Menu
IVASS

IVASS

Polizze dormienti, l'Ivass ne risveglia quasi 200.000 per un controvalore di 3,5 miliardi di euro. Come verificare se si è beneficiari?

MILANO - L'Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni ha reso noto di aver risvegliato ben 187.493 polizze vita per un ammontare complessivo di oltre 3,5 miliardi di euro. Si trattava delle polizze cosiddette dormienti, vale a dire sottoscritte da persone decedute o scomparse e - soprattutto - con beneficiari ignari dell'esistenza della polizza stessa. Le compagnie hanno iniziato le procedure per il pagamento, dopo le fasi di controllo effettuate attraverso verifiche ed incrocio dei codici fiscali con l’Anagrafe Tributaria. Secondo l'Ivass restano ancora aperte ben 900.000 posizioni relative per la maggior parte a polizze temporanee caso morte.
L'Istituto di Vigilanza ha deciso in questi giorni di ampliare il perimetro di ricerca delle polizze dormienti estendendolo anche ai contratti scaduti nel quinquennio 2001-2006 e a quelli, più recenti, scaduti ad esempio nel 2017 e non ancora liquidati. In questo modo si arriveranno a coprire 16 anni di possibile dormienza. Le compagnie sono state invitate a comunicare all’Ivass i codici fiscali di clienti ed eventuali beneficiari entro il 30 ottobre 2018.
In ogni caso, per verificare se un familiare deceduto aveva stipulato o meno una polizza vita, si può sempre ricorrere al Servizio ricerca coperture messo a disposizione dall’Ania.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

L'Ivass scova un nuovo sito abusivo per la vendita di polizze Rcauto. Chiesto l'oscuramento di www.prontopolizza.eu

MILANO - L’Istituto di Vigilanza ha reso noto in un comunicato che è stata segnalata la promozione di polizze Rcauto, anche aventi durata temporanea, per il tramite del sito internet denominato www.prontopolizza.eu, che riporta i dati identificativi di un intermediario regolarmente iscritto nel Registro Unico degli Intermediari – RUI, il quale tuttavia ha dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il sito medesimo.
A seguito delle verifiche espletate, l’Ivass ha accertato che l’attività di intermediazione assicurativa svolta attraverso tale sito è irregolare e, conseguentemente, ne ha chiesto l’oscuramento alle Autorità competenti. 
La Redazione

Leggi tutto...

Prova di idoneità Ivass: appuntamento il giorno 26 giugno 2018, alle ore 8,30 alla Nuova Fiera di Roma. Tutte le regole da rispettare

ROMA - L'Ivass ha reso noti data e luogo della prova di idoneità - sessione 2017, per l’iscrizione nel Registro degli Intermediari assicurativi e riassicurativi, indetta con Provvedimento 65 del 12 dicembre 2017. La prova avrà luogo in Roma, presso la Nuova Fiera di Roma, ingresso Nord, Via Portuense 1645-1647, il giorno 26 giugno 2018, alle ore 8,30. I candidati sono tenuti a presentarsi, nel giorno e nell’ora sopraindicati, muniti di un documento di riconoscimento in corso di validità.
Sotto il profilo organizzativo, la prova è articolata come segue:
 Modulo assicurativo - questionario costituito da 50 quesiti a risposta multipla;
 Modulo riassicurativo - questionario costituito da 20 quesiti a risposta multipla;
 Modulo assicurativo e riassicurativo - questionario costituito da 70 quesiti a risposta multipla.
Il tempo assegnato ai candidati per lo svolgimento dell’esame è fissato in:
 75 minuti (pari a 1.5 minuti per ciascun quesito) per il Modulo assicurativo;
 30 minuti (pari a 1.5 minuti per ciascun quesito) per il Modulo riassicurativo;
 105 minuti (pari a 1.5 minuti per ciascun quesito) per il Modulo assicurativo e riassicurativo.
Il giorno della prova, all’atto della identificazione, i candidati dovranno sottoscrivere la dichiarazione sostitutiva relativa alla domanda di partecipazione già presentata on line (art. 3, comma 1, lett. b) del provvedimento Ivass n. 65 del 12 dicembre 2017). Per lo svolgimento dell’esame non è consentita la consultazione di testi, vocabolari o dizionari, né l’utilizzo di telefoni cellulari, calcolatrici e altri supporti elettronici o cartacei di qualsiasi specie. L'inosservanza di tali disposizioni, nonché di ogni altra disposizione stabilita dalla Commissione esaminatrice per lo svolgimento dell’esame, comporta l'immediata esclusione del candidato dalla prova. L’Istituto si riserva ogni verifica in ordine all’effettivo possesso dei requisiti previsti dal bando: pertanto l’ammissione alla prova non costituisce alcuna forma di acquiescenza rispetto a quanto dichiarato nella domanda di partecipazione né di riconoscimento del possesso dei suddetti requisiti.
A fini informativi e organizzativi per i candidati, si fa infine presente che: le informazioni utili per raggiungere la Nuova Fiera di Roma sono accessibili dal sito www.fieraroma.it (non è previsto il servizio di ristorazione).
La Redazione

Leggi tutto...

Bollettino Ivass: Rcauto, si ferma la discesa del premio medio in Italia. E le polizze con black box rallentano il trend positivo

MILANO - Il trend di calo del premio medio Rcauto sembra essere finito. Il bollettino statistico dell’Ivass con i dati dell’indagine Iper sull’andamento dei prezzi Rcauto in Italia riporta i numeri di un lieve rialzo delle tariffe. Nel terzo trimestre del 2017 il premio medio Rcauto è aumentato del 2%, registrando così un incremento che “ha inciso sulla riduzione dei prezzi rilevata su base annua”, fermandosi ad un importo di euro 420. 
Stando all’indagine, comunque “il 50% degli assicurati paga meno di 378 euro”, a causa della perdurante significativa dispersione dei prezzi sul territorio nazionale. Per Ivass “i prezzi tendono a essere meno differenziati nelle province meridionali in cui, storicamente, il sistema di bonus malus è stato meno efficiente nel catturare la sinistrosità”.
La maggiore dispersione dei prezzi, che significa anche minore ripartizione mutualistica, pare riscontrata nelle polizze telematiche, come anticipato dal Sindacato nazionale agenti che ha più volte rimarcato come le compagnie dirette ed online attuino l’estrema personalizzazione delle tariffe subendo quasi per nulla le pressioni solidaristiche, inter-territoriali, che invece giungono forti e chiare alle compagnie tradizionali per il tramite delle reti agenziali. Sensibili, queste ultime, alle esigenze dei singoli clienti e delle collettività geografiche con le quali convivono.
Altro dato interessante riguarda le polizze con black box, che continuano a crescere, ma a ritmo più blando. Secondo i dati Ivass, al terzo trimestre 2017 questa tipologia di contratti rappresenta il 20,3% del totale, numero senza dubbio significativo, sebbene ancora lontano dagli auspici di alcune grandi compagnie che hanno fatto della scatola nera il loro principale cavallo di battaglia.
La Redazione

Leggi tutto...

Polizze vita dormienti, incrocio dei dati fra l'Ivass e l'Agenzia delle Entrate. Al via il pagamento del dovuto ai legittimi beneficiari

MILANO - L'Ivass ha reso noto che, grazie alla collaborazione posta in essere con l'Agenzia delle Entrate, sarà da oggi possibile effettuare l’incrocio tra i codici fiscali degli assicurati di polizze vita dormienti con l’Anagrafe Tributaria, al fine di verificare l’eventuale decesso degli assicurati e la relativa data. Una indagine dell'Istituto di vigilanza, infatti, aveva confermato il fenomeno delle polizze non reclamate in forma estesa. L’Ivass restituirà i dati incrociati alle imprese di assicurazione in modo che possano ricercare i beneficiari e pagare le polizze. Il primo incrocio sarà effettuato nel mese di marzo 2018.
Un test di incrocio svolto a settembre scorso su un campione di 12 imprese e 101.242 polizze vita di assicurati (con età superiore a 90 anni) ha consentito di trovare ben 15.789 polizze dormienti, relative a 11.289 assicurati. Per tali polizze, scrive l'Ivass, "le imprese stanno procedendo, direttamente e tramite i loro intermediari, a contattare i beneficiari".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Grandi novità in arrivo dall'Ivass in materia di attestati di rischio e di classe di merito di conversione universale. Ecco le proposte

MILANO - Oramai è certo. L'Ivass avrebbe in animo di introdurre a breve l'estensione della classe di merito di conversione universale (classe CU) oltre che ai figli e al coniuge convivente del guidatore virtuoso anche a vari altri soggetti tra cui le coppie di fatto. Altra novità in arrivo è l'attestato di rischio dinamico. Quest'ultimo dovrebbe impedire di denunciare un incidente solo dopo aver cambiato compagnia assicurativa, così da beneficiare con la nuova di un attestato di rischio più favorevole, ottenendo di pagare un premio più basso del dovuto. Le due novità sono state presentate dall'Istituto di vigilanza per essere sottoposte a consultazione pubblica.
In una nota l'Ivass chiarisce che le modifiche proposte ''sono determinate dalla necessità di adeguare la normativa secondaria e la disciplina tecnica della Banca Dati degli Attestati di Rischio all'esigenza di valutare correttamente la sinistrosità dell'assicurato, tenuto conto anche dei sinistri pagati fuori dal periodo di osservazione, oppure pagati dopo la scadenza del contratto, laddove, alla scadenza del contratto, l'assicurato abbia cambiato compagnia. Con l'introduzione delle norme proposte sarà, pertanto, possibile rilevare e valorizzare i sinistri, ai fini tariffari, indipendentemente dalla data di pagamento; finalità evidentemente anti-elusive e antifrode a beneficio degli assicurati realmente virtuosi".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Ivass, scoperto un sito che offre la possibilità di verificare la copertura Rcauto. Tutto falso. Coinvolta suo malgrado anche l'Ania

MILANO - Non bastavano le decine di siti non riconducibili ad alcun intermediario che propongono polizze di ogni tipo. Fenomeno tutt'altro che sradicato. Ora l'Ivass mette in guardia gli addetti ai lavori ed i consumatori: "è stata segnalata - si legge in una nota - l’esistenza del sito www.coperturaveicolo.it che offre la possibilità di verificare appunto la copertura assicurativa Rcauto, anche temporanea, dei veicoli". Dai controlli effettuati "è emerso che tale sito è stato impiegato per attestare falsamente l’autenticità di polizze contraffatte promosse e commercializzate tramite siti internet non riconducibili ad intermediari assicurativi iscritti nel Registro Unico – RUI tenuto dall’Ivass". Per avvalorare le informazioni riportate nell’home page del sito appare addirittura il presunto copyright “Ania Italia”. L’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici ha formalmente disconosciuto la titolarità del sito. Pertanto, l’Ivass ha chiesto l’urgente oscuramento del sito alle Autorità competenti.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Ivass, nuovo modello elettronico per le comunicazioni e le istanze di intermediari assicurativi e compagnie. Le scadenze 2018

MILANO - L'Ivass ha diffuso una nota con la quale informa che dal 2 gennaio 2018 è disponibile sul sito dell’Istituto una nuova versione del modello elettronico da utilizzare per le istanze/comunicazioni che gli intermediari o le compagnie intendono presentare all’Istituto di Vigilanza. Il modello è stato integrato con alcune funzionalità non sviluppate nella precedente versione (ad es. l’istanza di passaggio di sezione verso le sezioni A o B è stata integrata con i dati anagrafici del richiedente). Fino al 5 febbraio 2018 gli intermediari saranno tenuti ad inoltrare all’Istituto esclusivamente mediante l’utilizzo del nuovo modello la comunicazione della stipula della polizza di responsabilità civile professionale valida per l’anno 2018.
Ai fini di tale comunicazione, l’intermediario dovrà, dopo aver consultato l’Albo imprese pubblicato sul sito dell’Istituto, indicare il codice impresa ovvero il numero di iscrizione negli elenchi pubblicati nel medesimo Albo della compagnia che ha rilasciato la garanzia. 
La Redazione

Leggi tutto...

L'Ivass chiede l'oscuramento del sito www.assicurazioniprati.it. Il portale non è riconducibile ad intermediari iscritti al Rui

MILANO - L'attività ispettiva dell'Ivass non conosce sosta. E' stato pubblicato in queste ore un nuovo comunicato per segnalare ad intermediari e consumatori la commercializzazione di polizze Rcauto, anche aventi durata temporanea, per il tramite del sito internet www.assicurazioniprati.it, che - si legge nella nota Ivass - "riporta indebitamente il numero di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi di un intermediario che ha dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il sito medesimo".
A seguito delle verifiche espletate, l'Istituto ha accertato che l’attività di intermediazione assicurativa svolta attraverso tale sito è irregolare e, conseguentemente, ne ha chiesto l’oscuramento alle Autorità competenti. 
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

L'abusivismo assicurativo è un fiume in piena. L'Ivass denuncia altri due portali non riconducibili ad alcun intermediario

MILANO - Sembra proprio un fiume in piena il fenomeno della vendita di polizze via internet attraverso denominazioni non riconducibili ad alcun intermediario iscritto al Rui. Un abusivismo vero e proprio, esteso, diffuso e davvero pericoloso. L'Ivass è tornato a segnalare la commercializzazione di polizze Rcauto tramite i siti internet www.assicurazionereale.it e www.assicurazionereale.com i quali riportano nella homepage l’immagine contraffatta di una pagina dell’Albo delle Imprese dell’Istituto di vigilanza con informazioni sulla compagnia “Reale Assicurazioni Srl”, impresa inesistente. "Pertanto - scrive l'Istituto di vigilanza - la promozione e l’intermediazione di polizze assicurative per il tramite dei suddetti siti internet sono da considerarsi attività irregolari e ne è stato chiesto l’oscuramento alle Autorità competenti".
Ma non è finita qui. Di queste ore la segnalazione riguardante il sito internet www.euras-assicurazioni.com per il quale l'Ivass - dopo controlli effettuati - ha riscontrato addirittura l'inesistenza della denominazione Euras Assicurazioni. "Non risulta - scrive l'Istituto - alcuna impresa autorizzata con quel nome, né tantomeno abilitata all’esercizio dell’attività assicurativa sul territorio della Repubblica".
La Repubblica

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700