Menu
CASSAZIONE

CASSAZIONE

Clausola claims made, dietrofront della Cassazione. Torna in scena la valutazione della condotta precontrattuale dell'assicuratore

MILANO - Non si erano ancora spenti gli echi della precedente decisione resa dagli Ermellimi sull'argomento (al centro da anni di un nutrito dibattito, sia in dottrina che in giurisprudenza), - cioè di Cassazione, ss.uu. 06.05.2016 n. 9140 (che subordinava la liceità della clausola in questione ad un giudizio di meritevolezza da parte del giudice di merito) - che i giudici di legittimità, sempre a sezioni unite, tornano a pronunciarsi sulla clausola 'a richiesta fatta' - stimolati dalla III sez. che con l'ordinanza n. 1465 del 19 gennaio 2018, nel riproporre la questione della liceità di tale regime temporale (che si contrappone a quello codicistico del 'loss occurrence' che lega l'indennizzo alla circostanza che il fatto causativo del danno si è verificato in corso di contratto) aveva chiesto una pronuncia di immeritevolezza tout court della clausola in questione - per fare un clamoroso dietrofront: la Corte afferma, infatti la validità della clausola e ritiene superfluo il giudizio di meritevolezza.
A quanto sembra una riabilitazione piena della clausola claims made (che prevede che l'indennizzo è dovuto se la denuncia del sinistro viene presentata all’assicuratore in corso di contratto) - ma attenzione - a patto che l'assicuratore - alias l'intermediario - abbia rispettato gli obblighi informativi e garantito una tutela effettiva e adeguata al contraente, giacché il principio espresso dai Giudici di Piazza Cavour è il seguente: "Il modello dell'assicurazione della responsabilità civile con clausole "on claims made basis", che è volto ad indennizzare il rischio dell'impoverimento del patrimonio dell'assicurato pur sempre a seguito di un sinistro, inteso come accadimento materiale, è partecipe del tipo dell'assicurazione contro i danni, quale deroga consentita al primo comma dell'art. 1917 c.c., non incidendo sulla funzione assicurativa il meccanismo di operatività della polizza legato alla richiesta risarcitoria del terzo danneggiato comunicata all'assicuratore. Ne consegue che, rispetto al singolo contratto di assicurazione, non si impone un test di meritevolezza degli interessi perseguiti dalle parti, ai sensi dell'art. 1322, secondo comma, c.c., ma la tutela invocabile dal contraente assicurato può investire, in termini di effettività, diversi piani, dalla fase che precede la conclusione del contratto sino a quella dell'attuazione del rapporto, con attivazione dei rimedi pertinenti ai profili implicati, ossia (esemplificando): responsabilità risarcitoria precontrattuale anche nel caso di contratto concluso a condizioni svantaggiose; nullità, anche parziale, del contratto per difetto di causa in concreto, con conformazione secondo le congruenti indicazioni di legge o, comunque, secondo il principio dell'adeguatezza del contratto assicurativo allo scopo pratico perseguito dai contraenti; conformazione del rapporto in caso di clausola abusiva (come quella di recesso in caso di denuncia di sinistro)".
Della serie, non è tutto oro quel che luccica: spostare l'attenzione del giudice di merito dal giudicato di meritevolezza alla valutazione della condotta precontrattuale dell'assicuratore (alias l'intermediario) amplia i profili di responsabilità di quest'ultimo rendendo incerte le ricadute sul sistema del nuovo orientamento della Cassazione, che ritiene, così, di acquietare le draconiane spinte interne, rifacendosi al concetto di adeguatezza, dai confini, però, ad oggi ancora incerti e indefiniti.
Avv. Pasquale Santoro

 

Leggi tutto...

Tribunale di Firenze: indennizzo diretto, il mancato invio della richiesta di risarcimento da parte del responsabile determina la improponibilità della domanda

MILANO - In caso di sinistro stradale tra due veicoli a motore, nella procedura per indennizzo diretto (art. 149 CAP), per prassi, ciascuno dei proprietari dei veicoli coinvolti nell'incidente invia la richiesta di risarcimento alla propria compagnia e non anche a quella di controparte - al contrario di quanto accade nella procedura ordinaria (v. art. 145 CAP) - al fine di ottenere da questa il risarcimento diretto, per conto dell'impresa di assicurazione del veicolo responsabile (ferma la successiva regolazione dei rapporti fra le Imprese medesime).
Tale prassi, sino ad oggi largamente condivisa dalla giurisprudenza di merito, viene smentita dal Tribunale del capoluogo toscano con una decisione destinata ad aprire un dibattito dottrinario e giurisprudenziale. Invero, con una recente sentenza il Tribunale di Firenze afferma che il mancato invio della richiesta di risarcimento all'assicuratore di controparte (presunto responsabile del sinistro) determina la improponibilità della domanda, esattamente come accade nel caso di azione ordinaria promossa nei confronti della compagnia del responsabile. Se così non fosse, afferma il giudice fiorentino, l'assicuratore del veicolo responsabile del sinistro non sarebbe messo nella concreta possibilità di valutare l’opportunità di addivenire ad una definizione stragiudiziale della controversia (scopo primario degli artt. 145 e 149 CAP, che tende ad evitare “il facile ricorso alla tutela giurisdizionale in una materia che, per decenni, ha visto proliferare il contenzioso, rappresentando un’autentica criticità per il nostro sistema giudiziario”) o di affrontare, in alternativa, l'alea del giudizio.
Avv. Pasquale Santoro

Leggi tutto...

Corte di Cassazione: nel caso di investimento volontario la polizza Rcauto si estende anche al danno provocato dal criminale

MILANO - La Corte di Cassazione è stata chiamata in queste ore a fornire una interpretazione normativa in materia di copertura Rcauto. Il caso riguardava l'investimento volontario (un tentato omicidio con una vettura, ndr) e il risarcimento alla vittima da parte della compagnia di assicurazioni.
Un uomo era stato dolosamente investito dal conducente di un'auto. In sede penale si era già arrivati ad una sentenza irrevocabile di condanna. I Giudici, in via preliminare. hanno ricordato come il riconoscimento della colpevolezza in via definitiva abbia efficacia di giudicato nel processo civile di risarcimento del danno. Nella fattispecie la Cassazione ha poi chiarito che "in tema di assicurazione obbligatoria dei veicoli a motore, la garanzia assicurativa copre anche il danno dolosamente provocato dal conducente nei confronti del terzo danneggiato, il quale, pertanto, ha diritto di ottenere dall'assicuratore del responsabile il risarcimento del danno".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Tribunale di Napoli: furto auto, nessun indennizzo se si lasciano le chiavi in prossimità del veicolo (anche se in un luogo chiuso)

MILANO - Se siete al mare o in montagna e avete lasciato la seconda vostra vettura in garage, magari con le chiavi nel cruscotto o appese nel box-auto, non dovreste dormire sonni tranquilli. Il Tribunale di Napoli ha, infatti, sentenziato che l'assicurazione non ha l'obbligo del risarcimento per il furto della vettura (ancorché coperta da apposita polizza, ndr) qualora le chiavi si trovino in prossimità del veicolo (sentenza 2459/2018). La sezione IX civile del Tribunale campano era stata chiamata a pronunciarsi in ordine al pagamento (o meno) dell'indennizzo assicurativo da polizza di responsabilità civile.
La proprietaria di un'auto coperta da assicurazione furto/incendio aveva convenuto in giudizio la compagnia di assicurazione per ottenere il risarcimento a seguito del furto della vettura da parte di ignoti. I ladri avevano forzato il box in cui si trovava il veicolo (ma anche le chiavi, ndr).
I giudici partenopei rilevano che "dalla prospettazione dei fatti resa dall'attrice è emersa una violazione da parte dell'assicurato della condizione prevista dal contratto di polizza che esclude la copertura assicurativa per il furto nel caso in cui il contraente non consegni alla compagnia assicuratrice il set completo di chiavi di accensione, ovvero se il furto è agevolato dalla presenza delle chiavi dell'auto all'interno o in prossimità del veicolo. Tale fattispecie rientra nell'ipotesi di colpa grave dell'assicurato ai sensi dell'art. 1900 Codice Civile, a tenore del quale l'assicuratore risulta esonerato dall'indennizzo ogniqualvolta vi sia la responsabilità del contraente nella determinazione dell'evento".
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Corte di Cassazione, ai fini risarcitori anche alcune determinate aree private possono essere equiparate a strade di uso pubblico

MILANO - La Corte di Cassazione ha emesso in queste ore una clamorosa sentenza che ribalta di fatto l'orientamento giurisprudenziale fin qui consolidato. I Giudici hanno stabilito che un'area, quantunque privata ma aperta ad un numero indeterminato di persone che vi hanno accesso giuridicamente lecito, può equipararsi alla strada di uso pubblico. Con tutte le conseguenze in caso di risarcimento. La Cassazione era stata chiamata ad affrontare la questione relativa all'esperibilità dell'azione diretta nei confronti dell'assicuratore per un sinistro avvenuto all'interno di un'area di cantiere. Un dipendente di una ditta che stava effettuando dei lavori all'interno di un cantiere, mentre era intento al compimento di operazioni materiali di apertura del cassone, veniva travolto ed ucciso dalla sabbia trasportata sul veicolo a causa dell'errata manovra del conducente.
Sul punto la Corte precisa che "la natura privata del cantiere, luogo dell'incidente, non è di per sé incompatibile con la qualificazione dello stesso come area di uso pubblico, ai fini ed agli effetti dell'esperibilità dell'azione diretta, già contemplata dalla Legge 990 del 1969". Un principio a questo punto estendibile ad aree come quelle dei parcheggi dei supermercati, degli stadi o dei ristoranti.
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Corte di Cassazione, la responsabilità dell’avvocato in caso di lite temeraria ricade sull'assistito. I rischi ed i consigli legali

MILANO - L’ordinanza n. 15209 depositata il 12 giugno 2018 censura la condotta dell'avvocato che propone un ricorso per Cassazione basato su motivi manifestamente infondati, con l'implicito, intento, potrebbe dirsi, di abusare del processo ovvero al solo fine di prendere tempo. In tal caso la corte stabilisce che:
1) si possa condannare la parte soccombente, per la condotta processuale del proprio avvocato;
2) la condanna prescinde dall'accertamento preliminare della sussistenza del dolo o della colpa: è sufficiente che la parte - o meglio il proprio avvocato - abbia posto in essere "una condotta oggettivamente valutabile alla stregua di abuso del processo", come aver agito "nell'evidenza di non poter vantare alcuna plausibile ragione".
Un esempio può chiarire l'assunto. Se Tizio:
a) ricevuta da Caio la fornitura di una partita di merce non la paga;
b) costringe Caio a promuovere azione giudiziaria nei suoi confronti per il recupero del prezzo della vendita;
c) resiste in giudizio - al solo fine di prendere tempo - sollevando eccezioni processuali (di incompetenza) infondate, di merito (compensazione con un suo precedente credito verso Caio) inesistenti, si potrà configurare una responsabilità sanzionabile dell'avvocato (che ricadrà in sentenza su Tizio, in quanto parte soccombente).
Il principio espresso dalla Suprema Corte, può essere riassunto nella massima che l'avvocato è sempre, e in ogni caso, chiamato a contemperare le esigenze del proprio assistito con quelle del sistema giudiziario, giacché "nella giustizia civile, il primo filtro valutativo - rispetto alle azioni ed ai rimedi da promuovere - è affidato alla prudenza del ceto forense coniugata con il principio di responsabilità delle parti".
La sentenza segue l'orientamento recentemente espresso dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione (n. 16601/2017) che ha ritenuto compatibile con l'ordinamento giuridico italiano il risarcimento c.d. 'punitivo' (tipico del sistema anglosassone che, per ampliare la funzione deterrente e sanzionatoria della responsabilità civile, prevede la risarcibilità del danno in misura maggiore rispetto all'effettiva perdita patrimoniale subita). Da un punto di vista pratico, la condanna per abuso del processo ricadrà in sentenza sulla parte, la quale potrà poi rivalersi nei confronti dell'avvocato. C'è da ritenere che qualora il legale non si sia cautelato, magari attraverso l'acquisizione di un consenso informato (ovvero provi di aver spinto la parte a desistere dall'intentare una lite temeraria), potrà essere chiamato a rispondere del danno dal proprio assistito. In tal caso, è logico dedurre, l'avvocato chiamerà in garanzia la propria assicurazione contro la RC Professionale (se non esclude espressamente i danni punitivi).
Un'argomentazione in più per convincere i più riottosi alla stipula della polizza, che - sebbene rappresenti un obbligo di legge - non prevede sanzioni, se non disciplinari, in caso di mancata sottoscrizione.
Avv. Pasquale Santoro

 

Leggi tutto...

Cassazione, morte da sinistro stradale: risarcimento esteso anche ai componenti di fatto di una famiglia (e non solo ai parenti)

ROMA - Gli affetti valgono come (se non più) del mero legame parentale. Lo ha affermato la Corte di Cassazione con l'ordinanza 18568/18. L'interpretazione normativa nasce a seguito di una triste vicenda che aveva visto coinvolto come vittima di un incidente stradale un componente di fatto di una famiglia. Non dunque un consanguineo ma un "estraneo", pur convivente da tempo. La Corte ha stabilito che "quando, in conseguenza di un sinistro stradale, muore un componente di fatto della famiglia, i superstiti hanno diritto al risarcimento dei danni patrimoniali e non: ciò che conta è che fra loro vi sia stata una relazione affettiva connotata da una stabile convivenza". E ciò in forza dell’art. 1 del Decreto legislativo 212/15, che recepisce la Direttiva europea 2012/29. La terza sezione civile della Cassazione ha stabilito quindi che, in caso di decesso della persona offesa dal reato, possono essere risarciti anche altri soggetti diversi dai cosiddetti "prossimi congiunti". 
Luigi Giorgetti

Leggi tutto...

Il Regolamento UE 2016/679 non si applica al trattamento dei dati personali acquisiti in osservanza della normativa antiriciclaggio

MILANO - Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento (UE 2016/679) del Parlamento Europeo del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale della protezione dei dati). Il Regolamento comunque non incide sul trattamento dei dati personali acquisiti ai fini della prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo (art 23 Reg. UE 2016/679), in quanto la raccolta dei dati, in questo caso, è espressione del superiore interesse pubblico della lotta contro queste particolari forme di criminalità. In linea con quanto affermato dallo stesso legislatore comunitario, che nell'art. 43 della Dir. UE 2015/849 (IV direttiva in materia di antiriciclaggio) afferma: "Il trattamento dei dati personali sulla base della presente direttiva ai fini della prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo di cui all'articolo 1 è considerato di interesse pubblico ai sensi della direttiva 95/46/CE".
Attenzione, però, ciò non significa che i soggetti tenuti agli adempimenti antiriciclaggio - come gli intermediari assicurativi - siano esentati dall'applicazione della normativa, ma semplicemente che:
1) potranno agire in deroga a tale normativa nel caso in cui il trattamento del dato avvenga esclusivamente per gli scopi e per le attività previste dalla legge antiriciclaggio ("tra cui l'adeguata verifica della clientela, il controllo costante, le indagini e la segnalazione delle operazioni anomale e sospette, l'identificazione dei titolari effettivi di persone giuridiche o di istituti giuridici, l'identificazione delle persone politicamente esposte, la condivisione di informazioni tra le autorità competenti e la condivisione di informazioni tra gli enti creditizi e gli istituti finanziari ed altri soggetti obbligati");
2) "La raccolta e il successivo trattamento di dati personali da parte dei soggetti obbligati dovrebbero essere limitati a quanto necessario per conformarsi alle prescrizioni della presente direttiva, senza un ulteriore trattamento dei dati personali che sia incompatibile con gli scopi suddetti";
3) è vietato "... categoricamente l'ulteriore trattamento dei dati personali (acquisiti per la normativa antiriciclaggio) a fini commerciali" (come è detto nel 43simo considerando della Dir. UE 2015/849, da cui sono tratte le parti riportate tra virgolette).
Per conseguenza, il consenso dell'interessato non costituisce condizione necessaria - e non dovrà essere raccolto - per trattare i dati ai soli fini previsti dalla normativa antiriciclaggio. L'eventuale diniego del consenso dell'interessato non è di intralcio all'acquisizione del dato, così come l'interessato non potrà esercitare il cd. diritto all'oblio, ovvero richiedere la cancellazione dei dati (rileva in tal senso l'art. 17 par. 3 del Reg. UE 2016/679) perché il dato viene raccolto dall'intermediario in adempimento di un obbligo legale e nell'esercizio di un pubblico interesse e dovere).
Avv. Pasquale Santoro

Leggi tutto...

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione sanciscono il principio dell’incumulabilità dell’indennizzo con il risarcimento

ROMA - Con la sentenza n. 12565/2018 le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno risolto il contrasto insorto tra le sezioni semplici della stessa Corte affermando il seguente principio di diritto: "Il risarcimento da fatto illecito deve essere liquidato sottraendo all’ammontare del danno risarcibile l’importo dell’indennità derivante da polizza contro i danni che il danneggiato-assicurato abbia riscosso in conseguenza di quel fatto".
La decisione – in margine al tragico incidente aereo di Ustica del 27 giugno 1980 - stabilisce che dal computo del risarcimento spettante alla compagnia aerea titolare del velivolo abbattuto vada detratto quanto essa abbia ottenuto a titolo di indennizzo in virtù dell’assicurazione contro i danni, al verificarsi del sinistro. Argomenta il collegio che sorgono, in capo alla vittima che si sia coperta per tale eventualità, due distinti diritti di credito, con titoli diversi - risarcimento e indennizzo - ma medesima finalità di ristoro per il danneggiato. La sovrapposizione dei due diritti innescherebbe un ingiusto arricchimento da parte della vittima.
Tale principio, applicato alle polizza infortuni, di certo determinerà dei cortocircuiti sia da un punto di vista tecnico che commerciale. È notorio, infatti, che le compagnie di assicurazione inseriscono nelle polizze infortuni una clausola che esclude che la compagnia eserciti il diritto di surroga nei confronti del responsabile, di quanto indennizzato alla vittima, lasciando così libera, quest'ultima, di cumulare l'indennizzo con il risarcimento che riceverà dal terzo. Orbene, stando a quanto afferma Cass. 12233/2014 (che annunciava il cambio di indirizzo, oggi accolto dalla S.C. a SS.UU.) tale clausola (molla commerciale di indubbia rilevanza) sarebbe nulla perché contraria a norme imperative (sul punto specifico, però, le SS.UU. non prendono posizione).
Avv. Pasquale Santoro

Leggi tutto...

Il D.Lgs 68/2018 di attuazione della IDD favorisce i sistemi stragiudiziali di risoluzione delle controversie in materia assicurativa

MILANO - Il Decreto legislativo n. 68/2018 (pubblicato sulla G.U. n. 138 del 16 giugno 2018) - sulla distribuzione assicurativa - che attua la direttiva UE 2016/97, tende ad allargare il più possibile il ricorso alla 'conciliazione', al fine di favorire la definizione bonaria in via stragiudiziale di tutte le controversie con la clientela relative alle prestazioni e ai servizi derivanti da tutti i contratti di assicurazione. Tanto è vero che il comma 34 dell'art. 1 del decreto introduce nel codice delle assicurazioni private l'art. 187-ter (Sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie), a mente del quale "- 1. ... i soggetti di cui all'articolo 6, commi 1, lettere a) [ le imprese di assicurazione o di riassicurazione] e d) [gli intermediari di assicurazione e di riassicurazione e ogni altro operatore del mercato assicurativo] nonché gli intermediari assicurativi a titolo accessorio, aderiscono ai sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie con la clientela relative alle prestazioni e ai servizi assicurativi derivanti da tutti i contratti di assicurazione, senza alcuna esclusione".
Ciò è in linea con la volontà del legislatore di ridurre il numero dei procedimenti dinanzi all'Autorità giudiziaria, garantendo, comunque, una tutela ispirata a criteri di celerità ed economicità. Il tutto, però, è subordinato all'emanazione di un " ... decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro della giustizia, su proposta dell'Ivass "che dovrà determinare " ... i criteri di svolgimento delle procedure di risoluzione delle controversie di ..., i criteri di composizione dell'organo decidente, in modo che risulti assicurata l'imparzialità dello stesso e la rappresentatività dei soggetti interessati, nonché la natura delle controversie, relative alle prestazioni e ai servizi assicurativi derivanti da un contratto di assicurazione", tenuto conto che "Le procedure devono in ogni caso assicurare la rapidità, l'economicità e l'effettività della tutela".
In attesa del decreto resta impregiudicato, comunque, "il ricorso ad ogni altro strumento di tutela previsto dall'ordinamento".
Avv. Pasquale Santoro

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 697

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /web/htdocs/www.snachannel.it/home/libraries/joomla/filter/input.php on line 700