Giovedì, 23, Mag, 8:04 PM

Social Network :

Un momento dell'intervento di Salvo Lisi


CATANIA - Il secondo incontro di educazione civica organizzato dalla Fondazione Nuovo Mezzogiorno si è tenuto venerdì 2 febbraio nell'aula magna del Liceo Classico "M. Amari" di Giarre (Catania). È stata un'occasione durante la quale gli studenti hanno avuto l'opportunità di approfondire tematiche cruciali per la formazione di una coscienza civica.
Salvo Lisi, Segretario della Fondazione, ha inaugurato l'evento sottolineando il ruolo svolto dalla struttura associativa e l'importanza della collaborazione con Odimed LD, Osservatorio Internazionale sui Diritti Umani nei Paesi del Mediterraneo. Lisi ha sottolineato l'obiettivo di promuovere l'educazione civica in varie sfaccettature, fondamentale per il formarsi di una cittadinanza consapevole, iniziando dalla gioventù.
L'incontro si è articolato in due parti. La prima ha affrontato il tema dell'Educazione e Sicurezza Stradale, con una dettagliata relazione di Giuseppe Giardinella, esperto del Sindacato nazionale degli agenti di assicurazione. Giardinella ha evidenziato l'importanza della prevenzione dei rischi e il ruolo cruciale degli agenti di assicurazione nella promozione della sicurezza stradale; oltre a Giardinella, sono intervenuti anche i formatori della provinciale Sna di Catania, Giovanni De Vita, Francesco Ruberto e Paolo Lisi che hanno approfondito ed evidenziato gli aspetti della relazione esposta dal componente di Esecutivo Nazionale, Giuseppe Giardinella.
In seguito, Biagio Andò, Docente di Diritto Privato Comparato presso l'UniCz Magna Grecia, ha presentato il tema "Privacy e Tecnologia". Ha illustrato l'evoluzione del concetto di privacy, sottolineando che essa non è nata con il mondo digitale ma ha radici antiche. Andò ha evidenziato le differenze normative tra Europa e Stati Uniti, sottolineando come i valori alla base delle leggi siano orientati in modo diverso. In Europa, ad esempio, la privacy è strettamente connessa alla tutela della persona e della sua dignità, incorporando sia le libertà negative che quelle positive. Andò ha spiegato come la privacy sia considerata un diritto fondamentale della personalità, includendo una serie di diritti soggettivi e stabilendo le basi per le azioni legali di tutela.
Alla fine dell'incontro, numerosi studenti hanno interagito con i relatori, mostrando un vivo interesse per le tematiche trattate e confermando l'importanza di eventi formativi come questo nell'ambito dell'istruzione civica.
Tiziano Salerno

ARCHIVIO NOTIZIE

GRUPPI AZIENDALI ACCREDITATI SNA