Menu
MERCATO

MERCATO

Antitrust, 5 mln/€ di multa a Poste Italiane (pena massima) per i danni arrecati con il servizio raccomandate. Demozzi (Sna): Sconcertati

MILANO - L'Antitrust informa di aver irrogato a Poste Italiane una sanzione pari a 5 milioni di euro, il massimo consentito dalla legge, "per aver adottato - si legge nella nota - una pratica commerciale scorretta in violazione del Codice del Consumo, consistente nella promozione, risultata ingannevole, di caratteristiche del servizio di recapito delle raccomandate e del servizio di Ritiro Digitale delle raccomandate".
Secondo il Garante, dunque, a seguito dei controlli effettuati in questi mesi, si è accertato un comportamento di Poste Italiane atto ad arrecare nocumento non solo ai consumatori. "Le condotte descritte - si legge ancora - hanno infatti provocato gravi danni  anche al sistema giustizia del Paese per i ritardi dovuti ad errate notifiche nell'espletamento dei processi, soprattutto quelli penali, con conseguente prescrizione di numerosi reati".
Sulla questione interviene il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi secondo il quale "lascia davvero perplessi leggere come la grande organizzazione di Poste Italiane continui a caratterizzarsi per una qualità del servizio che lascia molto a desiderare, come più volte denunciato dagli agenti assicurativi che utilizzano massivamente il recapito della corrispondenza. E ciò nonostante Poste Italiane sia stata autorizzata ad operare in tutt'altri settori come i servizi finanziari e assicurativi, in questi ultimi tra l'altro con grandissime ambizioni e con il consenso dell'azionista Cassa Depositi e Prestiti!".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Cattolica Assicurazioni, battaglia legale in punta di diritto. I soci di minoranza contrari all'ingresso di Generali inviano diffide al Cda ed esposti alla Consob

MILANO - Malgrado il Tribunale delle Imprese di Venezia abbia recentemente respinto la richiesta di sospensione della delibera assembleare di Cattolica Assicurazioni con la quale si sono aperte di fatto le porte ad una trasformazione della compagine da cooperativa a società per azioni, ad un cospicuo aumento di capitale (chiesto da Ivass, ndr) e al conseguente ingresso di Generali, alcuni soci di minoranza - coordinatisi sotto la sigla "Casa Cattolica" - non demordono. 
in una nota diffusa in queste ore si ricorda che "il Giudice di Venezia, visto 'la estrema necessità di Cattolica' ha ritenuto di non concedere la sospensiva alla delibera di aumento di capitale dello scorso 27 giugno ma di discutere la stessa nel merito nell’udienza fissata a dicembre".
E' arrivata di conseguenza sul tavolo del Consiglio di amministrazione della compagnia veronese una diffida ufficiale con la quale si intima la dirigenza a non favorire l'aumento di capitale da parte di Generali fintanto che Cattolica non assumerà le caratteristiche di Spa (vale a dire non prima del 31 marzo 2021, ndr). Il tutto in forza dell’art. 2527 del Codice civile, comma 2, che vieta che divengano soci di una cooperativa soggetti concorrenti che rischiano di comprometterne il valore. Una eventuale operazione sul capitale, prima di tale termine, rappresenterebbe per Casa Cattolica la violazione di una norma imperativa.
Il Patto di sindacato “Le Api” ha inviato nel frattempo un esposto alla Consob evidenziando che "gli effetti derivanti dall’esecuzione dell’aumento di capitale riservato a Generali sono paragonabili a quelli di un’Opa, invitando quindi l’ente di tutela dei risparmiatori ad assumere tutti i provvedimenti per la salvaguardia dei soci e del mercato". 
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Dismissione rete Eurovita Spa, trovato l'accordo fra il Gruppo aziendale agenti Gate e la compagnia. Soddisfazione dello Sna

MILANO - Si conclude bene la vicenda di cui Snachannel ha riferito nei mesi scorsi, riguardante il piano di dismissione della rete agenziale da parte della compagnia Eurovita SpA. Si tratta di della compagnia specializzata nei rami vita che è nata dall’acquisizione di Ergo Italia. Il Gruppo Aziendale Agenti Gate, presieduto da Graziano Piagnarelli, fin dall’inizio della crisi si è tenuto in costante contatto con il vertice del Sindacato al fine di attuare ogni forma di tutela dei colleghi agenti coinvolti nell’operazione.
Dopo alcuni mesi di scontro e di difficile negoziazione con la mandante, la vertenza si è risolta con soddisfazione degli agenti. La compagnia ha accolto buona parte delle richieste del Gate, che aveva tenuto aperto il proprio Congresso straordinario e che aveva appoggiato senza incertezze la ferma posizione del presidente Piagnarelli. Il Presidente nazionale Sna Claudio Demozzi, che ha seguito fin dal primo giorno la difficile trattativa in stretto contatto con il presidente del Gate, ha espresso parole di soddisfazione per l’esito della vicenda e parole di apprezzamento per la coerenza e la determinazione del collega Piagnarelli nella gestione della complessa situazione.
La Redazione

Leggi tutto...

Cattolica Assicurazioni, unità operativa in favore dei clienti colpiti dal nubifragio in Veneto. Fondo speciale per i dipendenti

MILANO - Cattolica Assicurazioni dichiara in una nota di essersi posta “al fianco dei propri assicurati che hanno subito danni e disagi a causa del violento nubifragio che, nella giornata di domenica 23 agosto, ha interessato soprattutto il Veronese e il resto del Veneto”. Allo scopo di garantire una “tempestiva gestione dei sinistri - si legge ancora nel comunicato stampa - il Gruppo ha messo a disposizione la propria rete agenziale con una corsia preferenziale per chi ha avuto conseguenze dal maltempo. La compagnia ha istituito una task force dedicata a tutti i propri assicurati, per rispondere in maniera puntuale e rapida a tutte le domande e alle richieste di informazioni che potrebbero pervenire”.
L’Unità operativa coinvolge la liquidazione sinistri e gli studi peritali specializzati nella gestione di questa tipologia di eventi, in stretta collaborazione con le unità tecniche assuntive, la direzione commerciale e la rete agenziale.
Nell’esprimere “solidarietà nei confronti di tutti i cittadini colpiti da questa ondata di maltempo - prosegue la nota – Cattolica vuole ribadire con queste iniziative l’impegno a mettere al centro della propria attività d’impresa le persone e i loro bisogni” e conclude annunciando che il Gruppo ha deciso di “creare un fondo per l’erogazione di prestiti ai propri dipendenti che hanno subito danni a causa del nubifragio”.
Dal mio canto non posso che elogiare l’iniziativa, riservandomi semmai di suggerire che i benefici dello stesso fondo vengano estesi anche agli agenti danneggiati dal nubifragio, anche loro meritevoli di essere posti, con il carico dei propri bisogni, al centro delle attività della mandante.
Roberto Bianchi

Leggi tutto...

Precipita tutto il mercato dell'auto in Italia. Nel periodo gennaio-luglio 2020 la flessione delle immatricolazioni supera il 40%

MILANO - Brusca frenata, anche nel mese di luglio 2020, per il mercato dell'auto. Secondo i dati diffusi dalla Motorizzazione, le immatricolazioni sono state 136.455 (-11% rispetto a luglio 2019), mentre sono passate di mano appena 273.622 vetture usate, con una variazione pari a -27,80% rispetto a luglio 2019. L'emergenza economica post-coronavirus si fa sentire ed i numeri appaiono impietosi anche nel medio periodo: sempre secondo le rilevazioni della Motorizzazione, nell'arco temporale gennaio-luglio 2020 le auto immatricolate sono state poco più di 720.000 (-41,72% rispetto corrispondente periodo del 2019). In linea con la contrazione del mercato anche il segmento dell'usato che registra un calo pari al 38,5%.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Rcauto, il periodo di tolleranza dopo la scadenza della polizza torna a 15 giorni. Primi segnali di normalità post Covid-19

MILANO - Primi segnali di ritorno alla normalità dopo lo shock da lockdown deciso dal Governo a seguito dell'emergenza da Covid-19. Come si ricorderà, con il decreto "Cura Italia" di marzo (convertito in legge ad aprile, ndr) era stato deciso di prolungare il cosiddetto periodo di tolleranza Rcauto, che impone alle compagnie di garantire comunque le coperture previste dalla polizza anche dopo la scadenza del contratto, offrendo la possibilità al cliente di rinnovare la polizza o di cambiare compagnia. Il periodo di tolleranza per la copertura Rcauto torna dunque a 15 giorni, dopo essere stata estesa al doppio (30 giorni) nei momenti di maggiore criticità in piena crisi da coronavirus. Dal 1° agosto, dunque, le polizze Rcauto copriranno il veicolo fino al giorno 15 agosto.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Cattolica Assicurazioni, indagine della Procura della Repubblica di Verona. Si ipotizza il reato di illecita influenza su alcune assemblee dei soci

MILANO - Secondo fonti investigative, venerdì 31 luglio scorso le Fiamme Gialle sono entrate nella sede di Cattolica Assicurazioni in forza di una segnalazione Consob e su mandato della Procura della Repubblica di Verona. Avvisi di garanzia sarebbero stati notificati, fra gli altri, al presidente Paolo Bedoni e al direttore generale Carlo Ferraresi. L’accusa sarebbe quella di illecita influenza sulle assemblee dei soci dell’aprile 2019, del giugno 2020 e del 31 luglio 2020.
Cattolica Assicurazioni, in una nota ufficiale, ribadisce dal canto suo "l’assoluta correttezza e regolarità delle operazioni assembleari oggetto dell’indagine le ultime due delle quali avvenute, tra l’altro, con l’intervento di un rappresentante designato indipendente, quale Computershare Spa, e quindi attraverso meccanismi di raccolta e di voto soltanto informatici e senza il coinvolgimento della società e di sue strutture; donde l’impossibilità per queste di intervenire o incidere sul voto espresso dai soci. Cattolica - si legge ancora - ha dato immediata e piena collaborazione all’autorità investigativa, ribadendo l’assoluta fiducia su un pronto chiarimento della posizione".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

L’Assemblea dei soci approva la trasformazione di Cattolica in Società per Azioni. Scopriamo le carte sul ruolo degli agenti

MILANO - È ufficiale, Cattolica diviene una Spa ed entra nell’orbita Generali contribuendo alla concentrazione già anomala del mercato assicurativo italiano. Lo ha deliberato in sede straordinaria l’Assemblea dei Soci con una maggioranza del 70,74% di favorevoli a fronte di un 29,07% di contrari. Hanno preso parte alla votazione 2.694 aventi diritto pari a circa il 14% dei soci e del capitale sociale.
Quanto alla parte ordinaria concernente il ripristino del plenum del CdA, l’Assemblea ha approvato con analogo 70% dei voti la nomina, quale componente del Consiglio di Amministrazione, del Direttore Generale Carlo Ferraresi. Il Presidente di Cattolica Assicurazioni Paolo Bedoni, a margine dei lavori, ha dichiarato: “Cogliamo con soddisfazione l'esito della votazione dell'Assemblea dei Soci, che ha approvato a larga maggioranza la proposta del Consiglio di Amministrazione. La deliberazione conferma ancora una volta lo spirito di responsabilità, la propensione all'innovazione e la capacità di assumere decisioni rilevanti dei soci di Cattolica Assicurazioni. A loro va la nostra gratitudine per la fiducia che, ancora una volta, ci hanno confermato”.
Resta ora da verificare, nel quadro delle strategie industriali, quale sarà il ruolo destinato agli agenti e Claudio Demozzi, Presidente nazionale Sna, ha dichiarato stamattina che “non consentiremo la solita selezione della specie che le compagnie mettono in atto a danno degli agenti in occasione delle ristrutturazioni industriali”. E ha aggiunto: “Gli equilibri di sistema non possono passare attraverso la marginalizzazione degli agenti e la disintermediazione del mercato. Saremo vigili nel monitorare gli sviluppi dell’operazione societaria che vede coinvolte Cattolica e Generali, come del resto lo siamo stati fin dall’inizio di questa vicenda e non lasceremo mai i Gruppi agenti soli ad affrontare il difficile negoziato con la mandante”.
Roberto Bianchi

Leggi tutto...

Ebisep rinnova i vertici associativi. Elena Dragoni (Sna) confermata Presidente, Bruno Mariani (Fesica-Confsal) sarà il suo vice

MILANO - A Milano, il 15 luglio scorso, al termine di una seduta durata alcune ore, l’Assemblea dell’Ente Bilaterale del settore assicurativo agenziale Ebisep ha eletto all’unanimità Elena Dragoni (Sna) e Bruno Mariani (Fesica-Confsal) rispettivamente Presidente e Vicepresidente. Ha inoltre confermato il Consiglio Direttivo nella sua composizione: Claudio Demozzi, Roberto Pisano, Pietro Marano e Sergio Giovanardi per Sna; Manuella Caprelli, Vincenzo Minissale per Fesica-Confsal; Filippo Palmeri, Ester Spalenza per Confsal-Fisals.
L’Assemblea ha proceduto altresì ad approvare alcune modifiche statutarie ed il bilancio dell’Ente Bilaterale che, come noto, presenta una situazione in termini di solidità patrimoniale e di liquidità che rassicura la categoria per il prossimo futuro.
La Presidente Dragoni ha illustrato nel dettaglio, con il supporto dei consulenti dell’Ebisep, i dati di bilancio ed il livello di attuazione dei servizi ai beneficiari, che saranno ulteriormente migliorati. Elena Dragoni ha sottolineato la necessità di rafforzare ulteriormente la struttura dell’Ente e di rendere più efficienti le dinamiche amministrative per accorciare i tempi di erogazione dei servizi e dei contributi.
L’impennata delle richieste da parte dei lavoratori, ha messo a dura prova l’amministrazione dell’Ente. Tra i dati di rilievo, l’aumento esponenziale delle richieste di intervento della Cassa Malattia lavoratori e dunque la preoccupazione per l’ulteriore peggioramento del già critico andamento tecnico della sottostante copertura assicurativa. Anche su questo punto, la Presidente ha comunque inteso rassicurare sulla capacità dell’Ebisep di far fronte ad eventuali criticità, grazie al rafforzamento patrimoniale operato in questi anni di accorta e prudente gestione delle risorse.
I dati salienti esposti nella relazione della presidente Dragoni, sono stati confermati dai documenti e dalla relazione di Bilancio, approvati all’unanimità.
La Redazione

Leggi tutto...

A 83 anni Carlo Sangalli rieletto alla guida di Confcommercio. Quarto mandato consecutivo per l'ex deputato della Democrazia Cristiana

MILANO - Ad 83 anni Carlo Sangalli è stato rieletto Presidente di Confcommercio e guiderà per altri 4 anni l'associazione che rappresenta - stando alle ultime rilevazioni - circa 700.000 imprese commerciali e dei servizi in Italia. La convocazione dell’assemblea elettiva era originariamente prevista per febbraio scorso, ma gli eventi legati alla pandemia da Covid-19 avevano indotto Confcommercio a spostare il tutto, dapprima a settembre e quindi a luglio.
Una scelta di continuità, dunque, per un cavallo di razza della politica nazionale. Sangalli, infatti, non è nuovo a mandati di lungo termine: eletto nelle fila della Democrazia Cristiana per la prima volta nel 1964, vi rimase fino allo scioglimento del partito avvenuto nel 1994. Fu Sottosegretario di Stato al Turismo e allo Spettacolo del terzo Governo Andreotti.
Nel giugno del 2018 Sangalli era stato rieletto (per acclamazione) Presidente anche della potentissima Confcommercio Lombardia: in questo caso aveva guadagnato il vertice dell'associazione nel 1996. Sempre in quegli anni, Sangalli ebbe a ricoprire la carica di Vice Presidente della Fondazione della Cassa di Risparmio delle Province Lombarde (da aprile 1998 a maggio 2019).
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700