubblica consultazione. Nella prima fase, lo scorso anno, sono emerse tante e tali criticità da indurre l’Istituto di Vigilanza a sospenderne l’entrata in vigore, ad apportare modifiche ed a riproporlo in pubblica consultazione.
"Apprezziamo il parziale ripensamento dell’Ivass - commenta il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi - ma non basta. Persistono forti criticità, che vanno ad incidere negativamente sul lavoro degli intermediari. Ravvisiamo un vero e proprio ostacolo al plurimandato e nuovi pesanti oneri burocratici sugli agenti, senza alcun vantaggio per i consumatori". La posizione del Sindacato nazionale agenti è chiara: il Preventivatore potrebbe essere uno strumento in più, a disposizione del pubblico e degli operatori del settore, ma dovrà essere di libero utilizzo, una facoltà non un obbligo. "Lo stesso art. 132/bis dal quale trae origine il Regolamento dell’Ivass è oggetto di numerose osservazioni e secondo alcuni esperti violerebbe addirittura la normativa europea”, continua il Presidente Demozzi, “urge un intervento correttivo per evitare che anche questa si trasformi in una disposizione inapplicata ed inapplicabile per la maggioranza degli intermediari”.
Il Sindacato è al lavoro per ultimare il documento di osservazioni che sarà depositato in questi giorni e che fa seguito a quello depositato lo scorso anno. La Commissione norme e regolamenti Sna è guidata da Fabio Luca Occhiuto, componente dell’Esecutivo Nazionale e si avvale della collaborazione di esperti e legali tra i quali Domenico Fumagalli ed il direttore del Sindacato Andrea Bonfanti.
La Redazione

Leggi tutto...

29 aprile 2022, convocato l'87° Comitato Centrale Sna al Museo Nazionale dell'Automobile di Torino: l’emozione di tornare a riunirsi in presenza

MILANO - Venerdì 18 marzo, sono le 17,08 quando dalla direzione Sna di Milano arriva sulla casella di posta elettronica la convocazione per l’87° Comitato Centrale. È con una certa emozione che leggo la mail; il testo è scarno, didascalico, fa riferimento alla convocazione e rimanda alla lettura degli allegati. La locandina presenta l’evento che si terrà venerdì 29 aprile al Museo dell'Automobile di Torino, la prestigiosa sede del Museo Nazionale dell’Automobile; torniamo a riunirci in presenza dopo quasi tre anni, tanti ne sono trascorsi dal giugno del 2019 quando abbiamo celebrato a Rimini il congresso del centenario del nostro Sindacato. Nessuno avrebbe mai immaginato cosa sarebbe successo da lì a qualche mese, nessuno poteva prevedere che un microscopico assassino avrebbe bloccato l’intero pianeta costringendo centinaia di milioni di persone a non muoversi di casa, paralizzando l’economia mondiale in attesa di contromisure, i vaccini, che avrebbero fatto la loro comparsa (non senza polemiche) soltanto dopo un anno.
E noi agenti di assicurazione, ma anche i nostri dipendenti e collaboratori, abbiamo subito la “reclusione” praticamente soltanto nel fine settimana perché le nostre agenzie sono rimaste aperte anche durante il cosiddetto lockdown, perché i nostri servizi sono stati dichiarati essenziali dalle disposizioni governative. E lo Sna ci è stato vicino, così come l’Ebisep, l’ente bilaterale collegato al CCNL dei nostri dipendenti, con la fornitura dei preside sanitari e continuando l’attività propria di un’associazione al servizio non solo degli iscritti ma dell’intera categoria: la vittoria nel ricorso al TAR sul Provvedimento 97 dell’Ivass è giunta in pieno periodo pandemico, ma è stato solo il culmine di tutta una serie di iniziative portate avanti dal sindacato in questi anni feroci, basta dare un’occhiata a quel diario che è l’Almanacco 2021 allegato all’ultimo numero della rivista "L’Agente di Assicurazione".
Siamo stati costretti a scoprire la tecnologia “buona”, come la definisce il Presidente Demozzi, quella che ci ha permesso di continuare a comunicare e mantenerci in contatto: così, da remoto, si sono svolti due Comitati Centrali ed altrettanti Congressi Nazionali di cui uno, quello del 2020, elettivo. Addirittura, il congresso dello scorso anno ha fatto registrare il maggior numero di interventi nella ultracentenaria storia dello Sna, ben 50! Ma la sala congressi virtuale ha visto migliaia di partecipanti anche per i primi Stati Generali degli agenti di assicurazione nonché per altri importanti eventi quali il convegno “Rcauto bene sociale”, il primo targato Sna-Confconsumatori e quello sul famigerato “Progetto51” di Allianz, a cui si sono aggiunti nell’autunno scorso con altrettanto successo di pubblico, l’incontro formativo-informativo inserito nel programma Edufin 2021, anch’esso in co-marketing con la prestigiosa associazione consumeristica di Mara Colla e la presentazione pubblica della Carta dei Valori Sna a tutela del consumatore.
Purtroppo, in questo periodo di pandemia, dal quale sembra che stiamo lentamente ma progressivamente uscendo, la nostra categoria ha pagato il suo tributo di vite umane e ai nostri colleghi rapiti dal virus sale il nostro pensiero da queste poche righe con la certezza che dalla platea del Lingotto perverrà un ricordo ancora più forte.
Torniamo in presenza, amici miei, per celebrare un evento essenziale nella vita dello Sna, il Comitato Centrale: un numero di colleghi certo più ristretto rispetto ad un congresso, che riunisce però quadri e dirigenti del sindacato chiamati sì, come previsto dall’articolo 25 del nostro Statuto, all’importante compito di approvare il bilancio consuntivo, il bilancio preventivo e la relazione finanziaria predisposti dall’Esecutivo Nazionale ma, soprattutto a sviluppare la politica deliberata dal Congresso Nazionale, tramite l’Esecutivo attualmente guidato dal Presidente Claudio Demozzi, vigilando sulla sua corretta attuazione. Torniamo davvero in presenza, colleghi carissimi, prenotando aerei, treni, camere d’albergo o semplicemente alla guida delle nostre autovetture per raggiungere il Museo Nazionale dell'Automobile di Torino: una bellissima meta, finalmente “fisica” per abbracciarci nuovamente, scambiarci pacche sulle spalle nascondendo il sorriso dietro le mascherine, per portare direttamente la nostra voce dal palco.
Sveduma a Turin!
Franco Domenico Staglianò

Leggi tutto...

Riunito l'Esecutivo Nazionale Sna per approvare la bozza di bilancio esercizio 2021. Numero di iscritti in crescita e forte avanzo contabile

MILANO - Si è riunito (15 marzo, ndr) l'Esecutivo Nazionale dello Sna. Dopo un approfondito confronto, l'EN ha approvato la bozza di bilancio per l'esercizio 2021 che sarà sottoposta per l'approvazione al prossimo Comitato Centrale.
"Il Sindacato gode di ottima salute", ha dichiarato il Presidente nazionale Claudio Demozzi, aggiungendo che "ancora una volta il bilancio evidenzia una gestione attenta, prudenziale e di crescita di Sna. I ricavi da quote associative sono ulteriormente in crescita, così come il numero degli iscritti, a riprova dell'ottimo lavoro svolto dall'attuale squadra di Esecutivo e dallo staff permanente che opera quotidianamente presso la nostra sede storica di Milano".
Il Comitato Centrale si svolgerà, come da Statuto, entro fine aprile. "Anche gli ultimi detrattori non possono che prendere atto della lungimiranza e della coerenza della nostra linea politica, premiata sia in termini di crescita del numero degli iscritti che di risultati ottenuti, a favore degli agenti assicurativi italiani; grazie ad un bilancio che continua a consolidare risultati in linea con i nostri migliori auspici, il Sindacato è oggi più forte che nel passato e dispone delle risorse, come mai avvenuto nella sua storia, per tutelare con i mezzi necessari i diritti ed il futuro della nostra categoria", sono queste le parole del Presidente Demozzi, raggiunto al telefono durante la breve pausa pranzo.
La Redazione

Leggi tutto...

Allarme Covid-19, tornano ad aumentare i casi di positività in Italia. Il tasso risale sopra il 12%. Demozzi (Sna): Nuovi presidi di protezione in arrivo dall'Ebisep

MILANO - Secondo i dati del Ministero della Salute, è stato registrato in Italia un aumento dei casi di positività pari al 39,4% rispetto alla settimana precedente. Il tasso risale sopra il 12%. I casi totali dall’insorgenza della pandemia in Italia sono oltre 13.300.000. “L’ulteriore invio di presidi di protezione contro questo maledetto virus, da parte del Sindacato nazionale agenti e da parte dell’ente Bilaterale del settore assicurativo agenziale Ebisep, - ha commentato il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi - si è rivelato quanto mai opportuno, ed alla luce di questi nuovi dati ci auguriamo che anche l’utilizzo dei presidi inviati a tutte le agenzie italiane aderenti al Sindacato e all’Ebisep possa risultare utile a combattere questa pericolosa tendenza, emersa negli ultimi giorni".
La Redazione

Leggi tutto...

Accordo Dati Generali Italia, gli esiti dell'incontro fra il vertice Sna e quello dei Gruppi Agenti GAAG e UNAT

MILANO - Si è svolto il 1° marzo scorso a Milano, nella sede Sna di Via Lanzone, il previsto incontro tra la delegazione Sna e le Giunte dei Gruppi Agenti Generali UNAT e GAAG, per l'approfondimento ed il confronto sulle criticità emerse nelle scorse settimane riguardo l'Accordo Dati sottoscritto il 1° febbraio scorso con Generali Italia. I presidenti Antonio Canu e Mariagrazia Musto hanno innanzitutto precisato che una parte fondamentale dell'Accordo e cioè il Regolamento attuativo è in corso di perfezionamento con la mandante.
Il confronto, durato l'intera mattinata, si è svolto: tra la delegazione Sna (composta dal Presidente nazionale Claudio Demozzi, dal Vicepresidente vicario Elena Dragoni, dal Vicepresidente Sergio Sterbini, dal Presidente del Comitato GAA Dario Piana e dal suo Vicepresidente Salvatore Palma, dalla componente dell'Esecutivo Nazionale e responsabile della Commissione accordi Betty Ferraro, dal consulente Domenico Fumagalli, dal Direttore Sna Andrea Bonfanti e dall'avv. Alessia Mulazzani dello staff Sna); il vertice del GAAG (Antonio Canu presidente, Emanuele Sias vicepresidente) ed il vertice di UNAT (Mariagrazia Musto, presidente, Federico Pini, vicepresidente e Sergio Signore, consulente).
Il Presidente nazionale Claudio Demozzi ed i Presidenti Mariagrazia Musto dell’UNAT e Antonio Canu del GAAG hanno espresso la loro soddisfazione per l’esito dell’incontro che si è svolto in un clima cordiale e costruttivo. Preso atto di alcune criticità rilevate dalla Commissione accordi del Sindacato e dei chiarimenti presentati dai Gruppi Aziendali Agenti, si è convenuto di incontrarsi nuovamente per verificare la possibilità di analizzare alcuni punti emersi nel dibattito, pur mantenendo i risultati conseguiti a favore degli agenti, che sono stati evidenziati e valutati nel corso dell’incontro.
Saranno messi subito al lavoro i componenti della Commissione accordi ed i componenti dei Gruppi Aziendali Agenti interessati, con lo scopo di individuare alcune possibili migliorie, che i l Gruppi Agenti proporranno di inserire nel Regolamento attuativo dell’Accordo Dati, in fase di definizione. Percorso complicato, ma non impossibile, secondo i Presidenti Musto e Canu che promuoveranno un confronto con la mandante su alcuni aspetti dell'Accordo evidenziati dal Sindacato.
La Redazione

Leggi tutto...

Ivass in audizione, la Commissione parlamentare alla Camera dei Deputati conferma i timori del Sindacato nazionale agenti

MILANO - Attraverso questo link di collegamento https://webtv.camera.it/evento/20110 è possibile vedere l’audizione dell’Ivass, avvenuta il 3 marzo 2022 alle ore 14.30 presso la Commissione parlamentare alla Camera dei Deputati di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti. Dal minuto 37 del video, si possono ascoltare le domande che alcuni componenti della Commissione hanno avanzato al rappresentante dell’Istituto di Vigilanza, sostenendo e chiarendo le perplessità che anche il Sindacato Nazionale Agenti ha formalizzato all’Ivass nelle scorse settimane.
Per Sna “in particolare gli interventi dei parlamentari Patrizia Prestipino (Pd) e Soave Alemanno (M5s) sono stati apprezzabili, per chiarezza e lucidità e coincidono con la nostra posizione sui temi del Preventivatore Ivass-MiSE e dell’eccesso di burocrazia. E’ emerso altresì come la norma dell’Art. 132/bis sia ancorata ad una realtà ormai superata e pertanto a nostro parere andrebbe abrogata o quantomeno rivista”, secondo le parole del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, che non ha mancato di ringraziare la Commissione parlamentare per la tutela dei consumatori per la sensibilità dimostrata e nello specifico l’on. Prestipino e l’on. Alemanno per la qualità dei loro interventi. Come noto, quest'ultima ha più volte ricevuto i rappresentanti Sna e nel recente passato si è fatta più volte interprete delle esigenze espresse dal Sindacato nazionale agenti di assicurazione.
La Redazione

Leggi tutto...

Società di Mutuo Soccorso, nuovo j'accuse del Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi. Chiesto un intervento urgente dell'Ivass

MILANO - E' un durissimo j'accuse il contenuto della missiva trasmessa ufficialmente dal Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi all'Ivass. Nel mirino le attività delle Società di Mutuo Soccorso e la deregolamentazione del settore con l'evidente conseguenza di una possibile carenza di vigilanza. "Il fenomeno, un tempo relegato alla sanità integrativa, - scrive Demozzi - oggi travalica i confini della tutela della salute e arriva a operare nel campo della protezione patrimoniale (casa, auto e molto altro), al pari di compagnie di assicurazione e con l’utilizzo di 'promotori' che non paiono sempre essere in regola con l’iscrizione al Registro RUI, quando i c.d. piani mutualistici offerti da queste società sottendono soluzioni assicurative collettive di cui all’art. 66 del Reg. 40 Ivass".
La preoccupazione del Sindacato è legata all’assenza di regole e alla mancata applicazione dell’art. 345 del Codice delle Assicurazioni Private. Una situazione che rischia di "portare - scrive Sna - a gravi pregiudizi per i clienti, prevalentemente consumatori, che potrebbero derivare tanto da una non solvibilità di alcune di queste realtà, quanto dal possibile mancato rispetto delle regole di correttezza, trasparenza e best advice proprie della distribuzione assicurativa nelle attività di collocamento e consulenza, oggi, peraltro, fortemente rafforzate dalla Direttiva europea sulla distribuzione (IDD - 2016/97/UE) proprio al fine di garantire massima trasparenza e meglio tutelare i consumatori".
Sna sottolinea il proprio apprezzamento nei confronti delle iniziative poste in essere dall'Istituto di vigilanza, coinvolgendo le imprese assicurative, al fine di "delineare con precisione dimensioni e caratteristiche del fenomeno che interessa il settore e, a latere, di promuovere le opportune iniziative presso le sedi istituzionali al fine di dirimere le criticità sollevate dal Sindacato".
A riprova delle proposte commerciali circolanti sul mercato da parte delle Società di Mutuo Soccorso nei confronti degli agenti di assicurazione Sna riporta una mail di una realtà (oggi trasformatasi in cooperativa per azioni) nella quale si invitavano intermediari iscritti al RUI ad assumere incarichi distributivi di piani mutualistici, affiancando gli stessi ad esistenti mandati assicurativi.
"A riprova del fatto che il fenomeno stia interessando anche altri settori normalmente presidiati dal mercato assicurativo - scrive ancora il Presidente nazionale Sna - richiamiamo l’attenzione sul fatto che siano agilmente reperibili online esempi di Società di Mutuo Soccorso attive nel settore della protezione patrimoniale (casa, famiglia e altro). Leggendone alcuni, si ricava che queste realtà consentono di ricevere un 'sussidio' economico (non diverso da un indennizzo assicurativo) a fronte del pagamento di un 'unico costo' (cit.) e, dunque, di un simil-premio di adesione (ragionevolmente immune dai gravami fiscali validi per le polizze). Ciò per eventi legati al furto o incendio del veicolo o per fatti attinenti all’abitazione in proprietà o in locazione".
Il Sindacato chiede, dunque, nuovamente con forza un intervento dell'Ivass, restando "a completa disposizione per un incontro di approfondimento e per ogni eventuale necessità".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Esecutivo Nazionale Sna riunito a Milano, ben 18 punti all'Ordine del giorno. Sul tavolo dei lavori nuovi progetti in favore degli agenti di assicurazione

MILANO - Si è tenuto a Milano presso la storica sede Sna la riunione dell'Esecutivo Nazionale della più grande Associazione di rappresentanza degli agenti in Italia, una tra le più importanti a livello europeo. Come di consueto, i lavori sono stati aperti dalla relazione del Presidente nazionale Claudio Demozzi, per proseguire con ben 18 punti all'Ordine del giorno, tra i quali l'incontro con il vertice del GAZ, il Gruppo Aziendale Agenti Zurich, sul tema della cessione del portafoglio vita della compagnia.
L'Esecutivo si è accupato tra l'altro di nuovi progetti a favore degli agenti e delle iniziative legislative in corso. Il Sindacato inoltre ha trasmesso alla X Commissione Industria proprie osservazioni in merito al DL Concorrenza, osservazioni sulle quali l'Esecutivo si era già informalmente espresso e che hanno trovato spazio a verbale, dietro apposita delibera di cui sono stati informati tutti i Presidenti delle sezioni Provinciali del Sindacato.
Altri temi al'OdG sono stati: il progetto "Professionalizzazione GdL Stampa", il Fonage, la Compliance d'agenzia, il Comitato Albo, il Comitato GAA, gli Accordi integrativi, ecc. 
La Redazione

Leggi tutto...

I dati dei clienti sono il nostro vero tesoro. Demozzi (Sna): Gli agenti di assicurazione sono titolari autonomi, ma non solo

MILANO - Abbiamo avuto modo di interloquire brevemente con il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi a proposito dell’importanza della questione "dati dei clienti", che ci risulta sia stata più volte oggetto di confronto con il Comitato dei presidenti di GAA e, recentemente, con l’Ania al Tavolo di rinnovo dell’A.N.A. 2003.
Presidente Demozzi, perché i dati dei clienti sono così importanti per gli agenti?
i dati che noi agenti, anche attraverso il nostro personale e la nostra rete di collaboratori, faticosamente e meticolosamente raccogliamo ogni giorno, classifichiamo, cataloghiamo e conserviamo con le informazioni sui nostri clienti, costituiscono un vero e proprio tesoretto sul quale si basa buona parte della nostra attività e la nostra riuscita presente e futura in termini di business realizzato e potenziale. Appare evidente come, almeno con riferimento ai dati raccolti nella fase pre-contrattuale e nella fase consulenziale, l’agente rivesta inequivocabilmente il ruolo di titolare autonomo del trattamento di tali dati, come ci confermano gli esperti della materia.
Inoltre, quando i dati sono raccolti e conservati nel sistema proprietario dell’agente, costituiscono un data-base di proprietà dello stesso Agente, che elaborandoli ed arricchendoli li rende parte integrante del know-how agenziale. Vedo davvero arduo che la compagnia mandante possa pretendere di avanzare pretese circa la proprietà industriale di questi dati o pretenda di essere riconosciuta contitolare del trattamento degli stessi. La questione non è di poco conto, se si pensa alle cause milionarie intentate da alcune compagnie contro loro ex agenti che intendono utilizzare i dati dei loro clienti per proseguire la loro attività agenziale per conto di altre mandanti.
Quindi, agenti non solo titolari autonomi del trattamento, ma anche proprietari dei dati dei clienti?
A determinate condizioni, certamente si! L’agente può rivestire a pieno titolo il ruolo di titolare autonomo del trattamento dei dati dei suoi clienti ed anche acquisire la proprietà industriale del proprio data-base contenente appunto i dati dei suoi clienti. Per questo motivo, come categoria avremmo dovuto astenerci dal sottoscrivere accordi aziendali peggiorativi, cioè in pejus rispetto a quanto ci garantisce la legge. Il Comitato dei presidenti dei Gruppi Agenti ha concordato più volte questa linea, con delibere all’unanimità. Peccato però che poi alcuni presidenti GAA abbiano violato questa linea di resistenza, anche recentemente, andando a sottoscrivere accordi integrativi aziendali che limitano i diritti degli agenti sui dati dei clienti, li vincolano dentro regolamenti di co-titolarità predisposti e voluti dalle Imprese e soprattutto assegnano, in tutto o in parte, la proprietà industriale dei dati, o di taluni dati dei clienti, alla compagnia mandante. Ancora una volta, la contrattazione aziendale rischia di compromettere, ostacolare, comprimere i diritti degli agenti previsti dalla Legge.
Si tratta di un argomento di confronto anche con l’Ania?
Al Tavolo Ania per il rinnovo dell’A.N.A. 2003 abbiamo affrontato anche il tema dei dati. Ovviamente ci è stato fatto notare come la nostra posizione, definita rigida, sia smentita a livello aziendale ad opera di alcuni Gruppi Agenti. Obiettivamente è vero e questo indebolisce la nostra posizione, rendendola quasi indifendibile. A questo punto dobbiamo chiederci se, la nostra, sia ancora una categoria in grado di lottare per difendere i propri diritti, se i presidenti dei GAA accreditati al Sindacato siano o meno nella condizione di partecipare allo scontro e di contribuire attivamente al mantenimento delle posizioni. Le Imprese mettono in atto i loro propositi in maniera abbastanza compatta; il Sindacato nazionale agenti ed i Gruppi Aziendali dovrebbero fare altrettanto, almeno sui temi più delicati, per non risultare soccombenti. Alcuni presidenti di GAA non riescono ad entrare in questa logica ed anzi adducono le scuse più fantasiose per giustificare la loro arrendevolezza, fortunatamente sono una minoranza. Ciò nonostante andrebbero isolati, per evitare che questi arretramenti possano compromettere gravemente la tenuta della nostra linea difensiva collettiva.
La Redazione

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700