Menu
INTERNAZIONALE

INTERNAZIONALE

Vetture elettriche e a guida autonoma, la casa automobilistica Tesla lancia proprie polizze Rcauto. Nel 2020 al via le flotte di taxi-robot

MILANO - L'imprenditore americano Elon Musk, produttore delle vetture elettriche e a guida autonoma "Tesla", si lancia nel mercato assicurativo. L'operazione punta a ridurre il costo delle polizze Rcauto di un 30% rispetto alle tariffe applicate dal mercato americano. Per il momento l'operazione è limitata alla clientela californiana. Secondo la tabella di marcia entro il 2020 saranno offerte assicurazioni Tesla anche nel resto del mondo. Il tutto in vista della messa su strada della prima flotta di auto elettriche a guida autonoma per il servizio di taxi. 
Uno dei maggiori ostacoli alla diffusione dei modelli Tesla si è dimostrato in questi anni quello legato alle coperture in caso di sinistro. La quasi unanimità delle compagnie ha infatti aumentato a dismisura l'ammontare dei premi assicurativi in capo ai proprietari di vetture Tesla.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Assicurazioni, i cittadini europei preferiscono gli agenti tradizionali alle compagnie online. Lo studio del colosso americano Oliver Wyman

MILANO - La società di consulenza globale Oliver Wyman ha commissionato in questi giorni uno studio per conoscere l'orientamento commerciale dei consumatori in Europa in ambito assicurativo. Oltre 5.000 gli intervistati, distribuiti in Italia, Gran Bretagna, Spagna, Francia e Germania. L'esito è apparso ad alcuni sorprendente: gli Europei preferiscono le reti tradizionali, quelle degli agenti in carne ed ossa, rispetto agli intermediari online. L'analisi rivela come gli agenti avrebbero oggi la grande opportunità di riconquistare la clientela perduta in questi anni a vantaggio dei cosiddetti "intermediari insurtech".
Berlino conquista il primo posto in tale tendenza, con il 71% degli intervistati che si dice soddisfatto della consulenza degli agenti tradizionali; a ruota, gli Inglesi con un 69%. Fra il 56 ed il 58% si posizionano rispettivamente Spagna e Francia, mentre in Italia il dato sfiora la metà del dato complessivo.
La Oliver Wyman è una società con sede a New York City. Vanta oltre 60 uffici in 27 Paesi e impiega oltre 4.500 professionisti.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Stati Uniti, boom di polizze contro il rapimento degli alieni. Business colossale da centinaia di milioni di dollari all'anno

MILANO - In Italia il prodotto assicurativo non esiste (almeno fino ad oggi) e un possibile rapimento da parte degli alieni fa sorridere. Negli Stati Uniti invece numerose compagnie hanno studiato il fenomeno e hanno pensato bene di sviluppare un business attorno alla paura dell'invasione extraterrestre. Le cifre d'affari sono colossali, stimate in alcune centinaia di milioni di dollari. La polizza mediamente viene venduta negli Usa fra i 25 ed i 50 dollari l'anno e la copertura in caso di sinistro (rapimento dimostrato) raggiunge i 10 milioni di dollari.
Sono centinaia di migliaia le persone che sono corse negli ultimi mesi nelle agenzie di assicurazioni americane. In una cittadina della Florida, Altamonte Springs (44.000 abitanti) si è stabilito il record: oltre il 15% degli abitanti, pari a quasi la metà delle famiglie, ha acquistato la polizza contro i rapimenti alieni. La performance migliore è stata realizzata dall'agente Mike St Lawrence. L'uomo ha organizzato una serie di incontri con la clientela, il più importante dei quali non distante dalla famigerata Area 51 in Nevada.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

L'Ivass segnala la vendita di polizze fideiussorie contraffatte intestate alla China Taiping Insurance Co Ltd con sede a Londra

MILANO - Dopo la segnalazione di decine di nuovi siti internet irregolari, è di queste ore il comunicato dell'Ivass con il quale l'Istituto di vigilanza denuncia la commercializzazione in Italia di polizze fideiussorie contraffatte intestate a China Taiping Insurance Co Ltd, società con sede legale nel Regno Unito, che sia pur abilitata ad operare in Italia in regime di libera prestazione di servizi (senza una sede stabile) in alcuni rami danni, tra cui il ramo cauzioni, ha informato "di aver sospeso la sottoscrizione di nuovi rischi in Italia".
La vicenda, in verità, non è nuova: il 4 aprile e il 25 luglio 2016 venivano rilevate vendite di polizze contraffatte sempre riferite alla medesima compagnia.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Zurich Assicurazioni, al Ceo Mario Greco un maxi stipendio (+ bonus) da 10 milioni di euro. In crescita rispetto all'anno precedente

MILANO - Ha fatto scalpore la notizie, diffusa dai canali svizzeri, secondo la quale il Ceo di Zurich, Mario Greco, avrebbe percepito dalla compagnia un maxi compenso pari a 10 milioni di euro. Un importo in crescita rispetto a quello del 2017. Oltre allo stipendio pari a 1,6 milioni di franchi svizzeri, Greco ha ottenuto altri 3 milioni di bonus e 3,6 milioni di azioni. Oltre a questo, il Ceo riceverà titoli per un programma di remunerazione a lungo termine.
Numeri importanti anche per gli altri membri direzionali: l'insieme dei manager ha ricevuto un totale di 49,2 milioni di franchi svizzeri (circa 47 milioni di euro), importo in aumento del 6% su base annua, con un incremento sia dello stipendio base che di quello variabile. A livello di consiglio d'amministrazione, il presidente Michel Liès ha ottenuto un onorario di 1,3 milioni di franchi (un milione di euro circa).
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Gran Bretagna, grazie alle polizze con scatola nera il numero di feriti e morti tra i neopatentati crollato del 35% (dal 2011 ad oggi)

MILANO - Secondo l’indagine condotta in Gran Bretagna da LexisNexis Risk Solutions, presentata durante la "Settimana della Sicurezza Stradale 2018", il numero di lesioni gravi e decessi collegati agli incidenti sulle strade per i neopatentati, cioè i giovani di età compresa fra i 17 ed i 19 anni, si è ridotto di ben il 35% dal 2011 al 2017.
Secondo la società che ha svolto l’indagine, questo dato così positivo è strettamente collegato alla diffusione dei dispositivi telematici correlati alle polizze assicurative sulle auto: 4 giovani conducenti su 5, infatti, hanno sottoscritto questo tipo di contratti. In termini numerici, si è passati dai 18.529 ragazzi uccisi o gravemente feriti nel 2011 agli 11.984 del 2017; nell’arco temporale in esame, le polizze che comprendono la scatola nera sono più che decuplicate: da 90.000 a 975.000. Un dato tanto più rilevante se si considera che dal 2011 al 2016 il numero dei veicoli circolanti è aumentato del 10% ed il rilascio di patenti dal 2012 è incrementato del 7%. Secondo le stime del Governo, gli incidenti stradali costano all'economia britannica oltre 16,3 miliardi di sterline all'anno.
Le black box, dunque, avrebbero avuto un impatto positivo sulla sicurezza stradale maggiore rispetto a qualsiasi altra iniziativa precedentemente adottata per ridurre gli incidenti ed il motivo – ha dichiarato il Direttore dell’area Global Telematics Graham Gordon – è che “sebbene i giovani conducenti restino i guidatori più rischiosi, il settore assicurativo merita un grande credito per aver sviluppato polizze che incoraggiano una guida più sicura, con tariffe che premiano i neopatentati in base al loro comportamento sulla strada”. Nel Regno Unito, dal 2013 ad oggi, i costi dell’offerta telematica da parte delle imprese assicurative si sono dimezzati e le tariffe per questo tipo di polizze sono spesso quelle più attraenti e competitive per i consumatori. È la prima volta che, in Gran Bretagna, viene effettuata una ricerca tesa ad effettuare una correlazione di questo tipo.
Alessandra Schofield

Leggi tutto...

Commissione Europea, in pubblica consultazione il codice etico per i robot con intelligenza artificiale

MILANO - La Commissione Europea sull’Intelligenza Artificiale – AI HLEG European Commission’s High-Level Expert Group on Artificial Intelligence – composta da 52 esperti di alto livello, lo scorso 18 dicembre ha posto in pubblica consultazione fino a marzo 2019 un documento contenente le linee guida di un codice etico che guidi il comportamento dei robot. L’Intelligenza Artificiale è destinata, secondo la Commissione, a modificare profondamente il tessuto stesso della nostra società ed è potenzialmente portatrice di enormi benefici a livello individuale e collettivo, così come di tremendi rischi. Per ottimizzare i primi e minimizzare i secondi, è necessario adottare un approccio umano-centrico alla robotica, per far sì che l’A.I. sia pienamente degna della completa fiducia da parte dei cittadini.
Le linee guida della bozza proposta si muovono secondo due direttrici: la robotica deve rispettare i diritti fondamentali, la regolamentazione vigente principi ed i valori fondamentali assicurando, appunto, uno "scopo etico" e deve essere totalmente affidabile sul piano tecnico poiché la mancanza di padronanza tecnologica può causare danni non intenzionali. Il documento è rivolto a tutti i soggetti che sviluppano o utilizzano l’Intelligenza Artificiale (società, organizzazioni, ricercatori, servizi pubblici, istituzioni, individui o altro), ai quali è richiesto di contribuire al documento con le proprie considerazioni. Lungi dal voler soffocare l’innovazione tecnologica, la Commissione Ue vuole orientare la competitività del settore secondo una logica di responsabilità determinata dall’adozione di un atteggiamento etico verso questi ambiti.
Alessandra Schofield

Leggi tutto...

Ticino, iniziativa parlamentare interpartitica per la creazione di un Istituto cantonale di assicurazione contro incendi ed eventi naturali

MILANO - I deputati Raoul Ghisletta (Ps), Massimiliano Ay (Pc), Sara Beretta Piccoli (Ppd); Franco Celio (Plr), Ivo Durisch (Ps); Gina La Mantia (Ps), Carlo Lepori (Ps) e Giancarlo Seitz (Lega) hanno depositato il 30 dicembre 2018 una iniziativa parlamentare generica ed interpartitica, proponendo nel Ticino (Svizzera) la creazione di un Istituto cantonale di assicurazione contro gli incendi e gli eventi naturali. Secondo i firmatari, "le offerte degli Istituti privati assicurativi operativi in Ticino sono difficili da confrontare, come pure lo sono i criteri di valutazione del valore dei fabbricati e dei rischi, che variano da assicurazione ad assicurazione” rendendo difficile individuare per i cittadini la migliore copertura al prezzo minore. Inoltre, proseguono, “il settore assicurativo privato genera profitti che vanno Oltralpe e che sono solo parzialmente tassati in Ticino”; la creazione dell’Istituto cantonale che avesse il monopolio assicurativo consentirebbe di mantenere le risorse nel territorio. Questa strada è stata già percorsa dal Canton Vaud e da altri diciotto Cantoni “Gli istituti cantonali di assicurazione collaborano tra loro nell’Association des établissements cantonaux d'assurance (AECA), che ha creato un pool per la riassicurazione che ripartisce al meglio i rischi e un’assicurazione facoltativa per la protezione dai terremoti, che pur essendo rari non sono sconosciuti in Svizzera” dichiarano i Deputati.
Alessandra Schofield

Leggi tutto...

Fitch, sotto la lente dell'agenzia di rating le compagnie di assicurazioni italiane. Voti alti alle imprese con rete distributiva tradizionale

MILANO - L'agenzia di rating Fitch ha puntato l'attenzione in queste ore sulle compagnie di assicurazioni italiane. Un'analisi in controtendenza rispetto a quelle di appena un decennio fa, quando l'obiettivo per tutti era la concentrazione e l'essere sempre più di grandi dimensioni. Chi non ricorderà i duri attacchi al sistema italiano, basato per l'appunto sulle piccole e medie imprese? "Le compagnie assicurative italiane - scrive oggi Fitch - hanno una elevata concentrazione di asset che ne condiziona i rating". In tal contesto,  vengono penalizzate Intesa Sanpaolo Vita (BBB/negativo), Itas Mutua (BBB/negativo), Poste Vita (BBB/negativo), Società Reale Mutua Di Assicurazioni (BBB+/negativo), Unipol Gruppo (BBB/negativo) e Vittoria Assicurazioni (BBB/negativo).
Dallo studio emerge che il gruppo di compagnie analizzate è "storicamente molto esposto al debito sovrano italiano ed è quindi inevitabilmente influenzato dall’attuale contesto economico che vede l’outlook sul debito sovrano a BBB/negativo. Tuttavia, il rischio viene parzialmente bilanciato - scrive Fitch - dal forte profilo di business e dalla capitalizzazione che sono tipicamente punti di forza per gli assicuratori italiani oggetto di rating".
Per quanto riguarda la tipologia di business delle compagnie, Fitch ritiene forti i profili di Intesa Sanpaolo Vita, Poste Vita, Reale Mutua e Unipol, che hanno un buon accesso ai clienti attraverso i loro tradizionali canali distributivi. Intesa Sanpaolo Vita e Poste Vita hanno posizioni di leadership nel mercato Vita, mentre Unipol è il maggiore assicuratore italiano del settore Rcauto.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Moody's conferma il rating per Generali e Allianz (outlook stabile). Mano pesante su UnipolSai. Pesa il declassamento dell'Italia

MILANO - L'agenzia di rating Moody’s, con la quale si dovranno fare i conti per i prossimi mesi, è intervenuta su tre Gruppi assicurativi italiani. Per Assicurazioni Generali il giudizio è rimasto Baa1 con outlook stabile. Secondo l'agenzia americana "la conferma del rating di solidità finanziaria assicurativa di Generali riflette la diversificazione di business del gruppo al di fuori dell’Italia e la maggiore resistenza del Gruppo ad un ipotetico scenario di crisi dei titoli di Stato italiani". In sostanza Moody's, nel considerare realistico un ulteriore declassamento del nostro Paese a breve termine, ritiene che il Gruppo Generali possa assorbire i contraccolpi derivanti da una vendita massiccia ad esempio di Btp sui mercati internazionali.
Una posizione quella dell'agenzia di rating che sa tanto di avvertimento a quanti - fra compagnie di assicurazioni e banche - detengono ancora ingenti esposizioni in titoli di Stato italiani.
Moody’s ha, inoltre, rivisto al ribasso il rating di UnipolSai passato a Baa3 da Baa2. Viceversa, giudizi ancora molto positivi per Allianz: confermato il rating A3 con outlook stabile.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700